Agenda Digitale, Passera annuncia l'approvazione del decreto

 

Il ministro Passera ha annunciato su Twitter l'approvazione dello Statuto dell’Agenzia per l'Italia Digitale, anche se le modalità di avvio sono giudicate inopportune da varie parti politiche e dai sindacati

Scritto da Simone Ziggiotto il 10/03/13 | Pubblicata in Altro | Archivio 2013

 

Il ministro Passera ha annunciato su Twitter l'approvazione dello Statuto dell’Agenzia per l'Italia Digitale, anche se le modalità di avvio sono giudicate inopportune da varie parti politiche e dai sindacati. Il decreto che lo approva è stato siglato dal presidente del Consiglio su iniziativa dei ministri Passera, Patroni Griffi, Profumo e Grilli.

"Un altro passo avanti in avanti per l’Agenda Digitale e per dotare i cittadini di servizi più efficienti".

Il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera ha espresso su Twitter la sua felicità sull'attesa approvazione dello Statuto dell’Agenzia per l’Italia Digitale, ma allo stesso tempo da varie parti politiche e dai sindacati sorgono dubbi sull'effettiva operatività nel progetto. Pochi giorni fa, infatti, sono state diverse le organizzazioni sindacali (Fp Cgil, Fp Cisl, Falbi, Ugl, Fialp Cisal e la Rsu Agenzia per l'Italia Digitale) secondo cui l'approvazione dello statuto "non rientra nei poteri di ordinaria amministrazione del governo dimissionario". 

Corrado Passera

Ricordando che l’iniziativa è dei ministri Passera, Patroni Griffi, Profumo e Grilli, attraverso l'Agenda Digitale il governo intende trasformare profondamente la pubblica amministrazione e le città. "Lo Statuto, nel disciplinare l’organizzazione e le modalità di gestione dell’Agenzia, consente l’operatività del nuovo Ente, chiamato a gestire in modo unitario e coordinato i processi di digitalizzazione e di ammodernamento delle amministrazioni pubbliche, così da assicurare la diffusione delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, l’interoperabilità dei sistemi informativi pubblici, l’efficace erogazione dei servizi digitali ai cittadini e alle imprese e la razionalizzazione della spesa informatica" dice la nota.

"Ora abbiamo lo strumento necessario per dare continuità all'attuazione delle strategie e dei principali obiettivi contenuti nell'Agenda digitale italiana ed europea, che consideriamo prioritari per la crescita e lo sviluppo del Paese"

Agostino Ragosa, nominato già a ottobre direttore generale dell'Agenzia, a Repubblica.it ha dichiarato che: "Lo statuto è un passo importante, finalmente siamo operativi. Senza statuto l'agenzia non poteva funzionare. Ora i quattro ministeri competenti dovranno nominare il direttivo, per completare la governance dell'Agenzia. Poi faremo una relazione al Parlamento per indicare come intendiamo attuare il piano Ict nazionale (cioè l'Agenda digitale, ndr)". 

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?