Russia contro Facebook, Twitter e Google

Russia contro Facebook, Twitter e Google

Dal governo russo lettere a Google, Twitter, Facebook per ricordare loro di conformarsi alla normativa nazionale circa la trasmissione dei dati dei blogger russi e di chiudere i siti o pagine che si ritiene possano favorire proteste non autorizzate e disordini.

 

Scritto da , il 22/05/15

Seguici su

 
 

Tre delle aziende più importanti di internet hanno ricevuto una comunicazione ufficiale da Roskomnadzor, agenzia federale russa che sorveglia le comunicazioni, i mass media, e delle tecnologie dell'informazione, controllando tutto ciò che in Russia riguarda il settore delle telecomunicazioni e di internet.

L'agenzia ha inviato lettere a Google, Twitter, Facebook e ricordando loro di conformarsi alla normativa che impone alle aziende di Internet della trasmissione dei dati sui blogger russi che hanno più di 3.000 lettori al giorno, e di chiudere i siti o pagine che Roskomnadzor ritiene di favorire "proteste non autorizzate e disordini".

La Russia ha approvato una serie di leggi di recente che i critici vedono come niente di meno che un metodo per censurare le opinioni della gente. L'anno scorso, è stata approvata una legge che ora permette agli inquirenti russi di bloccare siti senza un ordine del tribunale, mentre altre normative approvate richiedono ai blogger con un grande numero di lettori di registrarsi presso un ente governativo per la verifica della identità.

Google ha affermato nella sua precedente relazione sulla trasparenza di aver risposto a circa il 5% delle 134 richieste di informazioni da parte del governo russo durante la seconda metà del 2014, fornendo solo "alcune informazioni". Twitter ha detto che ha respinto 108 richieste, e Facebook ha rifiutato di rispondere alle uniche due richieste che ha ricevuto l'anno scorso.

Leggi anche: Russia, Governo prepara un proprio Sistema Operativo Mobile

Tutte e tre le aziende ricevono molte più richieste da parte del governo degli Stati Uniti, e hanno tassi di risposta più elevati pure, ma in tali casi, tutte e tre le aziende sono americane e sono tenute quindi a rispettare le leggi degli Stati Uniti. Il portavoce Roskomnadzor Vadim Ampelonsky ha detto che Google, Facebook, Twitter e altre aziende usano protocolli di crittografia che impediscono all'agenzia di bloccare siti specifici, lasciando quindi solo la possibilità di bloccare i siti interamente.

"Ci rendiamo conto che sono registrati sotto giurisdizione degli Stati Uniti. Ma credo che in questo caso devono dimostrare lo stesso il rispetto della legislazione nazionale [russa]. [Se non lo fanno] avremo bisogno di applicare sanzioni", dice l'Ampelonsky.

La nota non va a specificare il tipo di quelle "sanzioni". Poiché la maggior parte del traffico su Facebook e Twitter è dai dispositivi mobili, e Android è il sistema operativo mobile più diffuso fatti da Google, un tipo di "sanzione" potrebbe essere il blocco in Russia di alcuni dei servizi di Google.

Leggi anche:

Condividi questa notizia

Resta aggiornato su Russia contro Facebook, Twitter e Google


 
 

Commenti e Opinioni

 
 
 
 

Promozioni Consigliate

 
 
Vuoi restare aggiornato ?