Disputa Google-Cina, le conseguenze per Android e Nexus One

 

Se la disputa nata in questi giorni costringesse Google a lasciare la Cina, che cosa comporterebbe nei confronti di Android (e anche di HTC Nexus One)? In Cina ci sono miliardi di consumatori in ballo; Motorola (azienda che conta su numerosi modelli con sistema operativo Android) in quella zona ha già una forte presenza

Scritto da Maurizio Giaretta il 15/01/10 | Pubblicata in Android | Archivio 2010

 

Se la disputa nata in questi giorni costringesse Google a lasciare la Cina, che cosa comporterebbe nei confronti di Android (e anche di HTC Nexus One)?

In Cina ci sono miliardi di consumatori in ballo; Motorola (azienda che conta su numerosi modelli con sistema operativo Android) in quella zona ha già una forte presenza. Lo stesso avviene per Samsung e HTC (azienda che ha prodotto il primo smartphone con sistema operativo Android e il recente Nexus One).

E' presto per parlare di un allarme del genere, tuttavia l'ipotesi merita di essere considerata.

Il colosso delle ricerche sul web e il governo cinese si sono scontrati riguardo alla libertà di espressione: Google lamenta la esasperata censura impostagli e ha deciso di ribellarsi, eliminandola. Il governo cinese, dal canto suo, sostiene che la censura sia necessaria. Le due posizioni sono agli antipodi.

Google stessa annuncia nel proprio comunicato stampa "La decisione di riconsiderare la nostra posizione in Cina è stata incredibilmente ardua e sappiamo che potrebbe potenzialmente causare conseguenze di vasta portata".

Google, sospeso lancio di due smartphones Android in Cina

Il lancio ufficiale di due smartphones con sistema operativo Android, uno prodotto da Motorola e l'altro da Samsung, programmato per questo fine settimana, è stato momentaneamente sospeso.

Secondo Reuters, Google Inc vuole che gli utenti cinesi possano godere al massimo delle prestazioni degli smartphones, senza influenze esterne.
Questa situazione tuttavia al momento non si verifica a causa degli scontri verbali tra Google stessa e il Governo cinese avvenuti negli ultimi giorni.

Google: niente Cina per Htc Nexus One

 
Htc Nexus One non sbarcherà in suolo cinese, cosi come accadde inizialmente per Apple iPhone, ma questa volta le motivazioni sono diverse e più di carattere politico che tecnico e commerciale.

La prossima settimana, Google porterà il suo smartphone a sviluppatori di Hong Kong e Taiwan, tralasciando cosi Pechino, confermando il braccio di ferra tra Google e la Cina relativamente ai problemi sorti in precedenza con Gmail e altri servizi Google.

Google ha infatti da tempo minacciato di ritirarsi dalla Cina, lamentando problemi con la censuar Cinese che in diversi casi avrebbe violato account e privacy di alcuni dissidenti.

Google ha deciso che non presenterà il suo telefono Nexus One in Cina dopo avere minacciato di ritirarsi dal paese in un braccio di ferro che l'oppone alle autorità di Pechino.

La mancata presenze di Android in Cina potrebbe essere un problema a livello mondiale, visto che in questo modo il sistema operativo di Google lascerebbe ai concorrenti un mercato colossale come quello cinese.
 

Cina: niente problemi con Google se si rispetta la legge

 
A seguito delle speculazioni sul possibile addio di Google dalla Cina, il governo cinese ha comunicato ieri che nel suo territorio non ci saranno impedimenti nella diffusione del sistema operativo Android.
Il portavoce del ministero dell'Industria e della Tecnologia cinese, Zhu Hongren, ha confermato che se rispetterà la legge il governo non limiterà in alcun modo l'utilizzo di Android. "Il mercato cinese delle telecomunicazioni è aperto" ha affermato.
A seguito dei diverbi con il governo di Pechino e temendo per possibili ripercussioni negative sul versante degli acquisti, Google la scorsa settimana ha rimandato a data da definire il lancio di due modelli con sistema operativo Android (uno di Motorola e l'altro di Samsung) nel mercato cinese.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?