Google spiega come combatte le false notizie in Ricerca, Notizie, YouTube e annunci

Google spiega come combatte le false notizie in Ricerca, Notizie, YouTube e annunci

Google spiega come è impegnata ad affrontare la diffusione della disinformazione attraverso i suoi prodotti, quali Ricerca, News, YouTube e i suoi sistemi pubblicitari.

 

Scritto da , il 19/02/19

Seguici su

 
 

In occasione della Munich Security Conference, Google ha presentato un documento in cui fornisce dettagli sul lavoro che sta svolgendo per affrontare la diffusione intenzionale della disinformazione attraverso i suoi prodotti, quali Google Ricerca, Google News, YouTube e i suoi sistemi pubblicitari.

Google si sta impegnando per combattere la disinformazione attraverso i suoi prodotti sulla base di quelli che ha definito "tre pilastri fondamentali": migliorare i prodotti Google in modo che continuino ad essere di qualità, contrastare i malintenzionati che cercano di diffondere la disinformazione, e dare alle persone il contesto delle informazioni che si trovano di fronte.

Il documento spiega anche come Google è impegnata nel lavorare al di là dei suoi prodotti per "supportare un ecosistema giornalistico sano, collaborare con la società civile e i ricercatori e rimanere un passo avanti rispetto ai rischi futuri.

"Fornire informazioni utili e affidabili alla scala che Internet ha raggiunto è enormemente complesso e una responsabilità importante. In aggiuta a tale complessità, negli ultimi anni abbiamo visto campagne organizzate utilizzare piattaforme online per diffondere deliberatamente informazioni false o fuorvianti. Abbiamo venti anni di esperienza in queste sfide informative ed è ciò che ci sforziamo di fare meglio di chiunque altro. Quindi, mentre abbiamo ancora del lavoro da fare, abbiamo lavorato duramente per combattere questa sfida per molti anni" ha commentato Kristie Canegallo, VP of Trust & Safety di Google, in un post sul blog aziendale, aggiungendo che "Speriamo che questo documento e una maggiore trasparenza possano portare ad un maggiore dialogo su ciò che noi e gli altri possiamo fare meglio su questi temi. Ci impegniamo ad agire in modo responsabile e completo mentre affrontiamo questa importante sfida". 

Nell'introduzione al documento si legge:
"L'Internet aperto ha permesso alle persone di creare, connettere e distribuire informazioni come mai prima d'ora. Ci ha esposto a prospettive ed esperienze prima inaccessibili. Ha consentito un maggiore accesso alla conoscenza per tutti. Google continua a credere che Internet sia un vantaggio per la società, contribuendo all'educazione globale, all'assistenza sanitaria, alla ricerca e allo sviluppo economico, consentendo ai cittadini di acquisire maggiore conoscenza e coinvolgimento attraverso l'accesso alle informazioni ad una scala senza precedenti. Tuttavia, come altri canali di comunicazione, Internet aperto è vulnerabile alla propagazione organizzata di informazioni false o fuorvianti. Negli ultimi anni, le preoccupazioni per il fatto che siamo entrati in un'era "post-verità" sono diventate un argomento controverso del dibattito politico e accademico. Queste preoccupazioni riguardano direttamente Google e la nostra missione: organizzare le informazioni del mondo e renderle universalmente accessibili e utili. Quando i nostri servizi vengono utilizzati per diffondere informazioni ingannevoli o fuorvianti, la nostra missione è compromessa. Il modo in cui aziende come Google affrontano queste preoccupazioni ha un impatto sulla società e sulla fiducia che gli utenti hanno nei nostri servizi. Prendiamo molto sul serio questa responsabilità e crediamo che inizi con la trasparenza delle nostre politiche, invitando feedback, abilitando gli utenti e collaborando con i responsabili delle politiche, la società civile e gli accademici di tutto il mondo. Questo documento delinea la nostra prospettiva sulla disinformazione e su come la trattiamo in Google. Inizia con le tre strategie che comprendono la nostra risposta attraverso i prodotti e una panoramica dei nostri sforzi oltre lo scopo dei nostri prodotti. Continua con uno sguardo approfondito su come queste strategie vengono applicate e ampliate in Google Ricerca, Google News, YouTube e ai nostri prodotti pubblicitari. Accogliamo con favore un dialogo su ciò che funziona bene, cosa no e su come possiamo lavorare con gli altri nel mondo accademico, nella società civile, nelle redazioni e nei governi per affrontare le sfide in continua evoluzione della disinformazione."

La disinformazione per Google:
"Come tutti abbiamo sperimentato negli ultimi anni, le parole 'disinformazione' e 'notizie false' significano cose diverse per persone diverse e possono diventare politicamente importanti quando sono usate per caratterizzare i propagatori di una specifica ideologia o minare gli avversari politici. Tuttavia, c'è qualcosa di oggettivamente problematico e dannoso per i nostri utenti quando gli attori malintenzionati tentano di ingannarli. Una cosa è sbagliare, un'altra cosa è divulgare intenzionalmente le informazioni che si sa essere inaccurate con la speranza che gli altri credano che siano vere o creare discordia nella società. Ci riferiamo a questi sforzi deliberati per ingannare e fuorviare usando la velocità, la scala e le tecnologie del web aperto come 'disinformazione'. Le entità coinvolte nella disinformazione hanno una serie di obiettivi diversi. Alcuni sono finanziariamente motivati, impegnati in attività di disinformazione allo scopo di ottenere un profitto. Altri sono politicamente motivati, si impegnano nella disinformazione per promuovere specifici punti di vista tra una popolazione, per esercitare influenza sui processi politici, o al solo scopo di polarizzare e fratturare le società. Altri si impegnano nella disinformazione per il proprio divertimento, che spesso coinvolge il bullismo, e vengono comunemente definiti 'troll'. I livelli di finanziamento e sofisticazione variano tra queste entità, dalle operazioni locali mom-and-pop alle campagne ben finanziate e sostenute da uno stato. Inoltre, i propagatori di disinformazione a volte finiscono per lavorare insieme, anche involontariamente. Ad esempio, gli attori politicamente motivati potrebbero enfatizzare un pezzo di disinformazione a cui i gruppi motivati finanziariamente potrebbero aggrapparsi perché sta ricevendo sufficiente attenzione da essere una potenziale fonte di entrate. A volte, una narrativa di disinformazione di successo viene propagata dai creatori di contenuti che agiscono in buona fede e ignorano gli obiettivi dei suoi autori. Questa complessità rende difficile ottenere un quadro completo degli sforzi degli attori che si impegnano nella disinformazione o valutare l'efficacia dei loro sforzi. Inoltre, poiché può essere difficile determinare se un propagatore di falsità online stia agendo in buona fede, le risposte alla disinformazione corrono il rischio di danneggiare inavvertitamente l'espressione legittima".

Riguardo l'offrire contenuti di qualità su Google Ricerca, la società spiega: "I nostri prodotti sono progettati per ordinare quantità immense di materiale e fornire contenuti che soddisfino al meglio le esigenze dei nostri utenti. Ciò significa fornire informazioni di qualità e messaggi commerciali affidabili, soprattutto in contesti che sono soggetti a rumors e alla propagazione di informazioni false (come eventi di cronaca). Mentre ogni prodotto e servizio implementa questo in modo diverso, condividono principi importanti che assicurano che i nostri algoritmi trattino i siti web e i creatori di contenuti in modo equo e uniforme: le informazioni sono organizzate da "algoritmi di classificazione" orientati a garantire l'utilità dei nostri servizi, come misurata dai test degli utenti, non promuovendo i punti di vista ideologici degli individui che li costruiscono o controllano. Quando si tratta di Ricerca Google, è possibile trovare una spiegazione dettagliata di come tali algoritmi operano su google.com/search/howsearchworks".

Il documento pdf puo' essere consultato a questo indirizzo: https://www.blog.google/documents/33/HowGoogleFightsDisinformation.pdf


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google spiega come combatte le false notizie in Ricerca, Notizie, YouTube e annunci


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?