Google doodle in onore di Marsha P. Johnson

Google doodle in onore di Marsha P. Johnson

Il 30 giugno 2019, Marsha è stata onorata postuma come Gran Maresciallo dell'annuale NYPride March.

 

Scritto da , il 30/06/20

 

Seguici su

 
 

Google dedica il doodle di oggi, 30 giugno 2020, a Marsha P. Johnson, un'attivista statunitense per i diritti LGBTQ+ autodefinitasi drag queen e ampiamente riconosciuta come una delle pioniere del movimento per i diritti LGBTQ+ negli Stati Uniti. In questo giorno del 2019, Marsha è stata onorata postuma come Gran Maresciallo dell'annuale NYPride March.

Marsha P. Johnson è nata come Malcolm Michaels Jr. il 24 agosto 1945, a Elizabeth, nel New Jersey. Dopo essersi diplomata nel 1963, si trasferisce al Greenwich Village di New York City, un centro culturale in crescita per le persone LGBTQ+. Qui, ha legalmente cambiato il suo nome in Marsha P. Johnson. La sua iniziale mediana - "P" - presumibilmente rappresentava la sua risposta a coloro che mettevano in dubbio il suo genere: "Pay It No Mind" ("Non pensarci").

Johnson è ritenuta una delle presenze più rilevanti nei moti di Stonewall del 1969 - una serie di violenti scontri fra gruppi di omosessuali e la polizia a New York. Una dei membri fondatori del Gay Liberation Front, Johnson fondò anche l'organizzazione per gay, trans e persone genderqueer chiamata "STAR" (Street Transvestite Action Revolutionaries) insieme all'amica e collega attivista transgender Sylvia Rivera. STAR è stata la prima organizzazione negli Stati Uniti ad essere guidata da una donna trans di colore ed è stata la prima ad aprire un rifugio in Nord America per i giovani della comunità LGBTQ+. Nel 2019, New York City ha annunciato l'intenzione di erigere statue di Johnson e Rivera nel Greenwich Village, che sarà uno dei primi monumenti al mondo in onore delle persone transgender.

L'artista dietro al doodle di Google si chiama Rob Gilliam, che nella descrizione del suo lavoro ha spiegato: "Come una persona queer di colore devo molto a Marsha. Era il catalizzatore della nostra liberazione, la forza trainante del movimento che ha dato a molti di noi i diritti e le libertà che in precedenza non potevamo nemmeno sognare. Marsha ha creato uno spazio per noi nella società occidentale attraverso il suo coraggio e il rifiuto di essere messa a tacere. (...) Considero Marsha una figura monumentale all'interno della comunità LGBTQ+, (...) l'impatto delle donne trans di colore è stato storicamente omesso dalle rivisitazioni della storia queer, quindi sapevo che dovevo dare alla vita di Marsha la celebrazione che meritava davvero. (...). Sono stato principalmente ispirato dalla personalità vibrante di Marsha e dall'iconica architettura di New York che lei e i suoi colleghi hanno sfoggiato con orgoglio. (...) Marsha sapeva che la vera chiave della liberazione era l'intersezionalità. Il movimento di orgoglio originale ha attirato partecipanti da tutte le linee di classe, razza, sessualità ed espressione di genere e ha unito un'intera comunità. I tempi recenti sono stati estremamente divisivi, ed è fin troppo facile fissarsi su ciò che ci separa invece di celebrare i punti in comune che condividiamo. Penso che potremmo essere tutti un po' più simili a Marsha in questo senso. Ognuno ha la propria identità unica, potente e vibrante - e quando abbracciamo queste differenze, facciamo un passo verso la costruzione di comunità più forti."

Alla realizzazione del doodle ha collaborato anche il Marsha P. Johnson Institute, la cui fondatrice e direttrice esecutiva Elle Hearns ha commentato: "Il pensiero di Marsha P. Johnson e della sua vita ancora disponibili oggi dice molto sull'impatto del suo amore e del suo lavoro. La sua visione e brillantezza sono state una guida per me poiché ho immaginato il tipo di organizzazione di cui il nostro movimento ha bisogno e che volevo costruire. Per così tanto tempo, la storia di Marsha è stata annunciata solo dalla comunità LGBTQ. Il doodle di oggi aiuterà ad insegnare la sua storia a molti altri in tutto il mondo e al lavoro che è stato storicamente ignorato e spesso volutamente escluso dai libri di storia. Il doodle di oggi per Marsha ricorda alle persone che la storia delle comunità Black e LGBTQ+ sono qualcosa da onorare ogni singolo giorno."

Google.org sta donando 500.000 dollari al Marsha P. Johnson Institute, che lavora per porre fine alla violenza contro le donne Black Trans negli Stati Uniti e creare un mondo in cui siano al sicuro, apprezzate e trattate con dignità umana. Questo finanziamento, che si basa sul recente impegno di Google per 2,4 milioni di dollari a sostegno delle organizzazioni non profit della comunità LGBTQ+ in tutto il mondo, fornirà assistenza diretta in denaro alle persone della comunità Black Trans attraverso le iniziative di soccorso attivate dall'organizzazione per la pandemia di COVID-19. Il Marsha P. Johnson Institute è sponsorizzato fiscalmente dal Social Good Fund. 

Leggi anche:

Condividi questa notizia

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria