Yahoo ancora non decolla, servono cambiamenti

Yahoo ancora non decolla, servono cambiamenti

Yahoo non è ancora riuscita a far riprendere il suo business pubblicitario al primo trimestre 2015. Dopo quasi tre anni, la CEO Marissa Mayer sembra non aver fatto abbastanza per migliorare il futuro di Yahoo, ancora in fase di stallo. Uno dei campi di battaglia della Mayer è la Ricerca.

 

Scritto da , il 25/04/15

Seguici su

 
 

Yahoo vuole tentare di diventare ancora una volta il gigante della ricerca che era una volta.

L'azienda ha riscritto la sua partnership con il suo partner di lunga data Microsoft, che gestisce la tecnologia della ricerca di Yahoo. Dal momento in cui l'accordo è stato firmato nel 2009, gli utenti quando digitano una query nella barra di ricerca di Yahoo ottengono informazioni tramite i server di Microsoft. Ma questo potrebbe cambiare.

Yahoo ha rilasciato nuovi dettagli circa il nuovo accordo, che darebbe a Yahoo una maggiore flessibilità riguardo ai risultati mostrati nel suo motore di ricerca, consentendo anche alla società di poter porre fine al contratto in qualsiasi momento, dopo l'ottobre 2015. L'accordo è stato originariamente previsto per durare 10 anni da quando è stato firmato.

I dettagli sul nuovo accordo sono stati resi noti un giorno prima che Yahoo annunciasse i risultati finanziari per il suo primo trimestre 2015, segnalando agli investitori che Yahoo sta facendo nuovi piani per il futuro del suo motore di ricerca.

Nel frattempo, la sua attività attuale è ancora in fase di stallo. Per il trimestre conclusosi il 31 marzo, le vendite, escluso quanto Yahoo paga i partner per indirizzare il traffico verso i propri siti, sono state pari a 1,04 miliardi di dollari, per un utile, al netto dei costi, di 15 centesimi per azione. Gli analisti avevano stimato 1,06 miliardi di dollari di fatturato e un utile di 18 centesimi per azione.

I numeri evidenziano la situazione di Yahoo, ben lontana dal rialzo sperato mesi fa, e quindi la società deve investire nel suo motore di ricerca, cosa che potrebbe contribuire a rafforzare i guadagni. "Noi crediamo profondamente nella ricerca," Marissa Mayer, amministratore delegato di Yahoo, ha detto nel corso di una conference call con gli analisti per discutere i risultati finanziari. "E' nel profondo del DNA di Yahoo."

Per Mayer, la posta in gioco è alta. Quando è diventata CEO della società nel luglio 2012, la società stava già cercando di cambiare - l'accordo con Microsoft è stato messo in atto dal precedente CEO di Yahoo Carol Bartz. Mayer, ex dirigente di Google, è stata immediatamente messa sotto pressione per invertire il trend disastroso intrapreso da Yahoo. Ciò che è stato fatto in questi ultimi tre anni non è servito a molto - la quota di mercato dell'advertising digitale di Yahoo è scesa del 5 per cento nel 2014 dal 5,8 per cento rispetto all'anno precedente, secondo eMarketer. Facebook e Twitter, in confronto, hanno registrato crescite.

Per la maggior parte del periodo in cui la Mayer è CEO, l'azienda ha fatto affidamento ai 40 miliardi di dollari investiti nell'e-commerce cinese Alibaba per mascherare le spese. Mayer deve ora dimostrare che i servirsi di Yahoo sono in grado di portare a qualcosa di concreto, senza nascondersi dietro Alibaba.

Uno dei campi di battaglia della Mayer è la Ricerca. Google è ancora il motore di ricerca più dominante del mondo, ma Yahoo negli ultimi mesi ha migliorato la sua posizione. Nel mese di novembre, Yahoo ha annunciato il suo accordo con Mozilla, creatore del popolare browser web Firefox, per diventare il motore di ricerca predefinito nel browser negli Stati Uniti per i prossimi cinque anni.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Yahoo ancora non decolla, servono cambiamenti


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?