Google compra SoftCard per sfidare Apple Pay

Google compra SoftCard per sfidare Apple Pay

 

Scritto da , il 25/02/15

Seguici su

 
 

Google ha raggiunto un accordo con tre grandi operatori wireless statunitensi per sostenere il suo servizio di mobile-payment - Wallet.

Come parte dell'accordo, gli operatori AT&T, T-Mobile e Verizon pre-installeranno l'applicazione Wallet nei telefoni Android venduti negli Stati Uniti a partire da entro la fine dell'anno. Inoltre, Google ha annunciato che acquisirà "tecnologia e la proprietà intellettuale" da SoftCard, il servizio per gestire i pagamenti in mobilità avviato dai tre vettori, per contribuire a migliorare Wallet.

In un post sul blog Lunedi, Google ha detto che l'applicazione Wallet includerà la funzionalità "tap e paga" sui telefoni che eseguono le due versioni più recenti del sistema operativo Android, Lollipop e KitKat.

Il Wall Street Journal ha riferito la scorsa settimana che Google era in trattative con i tre vettori per installare Google Wallet e di acquistare SoftCard, nel tentativo di tenere il passo con il servizio Pay di Apple.

Google ha introdotto il servizio Google Wallet nel 2011, una funzionalità che consente agli utenti di far toccare lo smartphone con i lettori di carte di credito predisposti nei negozi con POS abilitati alla tecnologia NFC "Near Field Communications" grazie al circuito integrato all'interno del telefono. Ma la maggior parte dei vettori wireless hanno rifiutato di precaricare l'applicazione Wallet sui loro telefoni Android e hanno impedito al servizio di accedere al chip NFC dello smartphone in quanto stavano progettando il loro servizio pagamenti, SoftCard. Google ha quindi deciso di fare il grande passa, comprando SoftCard e accordandosi con gli operatori per iniziare a contrastare Apple Pay.

Il fatto che gli operatori hanno sino ad oggi impedito ai telefoni che vendevano (quelli brandizzati, col software modificato dall'operatore) di far sfruttare a Wallet il chip NFC aiuta a spiegare perché il servizio di Google non ha avuto il successo sperato tra i consumatori.

Tim Cook, amministratore delegato di Apple, ha detto il mese scorso che Apple Pay ha rappresentato alla fine dello scorso anno 2 dollari di ogni 3 dollari spesi utilizzando i pagamenti contact-less per le più grandi reti di pagamento. La popolarità di Apple Pay mette nuova pressione su Google per rilanciare il suo servizio proprio di pagamenti in mobilità, dato che vuole che i telefoni Android possano essere sempre più competitivi con iPhone in termini di funzioni avanzate.

Da parte loro, gli operatori wireless hanno un incentivo maggiore a lavorare con Google, perché non ottengono un vantaggio economico da Apple Pay, mentre con Google si.

Giganti tecnologici come Apple e Google hanno buone ragioni per investire nei pagamenti. Entro il 2019, i consumatori potranno acquistare beni per un valore di 142 miliardi di dollari attraverso i servizi di mobile-payments, contro il valore di 52 miliardi di dollari nel 2014, secondo Forrester Research.

INDISCREZIONE DEL 20 GENNAIO 2015

Google può essere al lavoro per competere contro Apple nel mercato dei pagamenti in mobilità.

Il gigante di Internet è, secondo quanto riferiscono le fonti di TechCrunch e The Wall Street Journal, in trattative per acquisire SoftCard, una società che aiuta le persone a pagare utilizzando i loro dispositivi mobili. L'accordo per l'acquisto dell'azienda di pagamenti - una joint venture tra i vettori AT&T, Verizon e T-Mobile - si dice che abbia un valore di circa 100 milioni di dollari.

Sia Google che SoftCard hanno rifiutato di commentare il possibile accordo. "Non abbiamo un commento o qualsiasi altra risposta verbale o non verbale a questo tipo di voci", ha detto un portavoce di Google.

L'acquisto significherebbe una spinta più aggressiva da parte di Google per competere nel mondo dei pagamenti mobili, un mondo che le aziende della Silicon Valley sperano di espandere.

PayPal, una delle aziende di maggior successo per quanto concerne i pagamenti, è stata venduta a eBay nel 2002 per 1,5 miliardi di dollari. Da allora, aziende grandi e piccole, che vanno da Amazon a Facebook, hanno tutte cercato di lanciare un proprio servizio per i pagamenti, in particolare sul Web.

Anche Apple ha messo in campo il suo sforzo, chiamato Apple Pay, nello scorso mese di ottobre. Meno di 72 ore dopo il suo debutto, 1 milione di carte di credito sono state utilizzate attraverso il servizio.

Giganti tecnologici come Apple e Google hanno buone ragioni per investire nei pagamenti. Entro il 2019, i consumatori potranno acquistare beni per un valore di 142 miliardi di dollari attraverso i servizi di mobile-payments, contro il valore di 52 miliardi di dollari nel 2014, secondo Forrester Research.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google compra SoftCard per sfidare Apple Pay


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?