Intel abbandona il mercato smartphone

Intel abbandona il mercato smartphone

Intel ha annullato la produzione dei suoi ultimi chip Atom per i dispositivi mobili, nome in codice Sofia e Broxton, come confermato da un portavoce di Intel.

 

Scritto da , il 03/05/16

Seguici su

 
 

Intel potrebbe essere sul punto di uscire dai mercati di smartphone e tablet, dopo aver investito miliardi di dollari cercando di crescere in essi. La società ha infatti annullato la produzione dei suoi ultimi chip Atom per i dispositivi mobili, nome in codice Sofia e Broxton, come confermato da un portavoce di Intel.

Intel non se la sta passando finanziariamente bene, e la decisione di uscire dai mercati di smartphone e tablet è parte del piano di Intel di rivedere i propri piani che comprende anche il taglio di 12.000 posti di lavoro. Mentre Intel è considerato un produttore leader di processori nel mercato dei PC, ha investito molto nei chip per device mobile solo per renderli disponibili su una manciata di dispositivi.

Le risorse che prima venivano dedicate alla produzione di chip Broxton e Sofia saranno spostate nei "prodotti che offrono rendimenti più elevati e far progredire la nostra strategia" ha detto un portavoce di Intel in una e-mail, come riportato su Forbes.

Il primo lotto di chip Sofia era gia' pronto e in spedizione ai clienti, mentre le spedizioni di chip Broxton avrebbero dovuto iniziare quest'anno ma hanno subito un ritardo.

Intel sta inoltre gradualmente eliminando la sua linea di chip Atom X5 per tablet, nome in codice Cherry Trail, che viene sostituito da chip Pentium e Celeron, nome in codice Apollo Lake, che si rivolge a dispositivi di tipo ibrido, tablet 2in1 che si possono trasformare anche in PC portatili. Restano in produzione i processori Core M per dispositivi ibridi e tablet PC di fascia alta.

L'azienda continuerà a supportare i clienti che attualmente hanno un tablet con chip Intel, ha garantito il portavoce, ma la società non vede piu' il mercato dei tablet con un futuro positivo.

"Riguardo a Cherry Trail, i confini del fattore di forma sono sempre più sfocati nel mercato del mobile computing, e non vediamo più nei tablet un segmento a sé stante ", ha detto un portavoce di Intel. "Noi continueremo a supportare i nostri clienti che hanno tablet con Sofia 3G / 3GR, Bay Trail e Cherry Trail, e più in avanti con Apollo Lake e altri chip della nostra famiglia Core".

Nel corso degli ultimi anni, Intel ha prodotto diversi processori per dispositivi mobili per cercare di contrastare la concorrenza di Qualcomm, Samsung e MediaTek, ma non ha ottenuto risultati soddisfacenti, evidentemente. Sul mercato non dovrebbero quindi arrivare altri smartphone con processori Intel, ma forse solo tablet con Apollo Lake, tra cui forse il prossimo ibrido Surface di Microsoft. 

Intel andrà a concentrarsi ora su settori più remunerativi come data center, IoT, memoria 3D, FPGA e business della connettività 5G.

In definitiva: Intel esce dal mercato degli smartphone, ma da quello dei tablet no, o almeno non ancora. Grazie al chip Apollo Lake e Intel Core M, Intel coprirà il mercato dei tablet e ibridi di fascia alta, mentre esce dal mercato dei tablet entry-level, quello a cui i chip Atom erano destinati.


Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Intel abbandona il mercato smartphone


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?