Hey Google, Dimmi Qualcosa di Buono

Hey Google, Dimmi Qualcosa di Buono

La nuova funzione 'Tell Me Something Good' per Google Assistant offre una 'dose giornaliera di notizie positive dal mondo'.

 

Scritto da , il 22/08/18

Seguici su

 
 

Le notizie hanno un ruolo importante nella vita di gran parte delle persone, le tengono informate sul mondo e sulle questioni che sono di loro interesse. Le notizie qotidiane sono sempre di piu', anche grazie ai nuovi mezzi di comunicazione, ma questo porta anche ad 'incappare' in notizie 'false' o comunque poco utili, le quali potrebbero mettere in secondo piano notizie che invece potrebbero essere delle "buone notizie"  nel senso che informano su fatti positivi per la comunità. Ed è proprio per la diffusione di queste ultime che Google ha deciso di lavorare alla funzione 'Tell Me Something Good' per il suo Google Assistente.

"Dimmi qualcosa di buono" è la nuova funzione sperimentale per gli utenti di Google Assistant negli Stati Uniti che offre una "dose giornaliera di notizie positive dal mondo" ha spiegato Ryan Burke, Creative Producer di Creative Lab, in un post sul blog di Google. Gli utenti devono solo dire "Hey Google, dimmi qualcosa di buono" per ricevere una breve sintesi di notizie su "persone che stanno risolvendo problemi per le nostre comunità e il nostro mondo".

Per Google una buona notizia, ad esempio, è il fatto che la Georgia State University si è impegnata a raddoppiare il tasso di lauree ed eliminare i divari tra studenti bianchi e neri, oppure come gli apicoltori a East Detroit stanno cercando di aumentare il numero di api per stimolare l'economia locale in declino e come l'Islanda ha frenato gli adolescenti dal bere attuando il coprifuoco serale oppure degli incentivi che vengono dati ai ragazzi che si iscrivono alle attività extrascolastiche.

Le storie che Google Assistente fornisce in risposta al comando "Hey Google, Dimmi qualcosa di buono" provengono da una vasta serie di media e sono curate e sintetizzate dal Solutions Journalism Network, una "no-profit apartitica dedicata alla diffusione del giornalismo delle soluzioni mettendo in evidenza come i problemi sono risolvibili e che fare meglio è possibile" ha detto Burke, secondo cui il giornalismo delle soluzioni (o giornalismo costruttivo) "potenzia e stimola il pubblico, contribuendo a combattere le notizie negative".

Secondo Burke, la funzione "Dimmi qualcosa di buono" non è pensata per essere una "soluzione magica" contro la diffusione delle 'cattive notizie', ma è un esperimento che vale la pena provare perché "è una buona notizia sul buon lavoro che può portare qualcosa di buono alla tua giornata".

La funzione è accessibile, al momento solo negli Stati Uniti, su tutti i dispositivi con supporto per Google Assistente, tra cui Telefoni, Smart Display e speaker intelligenti come Google Home.

Hey Google, Tell Me Something Good



Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Hey Google, Dimmi Qualcosa di Buono


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?