Google: rimosse 21 applicazioni infette dall'Android Market

 

Investigando su diverse applicazioni dell'Android Market che sembravano avere contenuti molto simili (tanto da sembrare dei doppioni), un utente di nome Lompolo ha scoperto che queste fornivano anche dei servizi 'extra' atti a sottarre informazioni agli utenti che le scaricavano

Scritto da Maurizio Giaretta il 03/03/11 | Pubblicata in Android | Archivio 2011

 

Investigando su diverse applicazioni dell'Android Market che sembravano avere contenuti molto simili (tanto da sembrare dei doppioni), un utente di nome Lompolo ha scoperto che queste fornivano anche dei servizi 'extra' atti a sottarre informazioni agli utenti che le scaricavano.

Le applicazioni in questione, che in totale sono 21, sono caratterizzate da un sistema che effettua l'installazione automatica termina il download. Inoltre contengono un file .apk in grado di accettare codice remoto e di caricare informazioni riservate (come il codice IMEI, l'ID prodotto, il modello, la lingua, il paese, ecc.) su un server in California.

Le applicazioni sospette sono state inserite dall'utente Myournet. Alcune di esse sono state scaricate anche 50.000 volte ciascuna.

Avvertita dei potenziali malware, Google ha dapprima investigato e poi rimosso i file dal Market e dai telefonini degli utenti. Sfortunatamente non è possibile fare nulla per le informazioni che sono già state sottratte.

Attendiamo la nota ufficiale in merito alla questione da parte di Google.

Android Market, attenzione alle applicazioni piratate

Un attento utente di Phandroid.com ha segnalato al portale estero la presenza nell'Android Market di alcune applicazioni messe in vendita in modo "furbo" quanto illecito. Putroppo non è la prima volta che succede in uno store virtuale e probabilmente non sarà nemmeno l'ultima.
 
C'è uno sviluppatore che si firma con il nickname di "Jasminstory" che distribuisce a pagamento dei giochi rippati senza averne alcuna autorizzazione: i contenuti che spaccia per suoi sono in verità importanti titoli di videogame per la piattaforma mobile venduti da un malintenzionato che non ha niente a che vedere con lo sviluppo delle applicazioni.
Ad esempio l'app diffusa con il nome di "Uno HD (Galaxy Tab)" è semplicemente la versione pirata del gioco di carte "Uno" sviluppato da Gameloft.

 

 
Come si può notare, il prezzo di UNO HD è minore a quello dell'app di Gameloft ma vi invito caldamente a non acquistarla: comprando UNO HD si arricchisce un criminale mentre acquistando UNO si da il giusto contributo per lo sviluppo a Gameloft.
 
Aspettando che Google provveda a bloccare i contenuti diffusi da questo malintenzionato che lucra sul lavoro dei seri sviluppatori, vi segnaliamo la pagina di AppBrain in cui potrete visualizzare tutte le applicazioni inserite nell'Android Market da Jasminstory in modo da non acquistarle in modo da non finanziare l'illegalità.

Android Market: un malware ruba informazioni degli utenti

Nel corso di una conferenza stampa tenutasi presso l'evento di Black Hat 2010 Conference di Las Vegas, Lookout ha svelato che esiste un'applicazione per Android che è in grado di accedere ai dati personali dell'utente a sua completa insaputa, mandandoli poi in un server sconosciuto in Cina.
 
John Hering e Kevin MaHaffey, rispettivamente Chief Executive e Chief Technology Officer di Lookout, hanno dichiarato che l'applicazione in questione è stata sviluppata da un certo Jackeey Wallpaper e permetteva di cambiare il proprio sfondo del cellulare scegliendo diverse immagini.
Un programma molto semplice e innocuo all'apparenza, ma che in realtà nascondeva un malware molto pericoloso in gradi di accedere senza problemi ai dati sensibili dell'account Google dell'utente. L'applicazione è stata eliminata dall'Android Market, ma prima che i tecnici di Google si accorgessero del fatto, più di 4 milioni di utenti avevano già scaricato l'applicazione.
 
L'Android Market si conferma quindi essere un posto non ancora sicuro al 100% dove scaricare le applicazioni per il proprio smartphone Android. Per evitare che certi avvenimenti accadano di nuovo, Google dovrebbe imporre delle regole più severe nei controlli delle applicazioni dell'Android Market.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?