Ambient Backscatter, arrivano i Dispositivi Senza Batteria

 

Quello dell'autonomia è un problema che affligge da sempre tutti coloro che hanno uno smartphone, infatti quasi con cadenza quotidiana in moltissimi casi è necessario mettere il telefono sotto carica

Scritto da Maurizio Giaretta il 27/08/13 | Pubblicata in Ambiente | Archivio 2013

 

Quello dell'autonomia è un problema che affligge da sempre tutti coloro che hanno uno smartphone, infatti quasi con cadenza quotidiana in moltissimi casi è necessario mettere il telefono sotto carica. Ma dagli Stati Uniti può arrivare una soluzione: è stato progettato un sistema di comunicazione che funziona senza la batteria.

Ingegneri dell'università di Washington hanno reso pubblica una delle innovazioni che potrebbe diventare tra le più significative del decennio. Hanno sviluppato un sistema che consente ai dispositivi di comunicare senza la necessità di una batteria o dell'alimentazione con i fili, basato sull'"ambient backscatter".

L'idea alla base del progetto è tanto semplice quanto geniale e consiste nell'usare l'ambiente come fonte di energia. L'ambiente che ci circonda è colmo di onde eletromagnetiche, portatrici di energia. Con Ambient Backscatter i dispositivi (due o più telefoni, per esempio), possono interagire riflettendo o assorbendo onde radio preesistenti, senza doverne generare per loro conto.

Come si può leggere dalla pubblicazione universitaria, grazie alle trasmissioni televisive e cellulari già esistenti "potremmo essere un passo più vicini alla realtà di un internet delle cose". Questa tecnologia, basata sul sistema di funzionamento del codice Morse, è in grado di trasmettere fino a 1 kilobit al secondo. 1 kbps è sufficiente per inviare comunicazioni quali messaggi e informazioni.

Potrebbe consentire un notevole risparmio in termini di tempo, di costi e, soprattutto, di impatto ambientale.

Non avendo batteria, i dispositivi dureranno per sempre e non avranno bisogno di alcuna manutenzione

L'Ambient Backscatter non sarà limitato al settore della telefonia mobile. Per esempio potrebbe essere applicato nel campo della tecnologia indossabile (orologi, occhiali e così via), nella domotica, in oggetti di tutti i giorni (chiavi, telecomandi, etc) e in altri chip che si possano auto alimentare.

Facciamo un paio di esempi sulla duttilità di questo sistema. Se si perdono le chiavi, con il telefono sarà possibile stabilire una comunicazione con esse. L'utente potrà essere avvisato, quindi, sulla loro posizione. Altrimenti, se il telefono si scarica definitivamente, si potrebbe continuare a comunicare tramite messaggi di testo fino a quando non sarà possibile effettuare una nuova ricarica.

Siccome viene fatto uso dell'energia già presente nell'ambiente per funzionare, questa nuova generazione di dispositivi potrebbe essere inserita anche nelle mura domestiche, nei pavimenti, etc, per monitorare l'ambiente domestico o aziendale. Non avendo batteria, dureranno per sempre e non avranno bisogno di alcuna manutenzione.

Per altre informazioni, la pubblicazione può essere letta in questa pagina. Segue un video introduttivo sull'Ambient Backscatter. Buona visione!

Ambient Backscatter


 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?