Tablet, il mercato cresce 'grazie' al Coronavirus in Europa ma non solo

Tablet, il mercato cresce 'grazie' al Coronavirus in Europa ma non solo

Samsung e Apple guidano il mercato dei tablet nel secondo trimestre del 2020 in Europa, Medio Oriente e Africa.

 

Scritto da , il 08/09/20

 

Seguici su

 
 

Il mercato dei tablet in Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) è cresciuto del 23,8% su base annua, raggiungendo 11,9 milioni di unità nel secondo trimestre del 2020, secondo l'ultima analisi dell'International Data Corporation (IDC). Il mercato dei tablet è in positivo per la prima volta in sei anni in EMEA e ha registrato la crescita più grande dal 2013, quando il mercato non aveva ancora raggiunto la maturità, nota il rapporto. Il segmento consumer è stato il motore principale della crescita, con un aumento del 27,1% su base annua. Come presumibile, IDC conferma che la crescita è legata alla pandemia del COVID-19, che ha portato ad una improvvisa necessità di acquistare dispositivi per il tempo libero, l'istruzione e il lavoro da casa durante i lockdown nei vari paesi interessati.

La domanda dei tablet in Europa occidentale è rimasta positiva per tutto il trimestre, nota IDC, poiché "i tablet sono emersi come un'alternativa affidabile e conveniente per i consumatori per soddisfare le loro esigenze di consumo di contenuti e fornire accesso alla scuola a distanza durante il lockdown", ha commentato l'analista Helena Ferreira.

Il mercato dei tablet dell'Europa occidentale è cresciuto del 28,3% su base annua nel secondo trimestre dell'anno 2020, mentre l'Europa centrale e orientale (CEE) e il Medio Oriente e Africa (MEA) hanno registrato una crescita rispettivamente del 26,9% e del 10,8% su base annua.

I tablet sono stati preferiti ai notebook, per il lavoro e la scuola da casa.
"I mercati dei tablet CEE e MEA nel secondo trimestre 2020 si sono comportati molto meglio del previsto", ha affermato Stefania Lorenz. "L'aumento della domanda di tablet da parte dei consumatori è stato guidato dalla mancanza di notebook sul mercato. In effetti, non ci si aspettava che i tablet fossero la prima scelta per la scuola o il lavoro a casa, ma agli studenti più giovani sono stati forniti tablet piuttosto che notebook. Il lavoro e l'istruzione 'forzati' da casa hanno spinto la domanda a volumi elevati sia in CEE che in MEA. "

 
Le 5 principali aziende fornitrici di tablet in EMEA nel Q2 2020
Le 5 principali aziende fornitrici di tablet in EMEA nel Q2 2020
 

In termini di tablet spediti, Samsung ha mantenuto la leadership in EMEA nel secondo trimestre del 2020 con 3,376 milioni di tablet spediti per una quota di mercato del 28,3 per cento (+69,3% da 1,995 milioni di tablet spediti e quota del 20,7 per cento nel Q2 2019) seguita da Apple rimasta al secondo posto grazie alla popolarità dei suoi iPad nell'Europa occidentale con 2,560 milioni di tablet spediti per una quota di mercato del 21,5 per cento (+6,3% da 2,408 milioni di tablet spediti e quota del 25,0 per cento nel Q2 2019). Terza posizione per Huawei con 1,792 milioni di tablet spediti per una quota di mercato del 15,0 per cento (+51,2% da 1,185 milioni di tablet spediti e quota del 12,3 per cento nel Q2 2019). Quarta posizione per Lenovo con 1,447 milioni di tablet spediti per una quota di mercato del 12,1 per cento (+74,1% da 831 mila tablet spediti e quota del 8,6per cento nel Q2 2019). Chiude la top5 delle 5 principali aziende fornitrici di tablet in EMEA nel Q2 2020 Amazon, che per IDC ha beneficiato dell'aumento delle vendite online durante il lockdown per riguadagnare il quinto posto: il colosso dell'e-commerce ha spedito 457mila suoi tablet Fire per una quota di mercato del 3,8 per cento (+5,2% da 434 mila tablet spediti e quota del 4,5 per cento nel Q2 2019).

IDC prevede che il mercato dei tablet EMEA crescerà nel terzo trimestre del 2020 del 10,9% su base annua, per chiudere l'intero anno 2020 con una crescita del 3,7% su base annua. 

IDC nota che, contrariamente alle aspettative di tre mesi fa, le spedizioni di tablet non sono calate durante il mese di giugno. In particolare, viene ipotizzato che parte del budget che in una situazione di normalità poteva essere usato per andare in vacanza le persone lo hanno usato per acquistare prodotti per l'intrattenimento in casa, tra cui tablet.

"Nonostante l'allentamento delle restrizioni di blocco in tutta la regione [EMEA, ndr], il comportamento pubblico rimane cauto in generale", ha affermato Daniel Goncalves, responsabile della ricerca di IDC. "Pertanto, i soldi che altrimenti sarebbero stati spesi per le vacanze o altre attività sono state destinate all'home entertainment, e questo ha beneficiato al mercato dei tablet. Non è solo una questione di necessità, è anche facilitata dalla situazione attuale".

Secondo IDC, l'istruzione continuerà ad avere un forte impatto sulle prestazioni dei tablet nel terzo trimestre di quest'anno, dal momento che sempre più scuole punteranno sulla digitalizzazione, per non trovarsi impreparate nel caso in cui situazioni come quella di inizio anno si ripresenteranno in futuro.


Condividi questa notizia

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria