Google presenta cucchiaio smart per malati di Parkinson

Google presenta cucchiaio smart per malati di Parkinson

Dai laboratori Google X (progetti speciali) è arrivato il cucchiaio 'smart' che, attraverso centinaia di algoritmi, consente alle persone con tremori importanti o che soffrono del morbo di Parkinson di mangiare senza spargere il contenuto.

 

Scritto da , il 26/11/14

Seguici su

 
 

Google sta investendo molti soldi in un... cucchiaio. Questo cucchiaio è molto più di quello che usiamo per mangiare la minestra, è un cucchiaio 'smart' che, attraverso centinaia di algoritmi, consente alle persone con tremori importanti o che soffrono del morbo di Parkinson di mangiare senza spargere il contenuto del cucchiaio. 

La tecnologia rileva quanto una mano trema e bilancia il peso istantaneamente per bilanciare il centro del cucchiaio, che rimane in equilibrio. Il cucchiaio è in grado di ridurre gli effetti del tremore fino al 76%. "Vogliamo aiutare le persone nella loro vita quotidiana di oggi con la speranza di aumentare la comprensione della malattia nel lungo periodo", ha detto il portavoce di Google Katelin Jabbari.

Altri dispositivi che si adattano al tremolio di una mano sono stati sviluppati per aiutare le persone che soffrono del problema in passato. Fino ad ora, dicono gli esperti, la tecnologia non è stata utilizzata nel giusto modo. "E' totalmente nuovo", ha detto il neurologo dell'UC San Francisco Medical Center, il Dr. Jill Ostrem, specializzato in disturbi del movimento come il morbo di Parkinson. Ostrem ha collaborato con gli inventori per realizzare il cucchiaio smart, ed è stato un bene "straordinario" per alcuni dei suoi pazienti. "Ho alcuni pazienti che non potevano mangiare autonomamente, dovevano essere nutriti, e ora possono mangiare da soli", ha detto.

Più di 10 milioni di persone in tutto il mondo, tra cui la madre del co-fondatore di Google Sergey Brin, soffrono di tremori importanti o del morbo di Parkinson. Brin ha detto che ha donato più di 50 milioni di dollari per la ricerca di una cura.

Il cucchiaio è già in commercio, si può trovare sul sito della compagnia a 300 dollari.

Google ha acquisito nel mese di settembre una piccola startup chiamata Lift Lab fondata dal National of Institutes of Health. Il fondatore di Lift Lab Anupam Pathak ha detto che il suo team lavora presso il gigante della ricerca nella divisione chiamata Google(x) Life Sciences, che sta anche sviluppando una lente a contatto intelligente che misura i livelli di glucosio nelle lacrime per i diabetici e si sta occupando di come le nanoparticelle nel sangue possono aiutare a individuare le malattie. Lavorare in Google è stato motivante, ha detto Pathak, ma la sua attenzione resta sulle persone che ora sono in grado di mangiare autonomamente con il suo dispositivo.

Pathak ha detto che c'è la speranza di aggiungere sensori ai cucchiai per aiutare i ricercatori medici a meglio comprendere, misurare e alleviare i tremori.

Shirin Vala, 65 anni, dell'Oakland, ha sofferto di tremori per circa un decennio. Era in una clinica medica a San Ramon all'inizio di quest'anno quando i ricercatori che stavano sviluppando il cucchiaio smart hanno fatto visita alla clinica e hanno chiesto se qualcuno fosse interessato ad aiutarli. In molti si sono offerti, e Vala è stata una di questi. Senza il cucchiaio, Vala ha detto che mangiare era davvero una sfida, perché le sue mani tremavano così tanto che il cibo cadeva dal cucchiaio prima di poter mangiare. "Tremavo e mi era difficile tenere il cibo in un cucchiaio, in particolare la zuppa o qualcosa come un oliva o pomodoro o qualcosa del genere. E' molto imbarazzante. E' molto frustrante", ha detto. Il cucchiaio sicuramente ha migliorato la sua situazione. "Mi ha sorpreso che ho potuto tenere il cibo molto meglio. [Il cucchiaio mi aiuta a] mangiare [in modo] molto più facile, soprattutto se sono in un ristorante," ha detto.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google presenta cucchiaio smart per malati di Parkinson


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?