Facebook Boom dei video, Presto anche su Twitter

Facebook Boom dei video, Presto anche su Twitter

I video visualizzati su Facebook nel 2014 sono creciuti del 75%, tanto da dover costringere il social network a introdurre lo stop automatico quando si smette di visualizzare il video o si scorre con il telefonino. Una pratica salva banda, che consente a Facebook di ridurre il consumo a vuoto delle proprie risorse.

 

Scritto da , il 08/01/15

Seguici su

 
 
Il 2014 ha visto l'affermarsi delle piattaforme video online, oggi divenute qualcosa di indispensabile per gli utenti, grazie soprattutto a dispositivi e connessioni sempre più veloci.

Oltre a sistemi gratuiti, come Youtube, stanno arrivando online molti servizi Premium che consentiranno di poter visualizzare video, film e serie Tv in alta definizione, connessione internet permettendo.

Il dispositivo preferito resta lo smartphone, attraverso la quale ogni giorno vengono visualizzati miliardi di minuti di video riproduzioni
tra Facebook e Youtube per citare le due piattaforme principali.

I video visualizzati su Facebook nel 2014 sono cresciuti del 75%, tanto da dover costringere il social network a introdurre lo stop automatico quando si smette di visualizzare il video o si scorre con il telefonino. Una pratica salva banda, che consente a Facebook di ridurre il consumo a vuoto delle proprie risorse.
 
Statistiche per piattaforma, fonte Mashable
Statistiche per piattaforma, fonte Mashable
 
Navigando da smartphone, infatti, se durante la riproduzione di un video, scorrerete troppo in basso, il video si auto blocca immediatamente per poi ripartire una volta tornati a visualizzare l'area indicata.

Su Youtube, principale piattaforma di gestione video, anche semplici utenti hanno la possibilità di farsi pagare per visualizzare le proprie realizzazioni (servizio per ora limitato a Stati Uniti, Canada e Gran Bretagna), cosi come guadagnare qualcosa dalla pubblicità, salvo disporre di canali e video con centinaia di migliaia di visualizzazioni giornaliere.

I rendimenti pubblicitari, infatti, viaggiano oggi intorno ad un misero 0.50 - 0.75 cpv, ovvero 50 centesimi di euro ogni 1000 visualizzazioni. Cifre comunque interessanti se riuscite a creare video da 100-200.000 visualizzazioni.

Nel frattempo, anche Twitter sembra intenzionata ad integrare una piattaforma video nel proprio social network, con la possibilità di caricare direttamente i video, con un limite di durata di 10 minuti.

Tuttavia, resterà centrale il ruolo di Youtube, nonostante già oggi Facebook tenda ad avvantaggiare le condivisioni video realizzate da video caricati su Facebook piuttosto che condivisi da altre piattaforme. Grazie a Youtube, non solo possiamo monetizzare i nostri video, ma poterne poi gestire la diffusione nei diversi social network.

Tra i Social Netowrk in crescita nel 2014, troviamo Instagram, acquisito da Facebook, e Pinterest, entrambi a trazione fotografica. Ogni giorno, sono ben 350 milioni le foto pubblicate online.
Leggi anche:
 
Previsioni dati Cisco
Previsioni dati Cisco
 
Come possiamo vedere da questo grafico, il traffico a livello globale sarà costituito per lo più da video, superando abbondantemente il traffico generato dai sistemi di file sharing e quello di tutte le visualizzazioni di pagine web.
Leggi anche:

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Facebook Boom dei video, Presto anche su Twitter


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?