Qualcomm sfida Touch ID con il Sensore di impronte digitali a Ultrasuoni

Qualcomm sfida Touch ID con il Sensore di impronte digitali a Ultrasuoni

 

Scritto da , il 04/03/15

Seguici su

 
 
Qualcomm ha annunciato la tecnologia Snapdragon Sense ID 3D Fingerprint. Che cos'è? Essenzialmente si tratta di una consistente risposta al Touch ID di Apple.

I sensori biometrici stanno acquisendo una posizione sempre più importante nel settore della telefonia mobile. Tutto comincia più di un anno fa con iPhone 5S. Lo smartphone della Mela per la prima volta ha messo a disposizione un lettore di impronte digitali: il Touch ID.

La concorrenza Android non è rimasta a guardare: nei mesi successivi HTC e Samsung, tanto per fare due esempi, hanno deciso di incamminarsi sullo stesso percorso. Lo hanno fatto però in maniera diversa: su HTC One Max il lettore è stato messo in una posizione poco felice, ossia posteriormente sotto la fotocamera, mentre su Samsung Galaxy S5 è stato messo nella parte inferiore dello schermo.

A dar man forte all'universo dei sensori biometrici è arrivata anche Qualcomm. L'annuncio arriva in occasione del Mobile World Congress 2015 che si sta svolgendo in queste ore a Barcellona.

"L'offerta QTI è pensata per migliorare il processo di autenticazione, la sua semplicità e l'integrazione con le soluzioni di rilevamento delle impronte digitali", si legge nel comunicato stampa. La piattaforma di autenticazione, usata anche a livello governativo, non richiede l'inserimento di password e fa uso della tecnologia SecureMSM di Qualcomm e delle specifiche Fast IDentity Online Alliance Universal Authentication Framework (FIDO UAF).

La tecnologia a ultrasuoni presenta numerosi vantaggi rispetto a quella touch capacitiva 'classica'. Uno di essi è la possibilità d'uso su smartphone con diversi materiali: vetro, alluminio, acciaio inossidabile, zaffiro e plastica. Inoltre la rilevazione viene fatta nonostante la presenza di elementi contaminanti presenti sui polpastrelli come sporcizia, lozioni, sudore, etc.

Il livello di precisione si accresce ancor di più anche per un altro motivo. Gli ultrasuoni penetrano direttamente gli strati più esterni della cute e colgono dettagli tridimensionali assieme a caratteristiche uniche dell'individuo come le pieghe cutanee e i pori sudoriferi, che con altre tecnologie non sono individuabili.

Ultrasuoni: Come e quando
Questa novità arriva assieme ai processori Snapdragon 810 e Snapdragon 425. La tecnologia è compatibile con tutta la serie Snapdragon 400, 600 e 800. Sarà disponibile nei dispositivi in commercio nell'anno in corso ed "è già presente in molti prototipi dei maggiori produttori".

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Qualcomm sfida Touch ID con il Sensore di impronte digitali a Ultrasuoni


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?