Google Contributor, siti web senza pubblicita' se paghiamo

Google Contributor, siti web senza pubblicita' se paghiamo

Google ha lanciato un nuovo servizio chiamato Contributor, progettato per consentire agli utenti di Internet di pagare un canone mensile per i siti che visitano, e in cambio non vedono gli annunci di Google quando visitano questi siti.

 

Scritto da , il 21/11/14

Seguici su

 
 

Google viene spesso criticata dagli editori per prendere il loro contenuto senza chiedere prima, ma il gigante del web ha probabilmente fatto di più per sperimentare opzioni alternative di monetizzazione per il contenuto di qualsiasi altro media.

Giovedi Google ha lanciato un nuovo servizio chiamato Google Contributor, che è stato progettato per consentire agli utenti di Internet di pagare un canone mensile per i siti che visitano, e in cambio non vedono gli annunci di Google quando visitano questi siti.

Una modalità che potrebbe consentire da una parte di premiare gli editori migliori, in grado di offrire ottimi contenuti ai propri utenti e dall'altra consentire ai lettori di poter visitare un sito senza interruzioni pubblicitarie.

Google ha detto che la nuova funzione sarà testata con 10 partner editoriali, tra cui Mashable, Imgur, WikiHow e Science Daily negli Stati Uniti.Quando un utente va sul sito web di Google Contributor (per il momento l'accesso è solo su invito) vede un elenco degli editori che partecipano alla versione beta del programma e si può scegliere se contribuire con 1 dollaro, 2 dollari o 3 dollari al mese.

Il contributo - che è gestito tramite l'account Google di un utente, usando qualsiasi metodo di pagamento associato a Wallet - non vale per tutti i siti web che partecipano, ma viene attivato solo quando l'utente visita il sito specifico per cui ha pagato.

Per gli editori, i contributi sono gestiti attraverso i loro conti pubblicitari di Google esistenti, attraverso cui il gigante della ricerca prende sempre una piccola percentuale dei proventi. I contributi degli utenti, oltre che essere un valore aggiunto per un editore che si vede apprezzare dai lettori i contenuti che pubblica, sono un'alternativa al fare affidamento solo su Google AdSense.

La società ha detto che per questo periodo iniziale di test ha scelto partner che non hanno troppo traffico (con l'eccezione di Mashable, che ottiene 40 milioni di utenti unici al mese) perché voleva iniziare in piccolo e vedere quanto la funzione può piacere.

 
Google Contributor
Google Contributor
 

Il messaggio Grazie al posto della Pubblicita'

Una delle caratteristiche più interessanti del progetto è che, dopo che un utente paga via Google Contributor, l'utente non visualizzerà più la pubblicità di Google sulle pagine del sito per cui ha pagato.

Al posto della pubblicità, invece, si vedrà un messaggio da parte dell'editore in cui ringrazia per il contributo dato. In alcuni casi, sulle versioni mobili del sito, gli annunci possono scomparire del tutto.

Il portavoce di Google che ha descritto il progetto ha dichiarato che Contributor è un altro dei tentativi della società per aiutare gli editori e società che operano sul web di monetizzare i propri contenuti e lettori più facilmente, oltre agli esperimenti simili come indagini congiunturali di Google, che consentono ai siti web di richiedere che i lettori compilino un sondaggio prima di ottenere l'accesso ai contenuti.

All'inizio di quest'anno, Google ha anche lanciato un sistema di contribuzione per i creatori di video di YouTube chiamato "Fan Funding", che consente agli spettatori di donare ovunque da 1 a 500 dollari ad un canale di loro scelta.

Potrebbe Google Contributor di diventare una valida alternativa al sistema di paywall per i grandi siti di notizie o anche singoli creatori di contenuti? Resta da vedere, ma Google merita qualche credito per continuare a sperimentare diverse forme di monetizzazione.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google Contributor, siti web senza pubblicita' se paghiamo


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?