Uber: 50mila posti di lavoro presto in Europa

Uber: 50mila posti di lavoro presto in Europa

Uber sta portando avanti i suoi piani di espansione in Europa e annuncia 50mila nuovi posti di lavoro in Europa, dove far circolare 400 mila nuove automobili su strada. La società per fare questo sta lavorando con i governi dei paesi dove ampliare la gamma dei suoi servizi.

 

Scritto da , il 19/01/15

Seguici su

 
 

Uber sta portando avanti i suoi piani di espansione in Europa. Il popolare servizio di ride-sharing ha annunciato domenica che nuove strategie per il continente che prevedono la creazione di 50mila nuovi posti di lavoro in Europa, dove poter far circolare 400 mila nuove automobili su strada.

La società ha detto che per fare questo sta lavorando con i governi dei paesi dell'Unione europea al fine di ampliare la gamma del suo servizio UberPool in Europa, il servizio che consente la ricerca di un autista nelle vicinanze tramite UberX con la condivisione del passaggio con altri passeggeri.

Uber ha anche detto che vuole lavorare con le autorità fiscali in Europa per aiutare le città ad aumentare le entrate dal settore dei trasporti, dal momento che molte transazioni in questo momento non vengono dichiarate.

"Vogliamo rendere il 2015 l'anno in cui si stabilirà un nuovo partenariato con le città europee", ha detto il CEO di Uber Travis Kalanick, intervenendo al convegno DLD in Monaco di Baviera. "Penso di avere l'intenzione di spendere un po' di tempo qui in Europa", ha aggiunto. "Non vedo l'ora di farlo."

La nuova strategia segna un approccio più cooperativo per Uber, che ha affrontato critiche molto dure in tutto il mondo, in quanto cerca di espandersi in modo aggressivo spesso 'fregandosene' delle leggi di un paese al di fuori degli Stati Uniti. La società, che offre un servizio criticato per somigliare molto a quello offerto dai taxi, avrebbe un valore di oltre 40 miliardi di dollari dopo aver annunciato un nuovo finanziamento di 1,2 miliardi di dollari nel mese di dicembre. Tuttavia, si trova di fronte ad un divieto di operare a Madrid, in Spagna. Al di là della Spagna, Uber si è anche scontrato con le autorità di regolamentazione negli Stati Uniti, così come in Germania, Francia, Paesi Bassi, India, Tailandia, Regno Unito, Cina e Corea.

Uber non è quindi nuova alle polemiche. La società è stata al centro di una tempesta di fuoco dei media nel mese di novembre, dopo che un alto dirigente ha suggerito la società potrebbe creare campagne diffamatorie contro i giornalisti. Uber è stata anche criticata in passato per la sua pratica di applicare prezzi in base a come va il mercato - o aumentando ad esempio le tariffe in presenza di più richieste di corse, o in caso di imprevisti naturali come tempeste di neve.

La società ha detto nel mese di dicembre che sta cercando di apportare modifiche interne per risolvere alcuni dei suoi errori, pronta a migliorarsi. In questo momento, Uber è in più di 250 città in 50 paesi del mondo.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Uber: 50mila posti di lavoro presto in Europa


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?