Google propone Doodle in onore di Anna Frank

Google propone Doodle in onore di Anna Frank

Google onora Anna Frank nel giorno del 75esimo anniversario della pubblicazione del suo diario, ampiamente considerato uno dei libri più importanti della storia moderna.

 

Scritto da il 25/06/22 | Pubblicato in Anna Frank | Google Doodle | | Archivio 2022

Seguici su

 
 

Google dedica il suo doodle di oggi, sabato 25 giugno 2022, ad Anna Frank. E' stata una giovane ebrea tedesca, divenuta un simbolo della Shoah per il suo diario, 'Il diario di Anna Frank', scritto nel periodo in cui lei e la sua famiglia si nascondevano dai nazisti, e per la sua tragica morte nel campo di concentramento di Bergen-Belsen. Il doodle proposto da Google è una rappresentazione animata di alcuni passaggi di questo diario. Il Doodle viene proposto oggi poichè ricorre il 75° anniversario della pubblicazione di questo diario, ampiamente considerato uno dei libri più importanti della storia moderna.

Segue la traduzione di quanto riportato nel doodle odierno:

"Nota: questa presentazione include menzioni dell'Olocausto, un argomento sensibile per alcune persone. Il testo del diario di Anna Frank è stato modificato per motivi di lunghezza.

Scrivere in un diario è un'esperienza un po' strana per qualcuno come me.
Ho l'impressione che né a me né ad altri interesseranno le riflessioni di una scolaretta di tredici anni.
Dopo il maggio del 1940 i momenti felici erano ormai più unici che rari.
Dovevamo nasconderci... ma dove? In città? In campagna? In una casa? O in una baracca? E quando, dove, come?
Moortje, il mio gatto, è stata l'unica creatura vivente a cui ho detto addio.
Il nascondiglio si trovava nel palazzo dell'ufficio di mio padre.
Alle otto il campanello suonò improvvisamente. Riuscivo solo a pensare che qualcuno stava venendo a prenderci, sapete cosa intendo.
Stanno portando via in massa i nostri tanti amici e conoscenti ebrei.
Mi sento in colpa a dormire in un letto caldo mentre da qualche parte là fuori i miei più cari amici crollano per sfinimento o perchè buttati a terra.
Mi sento come un usignolo a cui hanno tagliato le ali e che continua a lanciarsi contro le barre della sua gabbia scura.
Sabato 15 luglio 1944 - Nonostante tutto, credo ancora che le persone siano veramente buone in fondo.
Il 4 agosto 1944 le SS fecero irruzione nell'alloggio segreto e deportarono tutti gli occupanti. Anna morì nel campo di concentramento di Bergen-Belsen all'età di 15 anni.

"La presentazione di oggi Doodle rende omaggio ad Anne Frank, diarista ebrea tedesco-olandese e vittima dell'Olocausto di fama mondiale. Sebbene sia stato scritto solo tra i 13 ei 15 anni, il suo resoconto personale dell'Olocausto e degli eventi della guerra rimane uno dei resoconti più toccanti e ampiamente letti fino ad oggi" si legge nella descrizione del Doodle di Google, che contiene "estratti reali dal suo diario, che descrive ciò che lei, i suoi amici e la sua famiglia hanno vissuto nascondendosi per oltre due anni. Oggi ricorre il 75° anniversario della pubblicazione del suo diario, ampiamente considerato uno dei libri più importanti della storia moderna".

Annelies Marie Frank, detta Anne e chiamata Anna Frank, è nata il 12 giugno 1929 a Francoforte, in Germania, ma la sua famiglia si è presto trasferita ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, per sfuggire alla crescente discriminazione e violenza subite da milioni di minoranze per mano del crescente partito nazista. La seconda guerra mondiale scoppiò quando Anne aveva 10 anni e, subito dopo, la Germania invase i Paesi Bassi, portando la guerra alle porte di dove viveva con la sua famiglia. Gli ebrei furono particolarmente presi di mira dal regime nazista, subendo la prigionia, l'esecuzione o il trasferimento forzato in campi di concentramento disumani. Incapaci di vivere e praticare liberamente e in sicurezza, milioni di ebrei furono costretti a fuggire dalle loro case o a nascondersi. Nella primavera del 1942, la famiglia di Anne fece proprio questo, nascondendosi in una dependance segreta nell'edificio degli uffici di suo padre per evitare la persecuzione. La famiglia Frank, come milioni di altre persone, è stata costretta ad agire rapidamente e a lasciarsi quasi tutto alle spalle per cercare protezione. Tra i pochi averi di Anne c'era un regalo senza pretese che aveva ricevuto il giorno del suo tredicesimo compleanno poche settimane prima: un taccuino con copertina rigida. Presto divenne il suo veicolo per cambiare il mondo per sempre. Nei successivi 25 mesi, ha riempito le pagine di questo libro con un sincero resoconto della sua vita adolescenziale, dai piccoli dettagli ai suoi sogni e alle sue paure più profonde. Sperando che le voci del suo diario potessero essere pubblicate dopo la guerra, Anne consolidò i suoi scritti in una storia coerente intitolata "Het Achterhuis" ("L'allegato segreto") .

Il 4 agosto 1944, la famiglia Frank fu scoperta dai servizi segreti nazisti, arrestata e portata in un centro di detenzione dove fu costretta a svolgere lavori forzati. Furono poi deportati con la forza nel campo di concentramento di Auschwitz in Polonia, dove vissero in condizioni anguste e poco igieniche. Pochi mesi dopo, Anne e Margot Frank furono trasportate nel campo di concentramento di Bergen-Belsen in Germania. Oltre alle brutali e intenzionali uccisioni di prigionieri da parte delle forze naziste, malattie mortali si diffusero rapidamente. Alla fine, Anne e Margot cedettero alle condizioni disumane in cui furono costrette a vivere. Anne Frank aveva solo 15 anni quando morì.

Sebbene Anna Frank non sia sopravvissuta agli orrori dell'Olocausto, il suo racconto di quegli anni, comunemente noto come "Il diario di Anna Frank", è diventato da allora una delle opere di saggistica più lette mai pubblicate. Tradotto in oltre 80 lingue, il libro di memorie di Frank è un punto fermo nelle scuole ancora oggi, utilizzato come strumento per educare generazioni di bambini sull'Olocausto e sui terribili pericoli della discriminazione e della tirannia.