Google doodle per la Festa dei Bambini 2020

Google doodle per la Festa dei Bambini 2020

Negli Stati Uniti, il doodle viene dedicato invece al 96esimo anniversario della nascita del matematico polacco, francese e americano Benoit Mandelbrot.

 

Scritto da , il 20/11/20

 

Seguici su

 
 

Google dedica il suo doodle di oggi, venerdi 20 novembre, alla Giornata internazionale per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza 2020, più semplicemente nota come Festa dei Bambini 2020. In quasi tutti i paesi del mondo, si ricorda questa nel giorno in cui l’Assemblea Generale della Nazioni Unite ha approvato la Dichiarazione Universale dei Diritti del fanciullo, revisionata sempre un 20 novembre ma del 1989 come Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. Uno strumento giuridico e un riferimento a ogni sforzo compiuto in cinquant'anni di difesa dei diritti dei bambini, questa Convenzione è stata ratificata dall'Italia il 27 maggio 1991 con la legge n. 176.

Il doodle che oggi vediamo nella homepage di Google dedicato alla Festa dei Bambini 2020 si può vedere anche nella homepage di Google in Ucraina, Malesia, Kenya, Tanzania, Ghana, Algeria, Marocco, Libia, Egitto, Oman, Arabia Saudita, Iraq. In altri paesi, il doodle viene dedicato ad altro.

Sempre oggi, 20 novembre 2020, il doodle di Google è dedicato alla Festa degli insegnanti 2020 in Vietnam, mentre negli Stati Uniti, in Canada, Francia, Polonia, Lituania, Grecia e Bulgaria viene dedicato al 96esimo anniversario della nascita del matematico polacco, francese e americano Benoit Mandelbrot, ampiamente conosciuto come il "padre della geometria frattale". La ricerca pionieristica di Mandelbrot è stata determinante nell'introdurre il potente concetto dei frattali: forme matematiche irregolari ma ripetitive all'infinito che si trovano in tutta la natura e nella nostra vita quotidiana.

Leggi anche:
 
Google doodle per la Festa degli insegnanti 2020 (20 novembre)
Google doodle per la Festa degli insegnanti 2020 (20 novembre)
 
 
Google doodle per il 96esimo anniversario della nascita di Benoit Mandelbrot
Google doodle per il 96esimo anniversario della nascita di Benoit Mandelbrot
 

Mandelbrot è nato in questo giorno nel 1924 a Varsavia, in Polonia, da genitori di origini ebraico-lituane. Da campione locale di scacchi a studente della collezione di mappe di suo padre, in giovane età Mandelbrot è stato esposto alla matematica e alla geometria nella vita di tutti i giorni. Nel 1936 la famiglia emigrò in Francia e Mandelbrot proseguì i suoi studi sia a Parigi che negli Stati Uniti, arrivando al dottorato nel 1952. Nel 1958 Mandelbrot iniziò a lavorare presso il Watson Research Center dell'IBM di New York, dove il suo studio di ripetizioni peculiari nel rumore del segnale costituì una prima fonte di ispirazione per il suo lavoro pionieristico sui frattali. Uno dei primi pionieri dell'uso dei computer per la ricerca, in seguito Mandelbrot ha utilizzato una macchina da scrivere computerizzata di base per sviluppare un algoritmo che modellava le morfologie trovate in natura. Nel 1975, Mandelbrot coniò l'ormai famoso termine "geometria frattale" per descrivere questi fenomeni matematici. Con l'uscita del suo libro "The Fractal Geometry of Nature" nel 1982, il lavoro di Mandelbrot ha raggiunto il mondo, alterando per sempre il campo della matematica applicata. Mandelbrot è stato premiato per il suo lavoro, tra cui con il Wolf Foundation Prize for Physics nel 1993.

Alla realizzazione del doodle di Google dedicato al 96esimo anniversario della nascita di Benoit Mandelbrot ha collaborato la sua famiglia. Questi i pensieri del figlio di Benoit, il dottor Didier Mandelbrot, sull'eredità di suo padre: "Benoit Mandelbrot è stato il principale artefice della nostra comprensione della asperità in natura. Con calcoli accurati, una conoscenza immensa e la capacità di vedere la geometria in quasi tutto, ha sviluppato una nuova geometria, la geometria frattale. Benoit è sempre stato generoso con i giovani scienziati, con gli studenti e con gli insegnanti. Per mettere a proprio agio un gruppo di insegnanti delle scuole superiori, iniziò una discussione dicendo 'A volte la gente chiede qual è il teorema più difficile che ho dimostrato. Ho dimostrato solo teoremi molto semplici. Ma mi riservo il diritto di fare domande molto difficili'. Per tutta la vita, Benoit è stato guidato dalla curiosità. La sua memoria era prodigiosa; giocava con le idee, era sempre alla ricerca di connessioni. Di conseguenza, potrebbe avere conversazioni interessanti con quasi tutti, da brillanti scienziati e artisti a umili macchinisti e scolari. (...) Benoit era una persona rara che guardava in modo più ampio e da questo vedeva più profondamente." 

Leggi anche:

Condividi questa notizia

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria