Google mappa il lago Loch Ness a caccia del mostro

Google mappa il lago Loch Ness a caccia del mostro

Google Maps ora propone le immagini a 360 gradi di Street View del lago Loch Ness, in modo che chiunque possa andare alla ricerca del leggendario mostro Nessie.

 

Scritto da , il 21/04/15

Seguici su

 
 
Quale modo migliore per ricordare che sei un gigante della ricerca se non andare alla ricerca di un gigante? Scherzi a parte, il 21 Aprile 2015 è il giorno dell'81esimo anniversario della più famosa fotografia del Mostro di Loch Ness, soprannominato anche Nessie, la creatura leggendaria che vivrebbe nel lago Loch Ness della Scozia. Per questo Google ha dedicato un Doodle speciale al 'mostro'. Tuttavia, le sorprese non sono finite qui.

Google si è addentrata nelle acque increspate d'Europa. Per la precisione, Google ha preso le sue telecamere usate per mappare le strade con foto a 360 gradi da poter utilizzare nel suo servizio Street View di Maps, le ha portate con sè su una barca per andare a fare visita al mostro di Loch Ness. La società ha inoltre portato con sé alcuni subacquei, dotati anch'essi di telecamere subacquee, per mappare anche parti della superficie del lago Loch Ness della Scozia. Tranquilli, non c'è traccia del misterioso mostro di Loch Ness nelle foto catturate da Google... o forse si?

Nel corso degli anni, diverse persone hanno affermato di aver trovato il mostro. Guarda caso, tuttavia, le fotografie che hanno presumibilmente ritratto la sagoma del mostro sono sempre state sfocate o fatte da lontano, o semplicemente ritoccate al computer. Ad oggi, non esiste alcuna prova dell'esistenza del cosiddetto "mostro" di Loch Ness.

"La maggior parte delle persone hanno una visione romanzata della creatura che, leggenda vuole, scandaglia le profondità del Loch" scrive Google in un post sul blog in cui presenta le foto a 360 gradi scattate sul lago. "Affettuosamente conosciuto come 'Nessie', [il mostro] ha presente nel folklore, danze e nell'immaginazione dei bambini, e penetra nella nostra società attraverso insegnamenti e ispirazioni di tutto, dalla musica pop alla cultura pop di pulp fiction".

Il 21 Aprile 2015 ricorre l'81esimo anniversario della più famosa fotografia del Mostro di Loch Ness, quella scattata nell'aprile del 1934 da Robert Kenneth Wilson, oggi considerata come "una delle testimonianze più influenti riguardo al mostro" diventando la "foto del chirurgo". La foto finì in prima pagina dello Scottish Daily Record con il titolo "Misterioso oggetto nel Loch Ness".
 
Google Street View Loch Ness
Google Street View Loch Ness
 
 
Google Street View Loch Ness - un subacqueo
Google Street View Loch Ness - un subacqueo
 
Leggi anche:

"E' la foto più iconica nella storia del Loch Ness e può essere una delle bufale più elaborati della nostra epoca", scrive Google nel post. "Oggi, per celebrare l'anniversario della sua uscita, stiamo portandole immagini a 360 gradi di Street View di Loch Ness in Google Maps, in modo che anche voi possiate andare alla ricerca di Nessie".

"Percorri il lago di acqua dolce e ammira la sua bellezza inquietante, reso ancora più scuro dalle particelle di torba si trovano nelle sue acque. Lasciate che il Loch sblocchi lo spirito della vostra immaginazione, dove l'acqua increspata, effetti della luce, e tronchi alla deriva portarno la leggenda di Nessie a vita" prosegue Google.

Adrian Shine, leader del progetto Loch Ness & Morar Project, è stato impegnato nel lavoro sul campo nelle Highlands dal 1973 ed è stato parte integrante nella collaborazione con Google per creare la collezione delle foto a 360 gradi di Street View del lago. Vero esperto di Loch Ness, Shine ha registrato più di 1.000 avvistamenti di Nessie e offre spiegazioni scientifiche alle persone che affermano di aver visto il misterioso mostro della Scozia.

Formato da una serie di corpi interrelati d'acqua, tra cui il fiume Oich a sud e il Bona Narrows a nord, Loch Ness si estende per 23 km a sud ovest di Inverness. Anche se non è né il più grande lago scozzese per superficie né per profondità, è il più grande per volume, contenendo più acqua dolce di tutti i laghi di Inghilterra e Galles combinati. E a quasi 800 metri di profondità, c'è un intero mondo sotto la superficie, cosa che ha dato origine alla leggenda di Nessie.

Una particolare immagine individuata dalle telecamere di Google, però, rimette in discussione la presenza di qualcosa o meno nelle acque del lago: "Questa sembra mostrare qualcosa nell'acqua" scrive Google. "Uccello, o un mostro?" chiede Google, lasciando a voi lettori decidere.

 
Guarda c'e' qualcosa. Potete vederlo?
Guarda c'e' qualcosa. Potete vederlo?
 
Leggi anche:

Esplora Loch Ness in Google Maps



Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google mappa il lago Loch Ness a caccia del mostro


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?