Uber, polemiche a non finire

Uber, polemiche a non finire

Dopo essere stata definita "arrogante" e "jerkish" e accusata di non rispettare la privacy, Uber, il servizio di guida-sharing ha lo scopo di mostrare che esso è un "membro positivo della comunità". Le critiche giungono dopo che il Senior Vice President della società ha condiviso la sua idea di investire un milione di dollari per creare un team con il compito di spiare i giornalisti che sono contrari al servizio.

 

Scritto da , il 21/11/14

Seguici su

 
 

Il servizio di ride-sharing si è messo di nuovo al centro dell'attenzione dei media in tutto il mondo Lunedi, quando è giunta la notizia che l'executive Emil Michael ha detto che vorrebbe spendere milioni di dollari in investigatori privati per far spiare i giornalisti che criticano il servizio. L'obiettivo? Per "scavare nel passato dei suoi critici nei media", secondo quanto ha riportato BuzzFeed.

Le parole di Emil. Emil Michael ha detto che la società potrebbe spendere un milione di dollari per assumere quattro migliori "ricercatori" e quattro giornalisti per approfondire la vita personale dei giornalisti e delle loro famiglie. I commenti di Michael sono una reazione a ciò che viene detto essere una "copertura mediatica sensazionale" legata a Uber, ha detto Emil in una dichiarazione. Tra i giornalisti “scomodi”, Emil ha citato Sarah Lacy del sito Pando Daily della Silicon Valley, colpevole di aver accusato Uber di sessismo e misoginia, sostenendo che la compagnia tenga in considerazione la sicurezza delle donne. 

Le risposte dei giornalisti. Da allora, quasi tutte le testate giornalistiche principali negli Stati Uniti hanno scritto articoli, blog e commenti che esplorano la cultura aziendale di Uber, le sue pratiche commerciali e i punti di vista in materia di privacy.  Partendo dai commenti più 'cattivi' che Uber ha ricevuto dopo le dichiarazioni di Emila, un giornalista del Washington Post ha scritto che "Uber non può più essere distinto tra l'essere dirompente ed essere un cog**one". "L'arroganza negli alti ranghi aziendali di Uber è un male" ha detto il Los Angeles Times.

E in mezzo a tutto questo, il senatore Al Franken (D-Minn.) ha inviato una lettera al CEO di Uber Travis Kalanick dopo la notizia che il general manager della società di New York ha rintracciato un giornalista di BuzzFeed a sua insaputa.

"Uber ha bisogno di serio controllo dei danni" leggiamo su cnet.com, "Ma non aspettatevi un mea culpa da parte della società notoriamente aggressiva. Uber invece mira a mostrare che esso è un 'membro positivo della comunità'".

Uber e la privacy. Uber ha annunciato Giovedi che sta lavorando con il noto esperto di privacy dei dati Harriet Pearson e il suo studio legale Hogan Lovells. "La storia dei nostri piloti sono informazioni importanti e abbiamo capito che dobbiamo trattarle con attenzione e con rispetto, con protezione da accessi non autorizzati," il portavoce di Uber Natalia Montalvo ha scritto in un post sul blog che annuncia la notizia. Uber ha incaricato Pearson di rivedere il suo programma di riservatezza dei dati raccomandandosi che verranno effettuate delle modifiche.

Sconti e promozioni per i 'driver'. Uber ha di recente svelato il suo nuovo programma chiamato Momentum, attraverso cui vuole dare ricompense "esclusive" ai suoi driver, come ad esempio sconti per la manutenzione dell'auto e raccomandazioni a società di assicurazione sanitaria. Non è chiaro se sono state previste questo tipo di promozioni per i piloti prima dello 'scandalo' che ha colpito Uber in questi giorni. La domanda ora è: saranno queste iniziative sufficiente per salvare la reputazione di Uber?

Perchè Emil Michael non è stato licenziato? Uber non è l'unica azienda che ha dovuto fare i conti con una 'tempesta di fuoco' creata dalle azioni dei propri dirigenti. Nel mese di giugno, il rivenditore American Apparelha licenziato il suo fondatore, presidente e amministratore delegato Dov Charney, dopo che ha pagato spese personali con i soldi dell'azienda. Alcuni critici hanno contestato perché Emil Michael non è stato licenziato per i suoi commenti, chiedendosi se il suo sentimento riflette la cultura aziendale della società. "Le osservazioni [di Michael] hanno mostrato una mancanza di leadership, una mancanza di umanità e di una distanza dai nostri valori e ideali", ha detto Travis Kalanick, CEO di Uber, in un tweet. Kalanick ha poi detto che Michael non sarebbe stato licenziato per le sue osservazioni. "Credo che le persone che fanno errori possono imparare da essi - me compreso", ha detto l'Ad. "E questo vale anche per Emil.".


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Uber, polemiche a non finire


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?