Google investe nel futuro degli articoli a pagamento

Google investe nel futuro degli articoli a pagamento

Google ha deciso di meglio promuovere gli articoli online accessibili a pagamento, offrendo anche agli editori nuovi strumenti per attirare clienti paganti.

 

Scritto da , il 02/10/17

Seguici su

 
 

Alphabet - a capo di Google - ha deciso di meglio promuovere le pagine di notizie accessibili a pagamento, offrendo anche agli editori nuovi strumenti per attirare clienti paganti. È un cambio di strategia da parte di Google al fine di venire incontro agli editori che offrono un servizio di informazione (offrendo informazioni per il suo motore di ricerca) ma che hanno iniziato a perdere entrate pubblicitarie negli ultimi anni per come l'internet si è evoluto - ad esempio, sempre piu' lettori si fermano alle notizie che trovano su Facebook, invece che sul motore di ricerca di Google.

Sulla base del fatto che "in genere i nostri utenti hanno indicato che preferiscono non trovare una pagina di registrazione o abbonamento subito dopo aver seguito un link su Google News", Google ha messo a disposizione degli editori tre approcci per l'indicizzazione dei contenuti in Google News. Tra questi, il First Click Free. Di cosa si tratta? Il colosso di Mountain View ha collaborato con servizi di news che richiedono l'iscrizione per fare in modo che il primo articolo visualizzato da un utente di Google News (identificabile dal referrer) non richiedesse l'iscrizione. Anche se il primo articolo poteva essere visualizzato senza iscriversi, qualsiasi altro clic nella pagina dell'articolo richiedeva l'iscrizione o l'accesso al sito di notizie da parte del cliente.

Secondo Google, il First Click Free è stata la soluzione preferita perché ritenuta vantaggiosa sia per gli utenti sia per gli editori partner. Consentiva a Googlebot di indicizzare tutti i contenuti dell'editore, con il conseguente potenziale aumento delle probabilità che gli utenti visitassero il sito e consentendo agli utenti di visualizzare l'articolo di loro interesse, incoraggiandoli al contempo ad iscriversi.

"Il giornalismo fornisce informazioni accurate e tempestive quando è importante, modellando la nostra comprensione di importanti questioni e spingendoci a saperne di più alla ricerca della verità" spiega Richard Gingras, VP di Google News. "La gente entra in Google in cerca di contenuti di alta qualità e il nostro compito è di aiutarli a trovarli. Tuttavia, talvolta il contenuto è dietro un paywall [il 'muro' che limita l'accesso alle news che per essere oltrepassato richiede il pagamento di un abbonamento]. Mentre una ricerca ha dimostrato che le persone stanno diventando sempre più abituate a pagare per le notizie, il processo talvolta difficile di sottoscrivere un abbonamento può essere una svolta. Questo non è buono per gli utenti o per gli editori di notizie che vedono le sottoscrizioni come una fonte sempre più importante di reddito."

Per affrontare questi problemi, Google ha parlato con gli editori di notizie su come sostenere le proprie attività di sottoscrizione, concentrandosi su tre punti, con il piu' grande cambiamento che consiste nella sostituzione del First Click Free con il Flexible Sampling, permettendo agli editori di determinare quanti articoli fornire gratuitamente attraverso il motore di ricerca. Secondo Google, gli editori sono nella migliore posizione per determinare quale livello di gratuità funziona meglio per il servizio che offrono. Quindi, a partire dal mese di Ottobre, Google chiude la politica del First Click Free che ha richiesto agli editori di fornire un minimo di tre articoli gratuiti al giorno tramite Google Search e Google News prima di mostrare alle persone un paywall. Per il lungo termine, Google sta sviluppando una suite di prodotti e servizi per aiutare i publisher di nuovi contenuti a raggiungere nuovi utenti, attivare le sottoscrizioni e aumentare le proprie entrate. Google sta anche esaminando come poter semplificare il processo di acquisto e rendere più facile per gli utenti di Google massimizzare il valore dei loro abbonamenti sulle varie piattaforme di Google.

"Il nostro obiettivo è quello di rendere gli abbonamenti funzionali senza soluzione di continuità ovunque, per tutti" ha detto Gingras. "Terminiamo la nostra politica del First Click Free a favore di un modello di campionamento flessibile [Flexible Sampling] in cui gli editori decideranno quanti, se esistenti, articoli gratuiti vogliono fornire ai potenziali abbonati in base alle proprie strategie aziendali" spiega il VP di Google News, decisione presa in seguito alle ricerche condotte da Google sulle abitudini degli utenti, dai feedback degli editori e dagli esperimenti mensili effettuati con i lettori delle testate New York Times e Financial Times, entrambe le quali offrono servizi di abbonamento ritenuti "di successo".

"La decisione di Google di permettere agli editori di determinare il numero di lettori di contenuti che possono leggere gratis dalla ricerca è uno sviluppo positivo", ha dichiarato Kinsey Wilson, consigliere del CEO del New York Times, Mark Thompson. "Siamo anche incoraggiati dalla volontà di Google di considerare altri modi di supportare modelli di business di abbonamento e non vediamo l'ora di continuare a lavorare con loro per creare soluzioni intelligenti ".

Secondo Gingras, i publisher "riconoscono generalmente che dare alle persone accesso gratuito ai contenuti è il modo per convincere la gente a comprare il loro prodotto". Il Flexible Sampling è un modello che consente alle persone di vedere un numero prefissato di articoli gratuitamente prima che si attivi un paywall. Google suggerisce agli editori di adottare l'approccio mensile, piuttosto che quotidiano, cosi' da avere maggiore flessibilità per sperimentare il numero di storie gratuite da offrire ai lettori e per indirizzare gli utenti a sottoscrivere un abbonamento. Secondo Gingras, per la maggior parte degli editori 10 articoli al mese da far leggere gratis è un buon punto di partenza, e il concetto di "prova prima di acquistare" sottolinea ciò che molti editori già sanno: "hanno bisogno di offrire una qualche forma di prova gratuita per avere successo su Internet.

Per la società di Mountain View, inoltre, sottoscriversi a contenuti in abbonamento per gli utenti non dovrebbe essere così difficile come lo è oggi. Registrarsi su un sito, creare e ricordare password multiple e immettere le informazioni sulla carta di credito: sono tutte azioni che gli utenti meno esperti hanno difficoltà a gestire, e serve semplificare questi passaggi. Come prima cosa, Google ha intenzione di sfruttare le proprie tecnologie per l'identità e i pagamenti esistenti per aiutare le persone a iscriversi ad un sito web di notizie con un solo clic e quindi accedere senza problemi al contenuto in qualunque luogo, sia sul sito dell'editore che sull'app mobile o su Google Edicola, Google Search o Google News. E poiché i prodotti di notizie e modelli di abbonamento variano, Google sta anche collaborando con i publisher di tutto il mondo su come costruire un meccanismo di sottoscrizione che possa soddisfare le esigenze dell'industria dell'informazione e dei consumatori. Google sta anche esplorando come le proprie capacità di apprendimento automatico possano aiutare gli editori a riconoscere i potenziali abbonati e proporre l'offerta giusta al pubblico giusto al momento giusto.

"È estremamente chiaro che la pubblicità da sola non può più pagare per la produzione e la distribuzione del giornalismo di alta qualità - e allo stesso tempo la necessità della società per un giornalismo indipendente e sostenibile non è mai stata più grande. Le entrate basate su lettori, quali i servizi a pagamento o i servizi di sottoscrizione, sono pertanto non solo un elemento essenziale della composizione dei ricavi di un publisher", ha dichiarato Jon Slade, Chief Commercial Officer del Financial Times. "Il Financial Times accoglie con favore i contributi e le azioni di Google per aiutare questo settore critico dell'industria dei media e abbiamo lavorato molto a stretto contatto con Google per aiutare a comprendere le esigenze che i publisher hanno e come può aiutare Google. Questa comprensione reciproca include la possibilità di impostare controlli sulla quantità di contenuti gratuiti forniti ai lettori, processi di promozione e metodi di pagamento ottimizzati.".

Google punta ad aiutare editori grandi, piccoli, nazionali, locali, internazionali creando soluzioni che funzionino per tutti.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google investe nel futuro degli articoli a pagamento


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?