Berners Lee allarma: web a rischio di controllo

 

Tim Berners-Lee è intervenuto nel corso degli Ict Days a Trento, argomentando il mondo del web e le minacce che vi incombono

Scritto da Simone Ziggiotto il 23/03/13 | Pubblicata in Altro | Archivio 2013

 

Tim Berners-Lee è intervenuto nel corso degli Ict Days a Trento, argomentando il mondo del web e le minacce che vi incombono. Il 'papà' di Internet non lascia fuori la politica: 'Elezioni online, se governi non tentati di spiare cittadini'. E sul futuro del web: "Se utilizzato bene, il web da' una straordinaria opportunità che e' in se' una rivoluzione".

Tim Berners-Lee abbiamo scoperto non essere un amante del futurismo, a sua detta, ma il padre del World wide web (www) si è già immaginato come potrà essere il futuro della tecnologia nel nostro paese, con l'amplificazione degli open data. Il futuro è la condivisione, essere censiti, incrociati e interlacciati. "Abbiamo bisogno di strumenti potenti per una collaborazione universale e risolvere i grandi problemi del mondo", dice.

Tim Berners-Lee

Non tutto è 'rosa e fiori', qualche rischio è sempre dietro l'angolo, anche nell'era degli open data. "La minaccia che incombe sul Web può venire dal controllo politico ed economico che se ne fa. L'indipendenza della stampa, della circolazione delle informazioni, e' cio' che piu' garantisce la democrazia". Ad affermarlo e' stato il 'padre' di Internet Tim Bernes Lee agli Ict Days a Trento. "In futuro arriveremo alle elezioni online se i governi non vengono tentati dall'usare Internet per controllare o spiare i cittadini".

"Comprare delle scarpe, per esempio, potrebbe essere semplicissimo: non dovremmo nemmeno ribadire il nostro numero"

Il concetto di 'città intelligente' per Tim Berners-Lee dovrebbe essere più o meno così: "tutti i dispositivi serviranno per raccogliere dati, dando un quadro più chiaro del mondo che ci circonda". La vera svolta la si otterrà quando nascerà una piattaforma partecipativa o, come definito da Tim, "Universalmente partecipata".

Nel corso degli Ict days di Trento, Berners-Lee ha espresso il suo concetto di 'mercato libero': "Abbiamo visto cosa e' successo in Egitto quando la gente e' stata disconnessa. Il web puo' essere al contrario utilizzato per rendere ancora piu' libero il mercato e ancora piu' partecipativa la democrazia.".

Bisogna stare attenti a controllare o spiare i cittadini, perchè c'è sempre il rischio di violare la privacy altrui: "Si sta passando da una visione più semplice della privacy a un'altra più complessa [...], c'è la necessità di distinguere quando è appropriato condividere i dati e quando invece non lo è".

Ha poi concluso dicendo: "Da un punto di vista tecnologico Internet e' 'liquido' e si adatterà a tutti i cambiamenti politici e sociali del mondo". Cercando di spiegare cosa bisogna fare per rendere sicuro l'utilizzo del mezzo Internet, Tim dice: "bisogna adeguare e rendere sicuro il suo utilizzo con nuovi protocolli e una nuova governance, per impedire che i dati personali e la privacy di ogni cittadino vengano violati.".

Tim prevede anche che per il futuro "ci saranno sempre più pixel, sempre più economici, ovunque. Schermi più grandi che riempiranno le stanze, per videoconferenze che simuleranno l'effetto presenza delle persone".  La speranza è creare "nuovi sistemi di governo in cui persone affini, anche lontane e di diversa cultura possano collaborare. Internet dovrà abbatte le barriere".

Ma ci sono anche lati positivi, non tutto sarà negativo: "Se utilizzato bene, il web da' una straordinaria opportunità che e' in se' una rivoluzione: la possibilità di creare una vera e propria societa' globale organizzata dal basso e non piu' verticistica".

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?