L'Uomo fa parte di un'unica Specie

 

Secondo quanto riportato dal nuovo studio pubblicato sull'ultimo numero della rivista Science, i primi membri del genere Homo della famiglia degli Ominidi, tra cui Homo abilis, Homo rudolfensis, Homo erectus e fino all'Homo sapiens, cioè l'uomo moderno, potrebbero appartenere ad una stessa specie e solo 'sembrare' diversi

Scritto da Simone Ziggiotto il 18/10/13 | Pubblicata in Altro | Archivio 2013

 

L'Uomo fa parte di un'unica Specie

Secondo quanto riportato dal nuovo studio pubblicato sull'ultimo numero della rivista Science, i primi membri del genere Homo della famiglia degli Ominidi, tra cui Homo abilis, Homo rudolfensis, Homo erectus e fino all'Homo sapiens, cioè l'uomo moderno, potrebbero appartenere ad una stessa specie e solo 'sembrare' diversi.

Nel marzo 2010, l'analisi del DNA mitocondriale, eseguita sul resto di un dito ritrovato sui monti Altai in Siberia, ha aperto la possibilità che sia esistita un'ulteriore specie denominata Homo di Denisova, ma anche questo potrebbe in realtà essere parte dell'unica e grande specie di 'Homo erectus'.

Lo studio, guidato da David Lordkipanidze del Georgian National Museum di Tbilisi, in Georgia, è stato fatto analizzato un teschio risalente a 1,8 milioni di anni orsono e ritrovato nella citta' di Dmanisi, in Georgia. Al contrario di altri fossili di Homo, il cranio studiato, e poi chiamato Teschio 5, si contraddistingue per via di una piccola scatola cranica con una faccia lunga e grandi denti, caratteristiche mai osservate tutte insieme in un ominide.

Teschio 5 è stato trovato accanto ai resti di altri quattro antenati dell'uomo, ed è appartenuto ad un uomo adulto, alto si stima tra 1,50 e 1,60 metri. Per i diversi tratti fisici, il fossile di Dmanisi può essere paragonato a vari fossili di Homo, scoperti in Africa e risalenti a circa 2,4 milioni di anni fa, e altri scoperti in Asia e in Europa, risalenti a circa 1,5 milioni di anni fa.

Secondo Christoph Zollikofer del Museo di Zurigo che ha partecipato al lavoro, le differenze tra questi fossili di Dmanisi non sono poi tanto diverse da quelle che si possono riscontrare tra esseri umani moderni o scimpanzé.

In seguito alle ultime analisi, Lordkipanidze e i suoi colleghi scienziati ritengono che i primi fossili di Homo originari dell'Africa in realtà possono rappresentare solo differenze tra i membri sella specie evolutiva di Homo erectus. In sostanza, secondo gli scienziati, l'unica vera, prima, specie che ha preceduto l’Homo sapiens sarebbe l’Homo erectus, mentre tutte quelle successive sarebbero variazioni e non specie differenti.

Rivoluzione Paleontologica


 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?