Brevetti, Samsung porta Apple in Corte Suprema

Brevetti, Samsung porta Apple in Corte Suprema

 

Scritto da , il 05/02/16

Seguici su

 
 

Speravate fosse finita? Assolutamente no. A meno di un paio di settimane dopo che Samsung ha accettato di pagare Apple 548 milioni di dollari per risolvere il caso giudiziario che vede coinvolte le due società in una guerra sui brevetti, l'azienda sudcoreana ha deciso di chiedere alla Corte Suprema degli Stati Uniti il riesame delle decisioni prese in precedenza nel caso.

"Mentre Samsung preferisce competere sul mercato, non in tribunale, la società ritiene che sia importante fare appello di questo caso alla Corte Suprema degli Stati Uniti a nome di tutte le aziende statunitensi, grandi e piccole, che potrebbero essere interessate se questo precedente legale venisse confermato", ha detto Samsung in un comunicato.

La società, nel suo ricorso, sostiene che, a differenza dei casi relativi ai brevetti che riguardano specifiche funzioni utilizzate nei suoi prodotti, i membri della giuria non hanno avuto tutti i dettagli su come capire i brevetti quando si tratta di casi relativi ai brevetti di design. Samsung ha messo anche in discussione il modo in cui i danni sono stati calcolati.

"Samsung sta puntando su questo caso perché ritiene che il modo in cui le leggi sono state interpretate non è in linea con i tempi moderni", si legge in un comunicato. "Se questo caso arriva a creare un precedente giuridico, il rischio è di diminuire l'innovazione, soffocare la concorrenza, aprire la strada ai troll sui contenziosi per brevetti di design e portare un impatto negativo nell'economia e nei consumatori."

Samsung ritiene che le leggi sui brevetti statunitensi sono arcaiche e sono da tempo superate, almeno da quando dispositivi come lo smartphone sono entrati nella vita quotidiana di tutti. Samsung nella sua richiesta si è focalizzata su cio' che definisce leggi 'antiche' che riguardano soprattutto i brevetti sul design. Considerando l'importanza della questione a livello nazionale, è possibile che la Corte Suprema deciderà di accogliere il caso.

Diversi altri giganti tecnologici, tra cui Google, Facebook e eBay hanno presentato una breve documento alla Corte d'Appello degli Stati Uniti Corte in cui affermano che la recente sentenza contro Samsung, se lasciata così, potrebbe portare ad avere un "impatto devastante sulle imprese".

La Corte Suprema deve ancora decidere se prendere in mano o meno il caso.

Samsung sta solo 'prendendo tempo'? Si. Samsung essendo stata in appello considerata colpevole di violazione di vari brevetti di proprietà di Apple utilizzati in alcuni suoi smartphone Galaxy cerca di convincere la Corte Suprema di riconsiderare la causa, dal momento che una sua decisione in merito potrebbe cambiare molte cose. La Corte Suprema, che non ha mai considerato una causa su brevetti in 122 anni di storia, ribaltando la sentenza potrebbe costringere Apple a restituire i 548 milioni di dollari pagati gia' dalla sua rivale Samsung.

Samsung accetta di pagare 548 milioni a Apple

Samsung ha combattuto Apple in tribunale per anni, e ad ogni nuova sentenza emessa al termine di un caso tra le due si spera sempre che possa essere la 'fine' dei contenziosi tra i due colossi, ma non è mai così. All'inizio del mese di Dicembre sembrava essere arrivata la svolta, dal momento che il produttore di elettronica della Corea del Sud ha accettato di pagare alla società di Cupertino 548 milioni di dollari - poco piu' della meta' della cifra complessiva di 1 miliardo di dollari decisa dal tribunale - per risolvere il caso che si è protratto per quasi cinque anni. Secondo Foss Patents, le due rivali hanno presentato una dichiarazione congiunta per la risoluzione del caso.

Il documento è stato presentato da Samsung poco dopo che la Corte d'Appello ha negato la richiesta di Samsung di verificare se Apple può richiedere il pagamento per i brevetti ritenuti non validi ma presumibilmente violati. Ad esempio, Apple ha accusato Samsung di violare la tecnologia del pinch-to-zoom ma nel 2013 l'Ufficio Brevetti degli Stati Uniti ha dichiarato che non era una tecnologia brevettabile. Più di recente, l'USPTO ha invalidato il brevetto di design di Apple per gli schermi in vetro Edge-to-Edg, altra rivendicazione di Apple nei confronti di Samsung.

In base a quanto scritto nel documento pervenuto a Foss Patents, tuttavia, l'accordo si sapeva che poteva non essere la fine degli incontri in tribunale tra Apple e Samsung. Nel documento, infatti, Samsung ha notato la sua "riserva di ogni diritto di reclamare o ottenere il rimborso degli importi eventualmente pagati dalla società a qualsiasi entità nel caso in cui il giudizio parziale venisse invertito, modificato o altrimenti" - sostanzialmente significa che Samsung ha premesso l'intenzione di rivolgersi alla Corte Suprema statunitense per cambiare la sentenza, nel caso in cui Apple dovesse venire meno agli accordi. Apple, d'altra parte, ha osservato che intende respingere i diritti rivendicati da Samsung al rimborso. Ad ogni modo, Samsung a meno di due settimane dopo la proposta di chiudere il caso pagando 548 milioni di dollari ha rivendicato il suo diritto a fare appello alla Corte Suprema Americana.

Accordo Apple-Samsung, Stop alle cause Extra-USA

Nel mse di agosto 2014, Apple e Samsung hanno congiuntamente detto di aver deciso di risolvere tutte le cause intentate l'una contro l'altra al di fuori degli Stati Uniti, ponendo fine ad alcuni aspetti della loro disputa sui brevetto di lunga durata. L'accordo consente però alle aziende di continuare le loro controversie aperte nei tribunali degli Stati Uniti.

"Samsung e Apple hanno deciso di abbandonare tutte le controversie tra le due società al di fuori degli Stati Uniti," le società hanno detto in un comunicato congiunto datato agosto 2014. "Questo accordo non comporta alcun accordo di licenza, e le società continueranno a perseguire i casi esistenti nei tribunali degli Stati Uniti."

Apple e Samsung sono state in lotta per il design e le funzionalità dei loro smartphone e tablet dal 2011. Apple deve i due terzi delle sue entrate dalle vendite di iPhone e iPad; mentre Samsung è il più grande produttore al mondo di smartphone. Entrambe le società vogliono dominare il mercato. Allo stesso tempo, stanno affrontando anche una sempre più dura concorrenza da parte di nuovi fornitori nei mercati emergenti, come Xiaomi in Cina.

Mentre Apple e Samsung hanno combattuto battaglie lunghe e aspre sui brevetto negli Stati Uniti, hanno anche intentato cause nei tribunali di Asia e in Europa con risultati alterni.

Un alto tribunale giapponese ha confermato una sentenza del tribunale di grado inferiore nel 2013, confermando che Samsung non ha violato il brevetto di Apple relativo alla sincronizzazione di musica e video su smartphone e tablet con i server della società. E ancora, un tribunale tedesco, inizialmente schieratosi con i reclami di violazione di brevetto di Apple vietando la vendita del tablet Samsung Galaxy Tab 10.1 entro i suoi confini nel 2011, ha permesso a Samsung di vendere una versione rivista del dispositivo.

In totale, le aziende hanno combattuto in otto paesi fuori degli Stati Uniti - in Australia, Francia, Germania, Italia, Corea, Giappone, Paesi Bassi e Regno Unito. Samsung ha anche cercato di invalidare alcuni brevetti di Apple in Spagna.

Solo perché le aziende hanno risolto i loro casi al di fuori degli Stati Uniti non significa che la battaglia è finita.

"A questo punto è difficile dire se questo è l'inizio della fine, o una decisione reciproca da parte di Apple e Samsung nel concentrare la loro energia nei contenziosi aperti negli USA", ha detto Brian Amore, assistente professore presso la Facoltà di Giurisprudenza della Santa Clara University.

Leggi anche:

Apple e Samsung continuano a combattere nei tribunali USA

Apple ha inizialmente presentato una denuncia contro Samsung nel mese di aprile 2011 negli Stati Uniti, accusando il suo rivale di copiare il look and feel dei suoi iPhone e iPad. Samsung controbattè, accusando Apple di altre violazioni. Il caso è andato a processo nel mese di agosto 2012. Una giuria di nove persone si schierò con Apple. Venne deciso che 1,05 miliardi di dollari dovevano andare alla Apple come risarcimento danni, molto meno rispetto ai 2.750 milioni richiesti dalla società di Cupertino. Samsung, che aveva chiesto 421 milioni nella sua controquerela, non ha ottenuto nulla.

Tuttavia, il giudice Lucy Koh nel marzo 2013 ha ordinato un nuovo processo per rivedere i danni nel caso. Una giuria ha assegnato ad Apple nel mese di novembre un supplemento di 290,5 milioni di dollari in danni, portando i danni complessivi a 930 milioni di dollari. Un terzo studio, che si è concluso a maggio, ha detto che Samsung avrebbe dovuto pagare a Apple ulteriori 119,6 milioni di dollari in danni e Apple condannata a pagare 158 mila dollari per aver violato uno dei brevetti di Samsung.

Apple in totale dovrebbe ricevere circa 1 miliardo di dollari da Samsung, ma non ha ancora visto i soldi. L'accordo preso dicembre 2015, tuttavia, potrebbe dimezzare l'entità del risarcimento e porre fine ai casi aperti negli USA.

In un processo del 2014, Apple chiedeva 2,2 miliardi di dollari per violazione di Samsung di cinque suoi brevetti, ma ha ricevuto meno del 6 per cento di quanto chiesto.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Brevetti, Samsung porta Apple in Corte Suprema


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?