Google a Cesaria Evora, cantante capoverdiana, dedica il doodle del 27 agosto 2019

Google a Cesaria Evora, cantante capoverdiana, dedica il doodle del 27 agosto 2019

Soprannominata la 'diva a piedi nudi' per la sua abitudine di esibirsi scalza, Cesaria Evora e' probabilmente la cantante di morna piu' conosciuta al mondo.

 

Scritto da il 27/08/19 | Pubblicato in Google Doodle | | | Archivio 2019

Seguici su

 
 

Google dedica il suo doodle di martedi 27 agosto 2019 al 78esimo anniversario della nascita di Cesária Évora, famosa cantante capoverdiana. Andiamo a scoprire chi è e altre curiosità grazie al team dietro al doodle, che ha riassunto la vita dell'artista nel proprio portale.

Nata a Mindelo, una città portuale sull'isola di São Vicente al largo della costa dell'Africa occidentale il 27 agosto del 1941, Cesária è cresciuta in un orfanotrofio e ha iniziato a cantare nei bar e nelle navi da crociera da adolescente. La sua specialità era il genere morna, la musica nazionale tipica di Capo Verde, che ha portato ad un pubblico internazionale e le ha fatto guadagnare diversi riconoscimenti tra cui un Grammy Award.

Conosciuta per l'esecuzione a piedi nudi (per questo veniva soprannominata 'diva a piedi nudi'), cantava in Kriolu, una miscela di dialetti portoghesi e africani, accompagnata da piano, chitarra o cavaquinho, una chitarra portoghese a quattro corde. Anche se è stata invitata a cantare alla radio locale e due di queste registrazioni sono state pubblicate in Europa, non ha potuto vivere solo con la sua carriera musicale e si è ritirata dal canto per molti anni.

"La voce di Évora si adattava perfettamente alla musica morna e le sue esperienze di vita hanno intriso le sue canzoni di amore e perdita con un sentimento inconfondibile" ha spiegato il team dietro al doodle.

A metà degli anni '40, Évora si è recata in Portogallo per una sessione di registrazione, dove ha impressionato Josè Da Silva, promotore di concerti francese di origini capoverdiane. Da Silva l'ha invitata a Parigi e, a partire dalla fine degli anni '80, Évora ha registrato diversi album per la sua etichetta, iniziando con La Diva aux pieds nus ('The Barefoot Diva'), che l'ha fatta scoprire a un nuovo pubblico. Évora ha continuato a girare il mondo e ha vinto un Grammy Award 2003 per il suo album Voz d’amor, oltre a due premi Kora dell'industria musicale africana. Non distratta dalla celebrità, ha lavorato duramente anche quando, a livello di salute, ha iniziato a stare male, usando la sua fama per aiutare gli altri, anche come ambasciatrice per il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite. L'aeroporto sulla sua isola natale di São Vicente è stato chiamato in suo onore, con una statua e un murale a commemorare l'amata "Regina di Morna".

Il doodle che Google dedica al 78esimo anniversario della nascita di Cesária Évora è una immagine in cui viene rappresentata l'artista mentre canta. Come descritto nel portale dei doodle di Google, al progetto ha collaborato la famiglia di Cesária Évora.

La nipote di Cesária, Janete Évora, ha condiviso i suoi pensieri sull'eredità della cantante, eccoli:

"Mia nonna, Cesária Évora, era una vera forza della natura. La sua famiglia la chiamava Yaya, che significa 'nonna' in molte tribù africane. Ma il suo soprannome in realtà veniva da mio fratello maggiore, che non era in grado di pronunciare 'Cesária' quando era piccolo. 'Yaya' è stato il suo miglior sforzo per un'abbreviazione.
Nonostante la sua mancanza di istruzione formale, Yaya è stata una delle donne più intelligenti che abbia mai incontrato. Oltre a ciò, ciò che mi ha colpito è stata la sua gentilezza e la sua disponibilità ad aiutare gli altri. Tuttavia, fu benedetta con una personalità forte e inflessibile, e aveva anche una certa vena sarcastica.
Nonostante il suo sguardo serio e quella voce potente nota per aver cantato così tante canzoni malinconiche, Cesária aveva anche un meraviglioso senso dell'umorismo e adorava condividere aneddoti divertenti.
Mi ha dedicato la canzone 'Esperança irisada'. Quando l'ha cantata, ho ballato al suono della sua voce. Ma a quanto pare non era commossa dal mio canto. In effetti, mi diceva che avevo una voce terribile e che invece avrei dovuto continuare a ballare.
'Yaya', le ho detto una volta, 'dammi 20 dollari e canterò'. La sua risposta divenne uno dei miei aneddoti preferiti: 'Ti darò 50 dollari per tenere la bocca chiusa', ha detto.
Anche se non ho ereditato i suoi talenti vocali, ho apprezzato il senso dell'umorismo di mia nonna. Sapeva come trasformare una cattiva voce in una bella battuta." 
Leggi anche:
Leggi anche: