Google invita le ragazze a cambiare le regole dei giochi

Google invita le ragazze a cambiare le regole dei giochi

Google ha aperto la sua seconda sfida annuale Change the Game Design con Girls Make Games per ispirare le giovani adolescenti a prendere in considerazione una carriera nei videogiochi.

 

Scritto da , il 16/04/19

Seguici su

 
 

Google è alla ricerca di ragazze pronte a condividere la loro idea e la loro visione di un gioco per il futuro dei giochi dandogli la possibilità di vedere il loro gioco prendere vita su Google Play. Google ha aperto la sua seconda sfida annuale Change the Game Design con Girls Make Games per ispirare le giovani adolescenti a prendere in considerazione una carriera nei videogiochi e per celebrare le donne come players e creators.

Alla vincitrice del Grand Prize Winner andrà una borsa di studio per il college di 15.000 dollari e 15.000 dollari per il programma tecnologico della scuola o del centro comunitario che frequenta. Le prime cinque finaliste serviranno come direttori creativi per il loro gioco, collaborando con Girls Make Games e veterani del settore dei giochi per lo sviluppo e il lancio su Google Play. Inoltre, riceveranno un viaggio a Los Angeles - tutto spesato - per parlare del loro gioco e incontrare i mentori che contribuiranno allo sviluppo di esso.  Le finaliste si uniranno ad una celebrazione delle donne nel mondo dei videogame, parteciperanno ad un tour VIP di Google Los Angeles, una borsa di studio per frequentare il Summer Camp Girls Make Games e altro ancora.

Il concorso è aperto solo ai residenti negli Stati Uniti. Per ulteriori informazioni visitare g.co/ctgdesignchallenge.

Google Play: Change the Game Design Challenge 2018


Lo scorso anno il Grand Prize Winner è stato vinto da Christine, 17 anni, di Vancouver, Washington. Christine è la creatrice di "Mazu", un gioco a piattaforme a scorrimento laterale sul viaggio di un giovane mutaforma attraverso una foresta infestata da pericoli. Da tempo giocatrice, Christine ha notato fin da subito la chiara distinzione tra giochi fatti per ragazze e giochi fatti per ragazzi. "Come aspirante artista nel settore dei giochi, non voglio ripetere questo ciclo basato sul genere in futuro", afferma Christine. Il suo obiettivo nello sviluppo di un gioco era di creare una sfida memorabile che potesse essere apprezzata da tutti, indipendentemente dal sesso.

Tra le finaliste della passata edizione della sfida Change the Game Design c'era Dakota, 14 anni, da Encino, California.  Il gioco di Dakota, "EcoVerse", è una serie di minigiochi per pulire, piantare e portare la vita animale sui pianeti come parte della squadra di restauro galattico. "Molti giochi sono incentrati sulla distruzione delle cose, e perchè non fare un gioco su come costruire cose e farle rinascere?" Questa domanda e la passione per vivere hanno ispirato Dakota a creare "Ecoverse".

Altra finalista è stata Lily, 14 anni, di Poplar, Wisconsin. Lily è stata ispirata da emozioni e occhi, due finestre nell'anima, per creare "The Other Realm", un puzzle game di avventura incentrato sull'identità. "Il gioco riguarda il guardare le cose attraverso un obiettivo diverso", dice, aggiungendo che "gli occhi possono contenere emozioni che potresti non notare". E ancora, Erin, 18 anni, di Freehold, nel New Jersey. Erin ha creato "Symphony", un gioco ritmico che esplora la musica come un mezzo per una ragazza di connettersi con il nonno defunto per mostrare le proprietà curative della musica. Erin dice che attraverso la pratica e l'amore per il mestiere "chiunque può diventare un prodigio fatto da sé". Dopo aver partecipato alla Sfida progettuale, Erin si è interessata ad entrare nell'industria del gaming. Infine, Lauren, 17 anni, di Birmingham, Alabama. Il gioco di Lauren, "Palette", simula l'eterna lotta di ogni artista: trovare il colore giusto. Rivela quadri famosi nel corso della storia mescolando diversi colori da una tavolozza per abbinare un colore di destinazione. Secondo Lauren, "Change The Game mi ha insegnato che l'industria del gioco abbraccia persone con tutti gli interessi, dai musicisti ai programmatori." Anche Lauren ha progettato di perseguire un futuro nello sviluppo di giochi.

Leggi anche:

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Google invita le ragazze a cambiare le regole dei giochi


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?