USB Type-C: cose da sapere sul nuovo standard USB 3.1

USB Type-C: cose da sapere sul nuovo standard USB 3.1

 

Scritto da , il 16/03/15

Seguici su

 
 

Inizia ad essere sempre più utilizzato il nuovo standard USB Type-C, annunciato la scorsa estate ma finora presente sul mercato nel tablet Nokia N1, che tra l'altro viene venduto solo in Cina. Sicuri di conoscere bene questo nuovo standard? In questa guida cerchiamo di spiegare che cosa è lo standard USB Type-C, quali vantaggi ha rispetto alla generazione precedente e in quali forme lo vedremo sul mercato dai prossimi mesi.

Il nuovo connettore tipo C, presentato nel 2014, prevede due coppie di 12 pin (12 sopra, 12 sotto) per permettere la reversibilità ma rimanere polarizzato. Oltre a questo prevede i pin dell'USB 2.0 e il supporto all'OTG e MHL. I due nuovi pin aggiunti il VBUS a 12V e 24V devono essere alimentati tramite un alimentatore esterno perché gli altri connettori USB non prevedono questi PIN. Quindi, attualmente non è possibile realizzare alimentatori da incasso come con l'USB 2.0, sempre se non si realizza un'appendice per i nuovi pin, in stile PoweredUSB.

Partiamo subito con il rispondere a quando lo standard verrà maggiormente utilizzato. A fine marzo 2015, Google e Apple hanno annunciato che i loro prossimi Chromebook Pixel 2 e MacBook di nuova generazione, rispettivamente, adotteranno USB Type-C come standard delle porte USB. E' però probabile che vedremo molti altri dispositivi quest'anno con USB Type-C.

 
USB Type-C
USB Type-C
 

Nel frattempo, qui ci sono alcune cose che dovreste sapere su USB Type-C:

Serve a colelgare dispositivi più facilmente. Basta impazzire per controllare che il cavo che stiamo attaccando alla porta lo stiamo infilando nel giusto modo ogni volta, perché entrambe le estremità di connessione sono uguali e non c'è più un "sopra o sotto". Questo dovrebbe portare a meno tentativi di collegare il cavo alla porta quando magari non si sta guardando quello che si fa.

Il trasferimento dei dati e la capacità di potenza migliorano notevolmente. Il cavo USB 3.1 Type-C offre una velocità di trasferimento fino a 10 Gbps, che è il doppio della velocità di trasferimento dello standard USB 3.0 (5 Gbps). Inoltre, questi cavi offrono 20 volt e 5 ampere, rispetto ai 5 volt e 1,8 ampere di potenza del suo predecessore. Questo significa meno tempi di attesa per i dispositivi per il trasferimento di dati o per la ricarica della batteria del dispositivo collegato.

USB Type-C: per alimentare altri device. Grazie ai profili a 12 e 20 Volt dello standard, per una potenza massima di 100 Watt, sarà possibile alimentare smartphone, tablet, monitor, stampanti e altre periferiche direttamente dal notebook o dal PC.

I Dongle USB come accessorio temporaneo. Lo standard di tipo C non ha raggiunto una adozione diffusa (ancora). Nel frattempo, è possibile sfruttare alcuni dongle per collegare i dispositivi insieme (come uno schermo HDMI, o dispositivi con una versione USB precedente) - si collega il dongle dotato di standard di tipo C alla porta principale, e al dongle a sua volta si collegano altri dispositivi.

Il futuro sarà però wireless. L'evoluzione dello standard USB si concentra su due strade, la prima prevede un innalzamento della velocità massima di trasferimento mentre la seconda strada chiamata wireless USB prevede l'abbandono dei cavi per la comunicazione tramite onde radio. Una prima specifica wireless USB è già stata standardizzata e alcuni dispositivi sono in commercio.

Leggi anche:

Gli svantaggi dello standard USB Type-C

Al momento sulo uno svantaggio di particolare rilevanza possiamo trovare nello standard USB 3.1: anche se è retrocompatibile con gli standard precedenti USB 3.0 e USB 2.0, per collegare le periferiche senza USB 3.1 serve acquistare un adattatore o un cavo Type-C/Type-A e Type-C/Type-B.

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su USB Type-C: cose da sapere sul nuovo standard USB 3.1


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?