Google spiega il primo incidente causato dalla Google Car

Google spiega il primo incidente causato dalla Google Car

 

Scritto da , il 01/03/16

Seguici su

 
 

Una delle vetture che si auto-guidano di Google - una Google Car - è stata coinvolta in un piccolo incidente stradale all'inizio del mese scorso quando ha colpito il lato di un autobus. Non è la prima volta che un veicolo autonomo di Google viene coinvolto in un incidente, ma ciò che rende questo incidente rilevante è il fatto che questa è la prima volta che è stata la macchina di Google ad aver 'causato' l'incidente.

L'incidente ha avuto luogo a Mountain View il giorno di San Valentino, dunque il 14 febbraio scorso, e si è verificato quando la Google Car - una Lexus RX450h - doveva andare nella corsia centrale per fare una svolta a destra aggirando alcuni sacchi di sabbia - sia il veicolo che il suo test driver hanno dato per scontato che un autobus che si stava avvicinando da dietro in quel momento avrebbe rallentato o si sarebbe fermato per lasciare l'auto attraversare. La Lexus ha quindi colpito un lato del bus, a bassa velocità, danneggiando il suo parafango anteriore, ruota e alcuni sensori nell'impatto. Il bus viaggiava a circa 15 miglia all'ora (24 km/h), mentre l'auto di Google a 2 miglia all'ora (4 km/h).

E' stato un piccolo incidente e non ci sono stati feriti. Tuttavia, questo è il primo caso in cui una delle macchine autonome di Google ha causato un incidente.

Google è intervenuta per spiegare cosa è successo, riconoscendo che la colpa è in parte sua di quello che è successo. Google ha inoltre spiegato di aver già ottimizzato il suo software per evitare incidenti simili in futuro.

"Noi abbiamo chiaramente una parte di responsabilità, perché se la vostra auto non si fosse mossa non ci sarebbe stata una collisione". Detto questo, il test driver [la persona che per sicurezza viaggia nelle auto in questa fase di test] ritiene che "l'autobus stava per rallentare o fermarsi per permetterci di entrare in carreggiata e che c'era spazio sufficiente per farlo".

Google ha detto che ha sistemato alcuni "parametri" del suo software che gestisce le auto autonome dopo l'incidente. "D'ora in poi, le nostre auto saranno in grado di capire meglio che gli autobus (e altri veicoli di grandi dimensioni) sono meno propensi a lasciarci passare rispetto ad altri tipi di veicoli, e speriamo di gestire situazioni come questa con più grazia in futuro."

Ecco la dinamica ufficiale dell'incidente come spiegata da Google (via Engadget):

Le nostre self-driving cars spendono un sacco di tempo su El Camino Real, un ampio viale di tre corsie per senso di marcia che attraversa la città natale di Google, Mountain View, e la penisola lungo baia di San Francisco. Con centinaia di semafori e centinaia di altri incroci, questa arteria stradale ci ha aiutato a imparare molto nel corso degli anni. E a San Valentino ci siamo imbattuti in una serie complicata di circostanze su El Camino che ha aiutato a migliorare un'abilità importante per la navigazione strade.

El Camino ha un bel paio di corsie sulla destra sufficientemente ampie per consentire due corsie di traffico. Il più delle volte ha senso guidare nel mezzo. Ma quando ti trovi di dover stare a destra in una strada abbastanza larga per gestire solo due flussi di traffico, ci possono essere dei problemi. Così alcune settimane fa abbiamo iniziato a dare alle macchine che si auto-guidano le capacità di cui ha bisogno per fare ciò che i conducenti umani fanno: avvicinarsi sul lato più a destra della strada. Questa è la norma sociale, perché un veicolo spesso deve fermarsi e attendere il passaggio dei pedoni; questo mentre altri piloti possono continuare sulla loro strada passando sulla sinistra. E' fondamentale per noi sviluppare competenze avanzate che rispettino non solo il codice della strada ma anche lo spirito della strada.

Il 14 febbraio, il nostro veicolo stava guidando in modo autonomo portandosi a destra verso il marciapiede per prepararsi per una svolta a destra. E poi ha rilevato dei sacchetti di sabbia nei pressi di un canale di scolo che bloccavano il suo percorso, quindi aveva bisogno di fermarsi [e poi evitarli]. Dopo aver atteso il passaggio di alcuni altri veicoli, il nostro veicolo, ancora in modalità autonoma, ha iniziato a portarsi verso il centro della corsia alla velocità di circa 2 mph, entrando in contatto con il lato di un autobus che passava viaggiando a 15 mph. La nostra macchina aveva rilevato che l'autobus si stava avvicinando, ma ha presupposto che avrebbe lasciato passare la nostra auto perché eravamo davanti.

Il nostro test driver, che era stato a guardare il bus nello specchio, ha anche lui pensato che l'autobus si sarebbe fermato o avrebbe rallentato. E possiamo immaginare che l'autista del bus ha pensato che la nostra auto si sarebbe fermata. Purtroppo, tutte queste ipotesi hanno portato i due veicoli nello stesso punto nella corsia allo stesso tempo. Questo tipo di fraintendimento avviene tra piloti umani sulla strada ogni giorno.

Questo è un classico esempio di negoziazione che è una parte normale del guidare - tutti cerchiamo di prevedere i movimenti degli altri piloti. In questo caso, abbiamo chiaramente delle responsabilità, perché se la nostra macchina non si fosse mossa non ci sarebbe stata una collisione. Detto questo, il nostro test driver ritiene che l'autobus stava per rallentare o fermarsi per permetterci di passare e che c'era spazio sufficiente per farlo.

Ora abbiamo esaminato questo incidente (e migliaia di variazioni su di esso) nel nostro simulatore in dettaglio e fatto perfezionamenti al nostro software. D'ora in poi, le nostre auto saranno in grado di capire più profondamente che gli autobus (e altri veicoli di grandi dimensioni) sono meno propensi a cedere a noi la strada rispetto ad altri tipi di veicoli, e speriamo di gestire situazioni come questa con più grazia in futuro.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google spiega il primo incidente causato dalla Google Car


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?