Google monitora gli spostamenti dei propri utenti, UE chiamata ad indagare

Google monitora gli spostamenti dei propri utenti, UE chiamata ad indagare

L'European Consumer Organisation (BEUC) ritiene che Google utilizza vari metodi per incoraggiare gli utenti ad abilitare le impostazioni per la 'cronologia delle posizioni' e 'attività web e app' e tracciare cosi' i loro spostamenti.

 

Scritto da , il 27/11/18

Seguici su

 
 

Le agenzie di tutela dei consumatori di sette paesi dell'Unione Europea hanno presentato reclamo contro Google per aver presumibilmente localizzato "milioni di utenti" in violazione delle norme sulla privacy dell'UE stabilite nel regolamento generale GDPR. In particolare, le agenzie di tutela dei consumatori di Paesi Bassi, Polonia, Repubblica ceca, Grecia, Norvegia, Slovenia e Svezia stanno chiedendo alle rispettive autorità di regolamentazione della privacy di prendere provvedimenti contro Google e le sue "pratiche ingannevoli" in merito alla localizzazione attraverso i dispositivi Android, stando a quanto riportato da Reuters, secondo cui Google sta già affrontando una causa simile negli Stati Uniti per presunto monitoraggio degli utenti proprietari di smartphone Android.

L'European Consumer Organisation (BEUC) ritiene che Google utilizzi vari metodi per incoraggiare gli utenti ad abilitare le impostazioni per la "cronologia delle posizioni" e "attività web e app" accessbili a chi ha un account Google.

"Queste pratiche sleali lasciano i consumatori all'oscuro dell'uso dei loro dati personali", ha dichiarato il BEUC, parlando a nome dei gruppi dei consumatori dei paesi che hanno fatto richiesta di chiarimenti. "Queste pratiche non sono conformi al regolamento sulla protezione dei dati generali (GDPR), in quanto Google non dispone di una base giuridica valida per l'elaborazione dei dati in questione. In particolare, il rapporto mostra che il consenso degli utenti fornito in queste circostanze non è dato liberamente. "

Il GDPR è il regolamento generale sulla protezione dei dati emanato dall'Unione europea in materia di trattamento dei dati personali e di privacy. E' stato concepito per consentire agli utenti di controllare i propri dati condivisi online e prevede sanzioni del valore fino al 4% del volume globale di affari per ciascuna azienda che viola le regole.

La "Cronologia delle posizioni" è un'impostazione a livello di Account Google che salva i luoghi in cui l'utente si reca con tutti i dispositivi mobili in cui ha eseguito l'accesso al proprio Account Google e su cui ha attive la 'Cronologia delle posizioni' e la funzione 'Segnalazione della posizione'. Secondo Google, attivando la Cronologia delle posizioni gli utenti possono riscontrare numerosi vantaggi nei prodotti e servizi Google, tra cui mappe personalizzate, consigli basati sui luoghi visitati, aiuto per trovare il proprio telefono, aggiornamenti in tempo reale sul traffico lungo il tuo tragitto giornaliero e annunci più utili. La Cronologia delle posizioni è disattivata per impostazione predefinita per gli Account Google e può essere attivata solo se l'utente decide di farlo. L'utente è libero di mettere in pausa la Cronologia delle posizioni quando vuole nella Gestione attività dell'Account Google ed è possibile stabilire quali contenuti salvare nella propria Cronologia delle posizioni.

Come segnalato da Phonearena, la scorsa estate è stato rivelato che, anche interrompendo il monitoraggio della "Cronologia delle posizioni" sul proprio account Google non impedisce a Google di raccogliere i dati sulla posizione dei dispositivi. Infatti, si è scoperto che l'impostazione separata chiamata "Attività Web e App", che è abilitata per impostazione predefinita, deve essere disattivata per impedire effettivamente il rilevamento della posizione.

Un portavoce di Google ha dichiarato: "La Cronologia delle posizioni è disattivata per impostazione predefinita e puoi modificarla, eliminarla o metterla in pausa in qualsiasi momento. Se attivata, aiuta a migliorare i servizi come il traffico previsto durante i tuoi spostamenti. "

Attivare o disattivare la Cronologia delle posizioni.
E' possibile attivare/disattivare la Cronologia delle posizioni per il proprio account Google in qualsiasi momento (se si utilizza un account scolastico o di lavoro, l'amministratore deve mettere questa impostazione a disposizione). Ecco come fare: sul telefono o tablet Android, apri l'app Impostazioni App Impostazioni e poi Google e poi Account Google, quindi tocca Dati e personalizzazione in alto, quindi in "Gestione attività" tocca Cronologia delle posizioni e poi Gestisci impostazione; a questo punto imposta se il tuo account debba segnalare o meno la Cronologia delle posizioni a Google scegliendo tra 'Il tuo account e tutti i tuoi dispositivi' (in alto, attiva o disattiva la Cronologia delle posizioni) e 'un solo dispositivo in particolare' (nella sezione "Questo dispositivo" o "Altri dispositivi su questo account", attiva o disattiva le impostazioni).

Attivare o disattivare Attività web e app.
Sul computer, visitare visita la pagina Gestione attività (https://myaccount.google.com/activitycontrols/search) del proprio account Google per attivare/disattivare l'opzione Attività web e app. Su un dispositivo mobile Android, a seconda del device, bisogna aprire le impostazioni Google da una delle seguenti posizioni: App Impostazioni e poi Google / Impostazioni Google / app Impostazioni e poi 'Generali'.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google monitora gli spostamenti dei propri utenti, UE chiamata ad indagare


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?