Google Lookout aiuta non vedenti e ipovedenti a conoscere l' ambiente circostante

Google Lookout aiuta non vedenti e ipovedenti a conoscere l' ambiente circostante

Lookout elabora gli elementi che vede attraverso l'obiettivo fotografico e condivide le informazioni che ritiene siano rilevanti (come la presenza di oggetti identificandoli) con l'utente attraverso notifiche vocali.

 

Scritto da , il 10/05/18

Seguici su

 
 

L'intelligenza artificiale oltre che alimentare nuove esperienze di intrattenimento puo' tornare utile per rendere luighi e servizi accessibili per le persone con difficoltà motorie o visive. Google lo sa, e dal momento che per la società di Mountain View l'accessibilità è e vuole restare una priorità costante ha creato e lanciato l'app chiamata Lookout, "un passo per aiutare le persone non vedenti o ipovedenti ad acquisire maggiore indipendenza comprendendo l'ambiente fisico in cui si spostano" come la ha descritta Patrick Clary, Product Manager del Central Accessibility Team di Google.

Stando a quanto condiviso da Google, sono oltre 253 milioni le persone non vedenti o ipovedenti nel mondo. "Per rendere il mondo più accessibile a loro, serve costruire strumenti che possano lavorare con l'ambiente in continua evoluzione che ci circonda" ha detto Clary, secondo cui la nuova app Lookout per device Android "aiuta le persone non vedenti o ipovedenti a diventare più indipendenti dando spunti uditivi mentre incontrano oggetti, testo e persone che li circondano".

Google annuncia la app Lookout


Google invita gli utilizzatori di Lookout di portare il dispositivo su cui l'app è stata installata in un cordino al collo o nel taschino della camicia, con la fotocamera puntata lontano dal corpo. Dopo aver aperto l'app e selezionato una modalità tra le quattro disponibili [Casa, Work & Play, Scansione o Sperimentale (questa permette di testare le funzionalità ancora in sviluppo)] Lookout elabora gli elementi che 'vede attraverso l'obiettivo fotografico' e condivide le informazioni che ritiene siano rilevanti con l'utente: il testo da un ricettario o la posizione di un bagno, un'uscita, una rampa di scale, una sedia o una persona nelle vicinanze. Lookout offre notifiche vocali, progettate per essere utilizzate con un'interazione minima per consentire alle persone di non essere distratte e di rimanere impegnate con l'attività che stanno svolgendo.

Quando si seleziona una modalità specifica, Lookout fornisce informazioni rilevanti in base alla selezione fatta. Ad esempio, se l'utente si sta preparando a svolgere le faccende quotidiane puo' selezionare la modalità "Casa" per sentire le notifiche che gli dicono dove si trovano oggetti come il divano, il tavolo o la lavastoviglie rispetto alla propria posizione (ad esempio "divano a ore 3" significa che il divano è alla destra dell'utente). Attivando la modalità "Work & Play" mentre si è in ufficio è possibile sapere quando ci si trova nelle vicinanze di un ascensore o della tromba delle scale.

Grazie all'apprendimento automatico, nel tempo, man mano che più persone useranno l'app, Lookout apprenderà sempre nuove informazioni per adattarsi meglio a quelle che sono le esigenze degli utenti.

L'esperienza di base viene elaborata sul dispositivo, il che significa che l'app può essere utilizzata senza una connessione Internet.

Lookout di Google sarà disponibile da un certo punto di quest'anno sul Play Store negli Stati Uniti.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google Lookout aiuta non vedenti e ipovedenti a conoscere l' ambiente circostante


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?