Assistenti vocali, Siri e Apple usati uguale seguiti da Alexa

Assistenti vocali, Siri e Apple usati uguale seguiti da Alexa

Microsoft ha analizzato l'adozione e l'utilizzo della tecnologia vocale e degli assistenti digitali da parte dei consumatori e la fiducia che vi ripongono.

 

Scritto da , il 30/04/19

Seguici su

 
 

L'uso degli assistenti vocali sta prendendo piede, sono sempre di piu' i consumatori che iniziano ad utilizzare Alexa (Amazon), l'Assistente Google, Siri (Apple), Cortana (Microsoft) e altri ancora. Microsoft ha recentemente pubblicato un nuovo rapporto secondo il quale il 72% degli intervistati ha riferito di aver utilizzato un assistente digitale, tra quelli sopra menzionati, negli ultimi 6 mesi.

Nonostante la tecnologia vocale e gli assistenti digitali sono ancora nelle prime fasi della loro adozione, "sono sul punto di attraversare il baratro nell'adozione mainstream" ha detto Microsoft, che in veste di partecipante al mercato degli assistenti digitali ha detto di voler continuare ad investire in strategie di AI conversazionali per rimanere al passo con la concorrenza.

Nel rapporto pubblicato, Microsoft analizza l'adozione e l'utilizzo della tecnologia vocale e degli assistenti digitali da parte dei consumatori e la fiducia che questi ripongono nella tecnologia vocale, oltre alla funzionalità degli assistenti digitali e le abilità vocali che offrono e l'evoluzione dello shopping e del commercio vocale (vCommerce).

"Ciò che è iniziato come collegamenti blu su una pagina dei risultati dei motori di ricerca (SERP) si sta attualmente trasformando in qualcosa di ancora più grande per dimensioni e profondità. I collegamenti blu stanno scomparendo. Le parole stanno scomparendo Le tastiere stanno scomparendo. Cosa resterà? L'età del touch come interfaccia utente principale sta cedendo il passo a una nuova era di assistenti voce e digitali" si legge in apertura del rapporto di Microsoft, "I consumatori possono ora interagire con i motori di ricerca a un livello più profondo e in modi più significativi. La ricerca si sposta da un luogo di risposta ad uno stato di azione. I consumatori utilizzano la ricerca vocale per acquistare, ottenere indicazioni stradali, prenotare, viaggiare in viaggio, ecc. Ma la voce in sé non è il prossimo grande disgregatore. C'è un'interruzione ancora più grande all'orizzonte: l'IA conversazionale e il suo impatto sul comportamento dei consumatori. L'intelligenza conversazionale semplifica l'utilizzo del computer come mai prima d'ora - invece che gli esseri umani ad imparare il codice del computer, sono i computer che stanno imparando la nostra lingua. Allo stesso tempo, l'intelligenza conversazionale amplifica l'abilità umana. Stiamo appena iniziando a sfruttare questo potere attraverso i telefoni cellulari e gli altoparlanti intelligenti".

Secondo il ricercatore di mercato Nielsen, quasi il 25% delle famiglie statunitensi possiede oggi uno speaker intelligente e quasi la metà di quelle famiglie possiede più di uno smart speaker (fonte: The Verge, 2018).

Secondo Microsoft, l'IA conversazionale circonderà noi consumatori di una "intelligenza adattiva" che ci conosce e lavora per soddisfare i nostri bisogni individuali. Dalla programmazione del nostro prossimo appuntamento dentistico al controllo del nostro termostato passando per ordinare la nostra pizza preferita, i motori di ricerca si stanno trasformando in assistenti digitali personali grazie a Cortana, Siri, Assistente Google e Alexa. Ma gli assistenti digitali non sono limitati ai telefoni e agli altoparlanti intelligenti. Piuttosto, sono multi-dispositivo e multi-sensoriali. Secondo Microsoft, anche il riconoscimento facciale svolgerà un ruolo unificante man mano che gli utenti si spostano attraverso piu' dispositivi e questi assistenti "offriranno una scoperta universale che abbraccia sia il mondo fisico che quello digitale".

Col tempo, gli assistenti digitali giocheranno un ruolo più proattivo nelle nostre vite, programmando automaticamente una riparazione per sistemare la caldaia rotta o suggerire l'acquisto di biglietti non appena la nostra band preferita rilascerà le date del tour o ordinando gli articoli per la casa che stanno per esaurirsi. Gli assistenti digitali determineranno un cambiamento significativo nella mentalità e nel comportamento dei consumatori.

Il rapporto di Microsoft si basa sui risultati di due sondaggi separati dedicati al consumatore online. Il sondaggio condotto nel periodo compreso tra marzo-giugno 2018 è stato condotto da Microsoft Market Intelligence per ottenere una migliore comprensione dell'utilizzo e dell'adozione degli assistenti digitali; è stato condotto online con oltre 2.000 risposte globali da utenti in Stati Uniti, Regno Unito, California, Australia e Irlanda. Partendo dai risultati di questo primo sondaggio, Microsoft ha utilizzato lo strumento di ricerca online AskSuzy per coinvolgere 5000 clienti statunitensi nel mese di febbraio 2019 per ottenere una migliore comprensione dell'utilizzo di come l'adozione della tecnologia si è spostata e di come si è evoluta l'adozione delle funzionalità di acquisto.

 
Microsoft - Voice report 2019
Microsoft - Voice report 2019
 

E' emerso che il 69% degli intervistati ha utilizzato un assistente digitale, il 75% delle famiglie avrà almeno uno speaker intelligente entro il 2020; il 41% degli utenti ha segnalato preoccupazioni in merito a fiducia, privacy e ascolto passivo; i consumatori non divulgheranno le informazioni di identificazione personale senza una ricompensa sostanziale; oltre la metà dei consumatori si aspetta che i loro assistenti digitali contribuiscano ad effettuare acquisti al dettaglio entro i prossimi 5 anni.

La maggior parte degli intervistati ha riferito di aver utilizzato la ricerca vocale attraverso un assistente digitale (72%) e oltre la metà degli intervistati ha utilizzato la voce attraverso un altoparlante intelligente di casa. Quasi un terzo degli intervistati ha riferito di aver utilizzato comandi vocali tramite dispositivi IoT e connessi come TV (36%) e auto connesse (31%).

Anche se Amazon Alexa è ampiamente conosciuto e pubblicizzato negli Stati Uniti, sorprendentemente non è l'assistente vocale più popolare. Siri di Apple e l'Assistente Google sono gli assistenti vocali leader con il 36% degli intervistati che li ha utilizzati. Alexa è al terzo posto, usato dal 25% degli intervistati, seguito da Cortana dal 19%. La popolarità di Siri e Google Assistant è probabilmente dovuta alla loro presenza massiccia nei telefoni cellulari, mentre Alexa è più strettamente legata agli altoparlanti intelligenti (anche se Alexa può essere utilizzato anche sui telefoni cellulari).

Anche se gli smartphone attualmente superano gli altoparlanti intelligenti, le quote di utilizzo dei vari assistenti vocali che potrebbero cambiare velocemente man mano che aumenterà l'uso degli smart speaker. Nel rapporto di Microsoft si legge che sempre piu' consumatori hanno iniziato ad interagire maggiormente con il loro smart speaker accantonando il loro smartphone. Dal sondaggio del 2018 è emerso che la percentuale di intervistati che possedeva un altoparlante intelligente in casa è aumentato di 22 punti percentuali al 23% mentre il 30% ha previsto di acquistarne almeno uno. Dal sondaggio del gennaio 2019, Microsoft ha rilevato che il 45% degli intervistati attualmente possiede uno speaker intelligente e il 26% prevede di acquistarne uno a breve.

Del 30% di intervistati che hanno pianificato di acquistare uno smart speaker, il 73% di loro vuole farlo nei successivi sei mesi. Gli altoparlanti intelligenti stanno costantemente diminuendo di prezzo e diventando un oggetto non piu' "di lusso". Il dispositivo piu' di interesse risulta essere Google Home, seguito da Amazon Echo Dot e Google Home Mini.

Sulla base dei risultati del sondaggio degli inizi del 2018, Microsoft si aspettava che metà degli intervistati possedesse uno speaker intelligente entro la fine del 2018 e Gartner prevede che entro il 2020 il 75% delle famiglie avrà almeno uno smart speaker. Nel sondaggio di gennaio 2019, Microsoft ha notato che il 45% degli intervistati già possedeva uno smart speaker e per molti intervistati uno smart speaker non era abbastanza: il 41% degli intervistati che possiedono uno smart speaker ha già almeno due altoparlanti intelligenti.

Leggi anche:

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Assistenti vocali, Siri e Apple usati uguale seguiti da Alexa


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?