L'NSA raccoglie milioni di contatti, e-mail e chat

 

La National Security Agency (NSA) raccoglie centinaia di milioni di e-mail personali e account in tutto il mondo, secondo un rapporto del Washington Post, e la maggior parte sono di utenti americani

Scritto da Simone Ziggiotto il 16/10/13 | Pubblicata in Altro | Archivio 2013

 

L'NSA raccoglie milioni di contatti, e-mail e chat

La National Security Agency (NSA) raccoglie centinaia di milioni di e-mail personali e account in tutto il mondo, secondo un rapporto del Washington Post, e la maggior parte sono di utenti americani.

Citando fonti ufficiali e documenti top-secret rivelati dall'ex impiegato della CIA, Edward Snowden, il sistema automatico di raccolta dei dati si attiva quando i servizi internet si messaggistica istantanea iniziano a trasmettere dati, in genere quando gli utenti accedono, compongono un messaggio o sincronizzano il loro account sui loro dispositivi.

L'agenzia raccoglie circa 500.000 liste di amici sui servizi di chat e di posta elettronica ogni giorno, secondo una presentazione PowerPoint interna all'NSA trapelata:

"Nel corso di un solo giorno, lo scorso anno, la NSA ha raccolto 444.743 e-mail da Yahoo, 105.068 da Hotmail, 82.857 da Facebook, Gmail e 33.697 da 22.881 da non specificati altri fornitori. "

La raccolta dei dati, che avviene principalmente all'estero e non solo negli Stati Uniti, è possibile grazie agli accordi che l'NSA avrebbe con le società di telecomunicazioni e le agenzie di intelligence straniere, ha detto il Post. L'agenzia non è autorizzata a raccogliere le informazioni dalle strutture americane, anche se ufficiali dell'intelligence hanno rivelato che le operazioni riguardano anche decine di milioni di americani.

La NSA si è difesa dicendo che i dati raccolti vengono utilizzati per combattere il terrorismo e una serie di altri reati e per salvaguardare la sicurezza nazionale. "La National Security Agency è focalizzata sulla scoperta di obiettivi stranieri che possono essere terroristi, trafficanti di esseri umani, e trafficanti di droga", ha detto l'agenzia in un comunicato. "Noi non siamo interessati alle informazioni personali sui cittadini americani. Inoltre, operiamo secondo le regole approvate sia dal Procuratore Generale che dal Tribunale di sorveglianza Foreign Intelligence. Inoltre, è nostro impegno ridurre al minimo l'acquisizione, l'uso e la diffusione di tali informazioni".

Poiché i dati vengono raccolti mentre sono in transito su Internet, piuttosto che salvati nei server delle società di telecomunicazioni, l'agenzia non ha bisogno di informare i fornitori di servizi internet o di chiedere il loro permesso per raccogliere le informazioni.

"Non abbiamo né la conoscenza né la partecipazione a questa raccolta di massa di indirizzi Web o messaggi di chat da parte del governo", ha fatto sapere un portavoce di Google in un comunicato.

Yahoo ha rilasciato una dichiarazione simile , dicendo: " Non siamo a conoscenza di né abbiamo partecipato alla presunta raccolta di massa di dati degli utenti da parte del governo". 

Un portavoce di Microsoft ha detto che ha trovato le accuse preoccupanti. "Microsoft non fornisce al governo alcun accesso diretto o backdoor per la raccolta dei dati dei nostri clienti," un rappresentante di Microsoft ha detto in una dichiarazione. "Saremmo seriamente preoccupati se queste accuse circa le azioni del governo sono vere".

Facebook ha preso la palla al balzo e chiesto ancora una volta al governo di essere più trasparente nei confronti dei cittadini americani circa le attività di raccolta dei loro dati: "Come abbiamo detto più volte, noi crediamo che, mentre i governi hanno una responsabilità importante per tenere la gente al sicuro, sono liberi di fare quello che meglio credono, ma devono essere trasparenti [con i cittadini]", ha detto un rappresentante di Facebook. "Invitiamo caldamente tutti i governi a fornire una maggiore trasparenza circa i loro sforzi volti a mantenere la sicurezza pubblica".

Un portavoce di Yahoo ha detto al Post che è consigliabile iniziare ad utilizzare la connessione SSL (Secure Sockets Layer) per crittografare le connessioni di posta elettronica. Google ha sempre offerto agli utenti di Gmail la possibilità di utilizzare l'HTTPS (Hypertext Transfer Protocol Secure), che è poi diventata un'impostazione predefinita nel 2010.

Nel mese di agosto, il servizio di posta elettronica crittografato Lavabit improvvisamente ha chiuso i battenti dopo che l'FBI ha ottenuto un mandato di perquisizione per riuscire ad entrare in possesso dei messaggi che scriveva e riceveva Edward Snowden. Lavabit, infatti, è stato il servizio presumibilmente utilizzato dalla talpa dell'NSA per inviare a luglio un messaggio contenente informazioni importanti ad un rappresentante di Human Rights Watch, un'organizzazione non governativa internazionale che si occupa della difesa dei diritti umani.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?