Nebulosa Anello: Ricostruzione in 3D dal telescopio Hubble

 

Il telescopio spaziale Hubble ha scattato la prima foto dettagliata della nebulosa Anello

Scritto da Simone Ziggiotto il 26/05/13 | Pubblicata in Ambiente | Archivio 2013

 

Il telescopio spaziale Hubble ha scattato la prima foto dettagliata della nebulosa Anello. Gli studiosi: "forma completamente diversa da quella che avevamo ipotizzato".

Il telescopio spaziale Hubble ha scattato la prima foto dettagliata di Anello, la nebulosa che non è mai mancata in tutti i libri di astronomia, ma che fino ad ora si è potuta vedere solo da una certa distanza. Grazie alle foto catturate dal telescopio, è stato possibile creare anche il modello in 3D della reale forma della nebulosa.

La Nebulosa Anello, conosciuta anche più tecnicamente come M57 o NGC6720, è una nebulosa planetaria contenuta nella costellazione boreale della Lira, e dista circa 2000 anni luce dalla Terra e ha un diametro di circa due anni luce. È una delle nebulose più famose. Visibile nella costellazione della Lira, la prima osservazione della nebulosa risale al lontano 1779 ed è stata scoperta dall'astronomo Antoine Darquier de Pellepoix. 

Nebulosa anello

Nata da una stella morente, la nebulosa Anello, divenuta oggi tra gli oggetti astronomici più famosi, è chiamata così perchè ha una forma "ad anello" appunto, che in realtà un effetto prospettico poiché dalla Terra possiamo osservarla da uno dei poli. Se l'osservazione venisse fatta dal piano equatoriale, invece, Anello avrebbe l'aspetto più simile a quello della Nebulosa Manubrio M27 - una forma che ricorda vagamente quella di una clessidra per via dei due grossi lobi brillanti che la nube possiede.

Ora, grazie alle immagini al dettaglio scattate da telescopio Hubble, gli studiosi della Nasa e dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) hanno potuto osservare una forma "completamente diversa da quella che avevamo ipotizzato", come ha dichiarato C. Robert O'Dell, che ha guidato il progetto di ricostruzione del modello tridimensionale della nebulosa. Per O'Dell, questa "nebulosa non è come una ciambella ad anello ma piuttosto è come un krapfen ripieno con del materiale nel centro."

Nella foto qui sopra, catturata dal Telescopio Spaziale Hubble, vediamo i diversi colori che compongono la nebulosa, che stanno a differenziare le differenti temperature dei gas espulsi dalla stella morente: dal blu centrale dei gas caldi vicino alla nana bianca, ai più freddi gas rossi delle regioni periferiche.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?