Bimbi che usano smartphone e tablet apprendono di meno

 

Lasciare che i bambini usino iPad potrebbe danneggiare lo sviluppo della parola

Scritto da Simone Ziggiotto il 05/05/14 | Pubblicata in Altro | Archivio 2014

 

Bimbi che usano smartphone e tablet apprendono di meno

Lasciare che i bambini usino iPad potrebbe danneggiare lo sviluppo della parola. L'allarme arriva da uno studio condotto dal team del Cohen Children's Medical Center di New York. "Parlare con il vostro bambino è il modo migliore per incoraggiare l'apprendimento", dice Ruth Milanaik , medico a capo dello studio.

I genitori dovrebbero pensarci due volte prima di permettere che i bambini giochino ad Angry Birds o ad altri giochi su iPad o smartphone.  Il consiglio arriva da una ricerca condotta dal Cohen Children's Medical Center di New York, secondo cui l'uso di smartphone e tablet da parte dei bambini potrebbe avere effetti negativi sul loro apprendimento. Per questo studio, i medici hanno seguito in una clinica dei bambini che sono stati forniti di dispositivi tecnologici per tenerli occupati e hanno studiato i loro comportamenti.

La tecnologia è sempre più diffusa, e l'età media di chi inizia ad usare uno smartphone o un tablet è in continuo abbassamento. Un sondaggio che ha coinvolto 65 famiglie ha suggerito che la maggior parte dei genitori credono che i giochi sono educativi e aiutano il bambino nel suo sviluppo, ma così non è per chi ha condotto lo studio. I bambini in età media iniziano ad usare un dispositivo con touchscreen a 11 mesi e la maggior parte di essi usano il device per circa mezz'ora al giorno.

Il team del Cohen Children's Medical Center di New York ritiene, tuttavia, che non vi è alcuna differenza nei punteggi nei test generalizzati dello sviluppo nei bambini di età fino a tre anni tra quelli che hanno giocato a giochi educativi o non-educativi sui dispositivi touchscreen. Tuttavia, chi ha giocato a giochi non educativi, come Angry Birds o Fruit Ninja, ha avuto punteggi più bassi nei test sia per la comprensione del linguaggio che nel parlare.

Ruth Milanaik , a capo dello studio e un medico evolutivo e comportamentale che lavora presso il Cohen Children's Medical Center dice che "Abbiamo osservato nella nostra clinica neonatale che il primo giocattolo che i genitori danno ai loro bambini è uno smartphone". E prosegue sottolineando come "è' stato sorprendente vedere che i genitori stavano sostituendo libri e giocattoli con uno smartphone. Molti genitori non sembrano dare qualsiasi altra distrazione ai loro figli, tranne che i dispositivi touch screen".

E infine l'invito di Milanaik: "La tecnologia non potrà mai sostituire l'interazione di un genitore con il proprio figlio. Parlare con il vostro bambino è il modo migliore per incoraggiare l'apprendimento".

Le forme più comuni di utilizzo dei dispositivi touch screen sono: guardare "spettacoli educativi" per bambini (30 per cento), l'utilizzo di applicazioni educative (26 per cento), premere i pulsanti sullo schermo senza scopo (28 per cento ) e giocare a giochi non- educativi (14 per cento).

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?