Droni-reporter, la nuova frontiera hi-tech del giornalismo

 

Al tema del 'drone journalism' prenderà il via ad Ottobre la Roma drone conference

Scritto da Simone Ziggiotto il 23/09/14 | Pubblicata in Altro | Archivio 2014

 

Droni-reporter, la nuova frontiera hi-tech del giornalismo

Al tema del 'drone journalism' prenderà il via ad Ottobre la Roma drone conference. I droni sono pronti a rappresentare la nuova frontiera tecnologica del giornalismo.

Dopo aver contribuito alla nascita della professione di Dronista, che serve ad identificare i piloti di un aeromobile a pilotaggio remoto APR, i droni sono pronti a rappresentare la nuova frontiera tecnologica del giornalismo. Tra le caratteristiche dei droni c'è la loro capacità di integrare una fotocamera con la quale è possibile di scattare foto aeree da nuovi punti di vista o di effettuare riprese video in zone pericolose o difficilmente accessibili. I droni possono quindi diventare un valido aiuto per un giornalista, che magari deve documentare un indicente o una catastrofe a cui però non può facilmente avvicinarsi.

Al tema del 'drone journalism' l'associazione culturale Ifimedia in collaborazione con Mediarkè e con il patrocinio dall'Ordine dei Giornalisti e dall'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (ENAC) ha quindi scelto di dedicare la prima conferenza del prossimo Roma drone conference, il ciclo di conferenze sulle applicazioni dei droni organizzato dall'associazione Ifimedia in collaborazione con Mediarkè. La prima conferenza è in programma il prossimo 8 ottobre presso l'Atahotel Villa Pamphili.

"Il drone journalism rappresenta davvero la prossima sfida tecnologica per il giornalismo, anche per quello italiano", ha dichiarato il presidente di Roma Drone, Luciano Castro. "Nel prossimo futuro, piccoli droni entreranno in dotazione di troupe tv e anche di singoli inviati in zone calde.".

Diversi i nuovi droni-reporter che saranno presentati durante la manifestazione. Tra questi, i modelli "Scrabble 4" e "High One 4HSE" di Italdron, una società di Ravenna specializzata in questi piccoli aeromobili telecomandati. Il primo è un quadricottero di medie dimensioni che pesa 1,5 kg e ha un range d'azione di circa 1 km. Il secondo è sempre un quadricottero, con un peso si 5,5 kg ed è in grado di volare massimo 18 minuti.

Altri due progetti saranno presentati da HobbyHobby, società di Roma che vanta collaborazioni con la Nasa e con l'università cinese di Shenzhen. Quest'ultima presenterà un quadricottero studiato proprio per le attività giornalistiche, che peserà meno di 2 kg ed avrà un'autonomia record di circa 39 minuti.

Dopo la prima conferenza dell'8 ottobre, il Roma drone conference prevederà altre sei conferenze, una ogni mese, fino all'aprile 2015.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?