Amazon, Epic Games, Playstation e McDonald's sospendono o limitano servizi in Russia

Amazon, Epic Games, Playstation e McDonald's sospendono o limitano servizi in Russia

Cresce l'elenco di aziende che limitano o sospendono i propri servizi in Russia in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte del Paese. Tra le ultime azioni, stop alla vendita di Playstation in Russia e chiudono temporaneamente i rispostanti McDonald's mentre Amazon sospende Prime Video.

 

Scritto da il 10/03/22 | Pubblicato in Russia | Ucraina | | Archivio 2022

Seguici su

 
 

Anche il mondo del gaming ha iniziato a prendere posizione nei confronti della Russia dopo che il Paese ha iniziato ad invadere l'Ucraina. Sony Interactive Entertainment (SIE) ha annunciato di avere sospeso tutte le spedizioni di software e hardware, il lancio di Gran Turismo 7 e le operazioni del PlayStation Store in Russia. Amazon non raccoglierà più ordini per New World, che è l'unico videogioco che vende direttamente in Russia. Il colosso dell'e-commerce Amazon ha anche deciso di sospendere la spedizione di prodotti al dettaglio ai clienti con sede in Russia e Bielorussia e di non accettare più nuovi clienti AWS con sede in Russia e Bielorussia e venditori di terze parti su Amazon. Amazon sta anche sospendendo l'accesso a Prime Video per i clienti con sede in Russia. E poi c'è il colosso McDonald's, che ha deciso di chiudere temporaneamente ristoranti e di sospendere le proprie operazioni in Russia.

Questa la nota ufficiale condivisa da Playstation (@Playstation) via Twitter il 9 marzo 2022:
"Sony Interactive Entertainment (SIE) si unisce alla comunità globale nella richiesta di pace in Ucraina. Abbiamo sospeso tutte le spedizioni di software e hardware, il lancio di Gran Turismo 7 e le operazioni del PlayStation Store in Russia. Per supportare gli aiuti umanitari, il Gruppo Sony Corporation ha annunciato una donazione di 2 milioni di dollari allo United Nations High Commissioner for Refugees (UNHCR) e alla ONG internazionale Save the Children, per sostenere le vittime di questa tragedia."

Bungie, lo sviluppatori di videogiochi dietro, ad esempio, al gioco Destiny, sta lavorando con i suoi partner per sospendere tutte le vendite e il commercio di Destiny 2 in Russia e Bielorussia, come da nota ufficiale di @Bungie condivisa via Twitter il 9 marzo 2022:
"Bungie sta con il popolo ucraino e tutti coloro che sono stati colpiti dalla guerra in corso. A partire da oggi, lavoreremo con i nostri partner per sospendere tutte le vendite e il commercio di Destiny 2 in Russia e Bielorussia."

Con un comunicato ufficiale pubblicato l'8 marzo 2022, il colosso dell'e-commerce Amazon ha fornito aggiornamenti:
"Data la situazione in corso in Russia e Ucraina, abbiamo intrapreso ulteriori azioni. Abbiamo sospeso la spedizione di prodotti al dettaglio ai clienti con sede in Russia e Bielorussia e non accetteremo più nuovi clienti AWS con sede in Russia e Bielorussia e venditori di terze parti su Amazon. Stiamo inoltre sospendendo l'accesso a Prime Video per i clienti con sede in Russia e non prenderemo più ordini per New World, che è l'unico videogioco che vendiamo direttamente in Russia. Ricordiamo che, a differenza di altri fornitori di tecnologia statunitensi, Amazon e AWS non hanno data center, infrastrutture o uffici in Russia e abbiamo una politica di lunga data di non fare affari con il governo russo. Continuiamo a collaborare con diverse ONG e organizzazioni per sostenere gli immensi bisogni umanitari di cui c'è bisogno. Amazon ha donato 5 milioni di dollari per sostenere le persone colpite. Continuiamo ad abbinare le donazioni dei nostri dipendenti e siamo felici di riferire che oltre 10.000 dipendenti hanno donato allo sforzo. Decine di migliaia di clienti in tutto il mondo hanno anche effettuato donazioni tramite le nostre home page e ci stiamo assicurando che quei fondi arrivino a Save the Children e alla Croce Rossa sul campo".

Con un comunicato ufficiale pubblicato l'8 marzo 2022, McDonald's ha annunciato la chiusura temporanea dei suoi ristoranti e di sospendere le proprie operazioni in Russia. Quello che segue è il comunicato tradotto, il quale era stato originariamente inviato via e-mail dal CEO dell'Azienda Chris Kempczinski ai dipendenti e ai franchisee di McDonald'sprima della pubblicazione online:
"Il conflitto in Ucraina e la crisi umanitaria in Europa hanno causato sofferenze indicibili a persone innocenti. Come Sistema, ci uniamo al mondo nel condannare l'aggressione e la violenza e nel pregare per la pace. La nostra priorità numero uno dall'inizio di questa crisi è stata, e rimarrà, la nostra gente. Come Ian Borden ha condiviso la scorsa settimana, la Società ha fornito supporto finanziario immediato al nostro team in Ucraina. Continuiamo a pagare gli stipendi pieni a i nostri dipendenti ucraini e abbiamo donato 5 milioni di dollari al nostro Fondo di assistenza ai dipendenti e continuiamo a sostenere gli sforzi di soccorso guidati dalla Croce Rossa Internazionale nella regione. Siamo stati sopraffatti dalle offerte di supporto in tutto il Sistema e vi ringraziamo per i vostri generosi contributi fino ad oggi. Poiché molti dei nostri colleghi in Ucraina hanno cercato rifugio, hanno trovato il familiare supporto del sistema McDonald's in luoghi nuovi e sconosciuti. In Polonia e in molti altri mercati in tutta Europa, il nostro Sistema ha letteralmente aperto le loro case, i loro cuori e i loro ristoranti. La Ronald McDonald House Charities (RMHC) Poland Care Mobile si trova al confine polacco-ucraino per fornire assistenza medica e aiuti umanitari a famiglie e bambini, e un'altra Care Mobile è in arrivo da RMHC Lettonia. Inoltre, RMHC Ucraina sta distribuendo forniture mediche e fornendo aiuti umanitari in tutto il paese e i suoi programmi sono stati riutilizzati per l'uso da parte del personale ospedaliero. Questo supporto, reso possibile dal nostro Sistema globale, sta avvenendo in tutta Europa e continuerà a crescere. Negli ultimi giorni ho parlato con molti nel nostro Sistema e ho sentito parlare delle nostre operazioni in Russia. La situazione è straordinariamente impegnativa per un brand globale come il nostro e le considerazioni da fare sono tante. Da 66 anni operiamo con la convinzione che le comunità siano migliorate quando c'è un McDonald's nelle vicinanze. In Russia, diamo lavoro a 62.000 persone che hanno riversato il loro cuore e la loro anima nel nostro marchio McDonald's per servire le loro comunità. Lavoriamo con centinaia di fornitori e partner locali e russi che producono il cibo per il nostro menu e sostenere il nostro marchio. E serviamo milioni di clienti russi ogni giorno che contano su McDonald's. Negli oltre trent'anni in cui McDonald's ha operato in Russia, siamo diventati una parte essenziale delle 850 comunità in cui operiamo. Allo stesso tempo, i nostri valori significano che non possiamo ignorare l'inutile sofferenza umana che si sta verificando in Ucraina. Anni fa, di fronte alla sua difficile decisione, Fred Turner spiegò il suo approccio molto semplicemente: "Fai la cosa giusta". Quella filosofia è consacrata come uno dei nostri cinque valori guida e ci sono innumerevoli esempi nel corso degli anni di McDonald's Corporation all'altezza del semplice ideale di Fred. Oggi è anche uno di quei giorni. Lavorando a stretto contatto con il nostro presidente, Rick Hernandez, e il resto del consiglio di amministrazione di McDonald's nell'ultima settimana, McDonald's ha deciso di chiudere temporaneamente tutti i nostri ristoranti in Russia e di sospendere tutte le operazioni sul mercato. Comprendiamo l'impatto che ciò avrà sui nostri colleghi e partner russi, motivo per cui siamo pronti a sostenere tutte e tre le gambe dello sgabello in Ucraina e Russia. Ciò include la continuazione dello stipendio per tutti i dipendenti McDonald's in Russia. È importante sottolineare che RMHC Russia continuerà le sue piene operazioni, proprio come RMHC Ucraina sta collaborando con ospedali locali e fornendo aiuti umanitari in tutto il paese. Nel resto d'Europa, rimarremo concentrati su come McDonald's può aiutare al meglio i bisognosi, sia ora che in futuro. Abbiamo già assistito a una leadership straordinaria delle nostre squadre ucraine e russe e so che il resto del sistema McDonald's è pronto a sostenere il gran numero di rifugiati sfollati a causa di questo conflitto. Mentre avanziamo, McDonald's continuerà a valutare la situazione e determinare se sono necessarie ulteriori misure. In questo momento, è impossibile prevedere quando potremmo essere in grado di riaprire i nostri ristoranti in Russia. Stiamo subendo interruzioni della nostra catena di approvvigionamento insieme ad altri impatti operativi. Monitoreremo da vicino anche la situazione umanitaria. Come sempre, McDonald's sarà guidato dai nostri valori e dal nostro scopo di nutrire e promuovere le comunità in tutto il mondo."

Epic Games, lo sviluppatore dietro al popolare gioco Fortnite, ha annunciato lo stop della vendita dei suoi videogame in Russia, mentre lascia libero ancora l'accesso ai videogiochi. Questo il tweet pubblicato da @EpicNewsroom il 5 marzo:
"Epic interrompe il commercio con la Russia nei nostri giochi in risposta alla sua invasione dell'Ucraina. Non stiamo bloccando l'accesso per lo stesso motivo per cui altri strumenti di comunicazione rimangono online: il mondo libero dovrebbe mantenere aperte tutte le linee di dialogo."

In un comuicato stampa pubblicato il 3 marzo, The Coca-Cola Company ha annunciato l'immediata sospensione delle sue attività in Russia:
"The Coca-Cola Company ha annunciato oggi che sospenderà le sue attività in Russia. I nostri cuori sono con le persone che stanno subendo gli effetti inconcepibili di questi tragici eventi in Ucraina. Continueremo a monitorare e valutare la situazione man mano che le circostanze si evolvono." 

Queste aziende si aggiungono ad altre che hanno deciso di limitare o sospendere i propri servizi in Russia, tra cui Apple, Google, Netflix, TikTok, Meta, Spotify, Sony, Warner Bros., Disney, Youtube.  Ma la lista delle aziende che hanno preso azioni in seguito alla crisi in Ucraina sono molte di più, ci siamo limitati a riportarne solo alcune.

Ultimo aggiornamento articolo: 10.03.2022

Leggi anche:
 
Crisi Ucraina - comunicato The Coca-Cola Company del 3 marzo 2022
Crisi Ucraina - comunicato The Coca-Cola Company del 3 marzo 2022
 
 
Crisi Ucraina - comunicato Epic Games Newsroom del 5 marzo 2022
Crisi Ucraina - comunicato Epic Games Newsroom del 5 marzo 2022
 
 
Crisi Ucraina - comunicato Playstation del 9 marzo 2022
Crisi Ucraina - comunicato Playstation del 9 marzo 2022
 
 
Crisi Ucraina - comunicato Bungie del 9 marzo 2022
Crisi Ucraina - comunicato Bungie del 9 marzo 2022
 
 
Crisi Ucraina - estratto comunicato McDonald's del 8 marzo 2022
Crisi Ucraina - estratto comunicato McDonald's del 8 marzo 2022