Aggiornamenti Android: promosse LG e Sony, bocciate Samsung e HTC

 

Prima di acquistare un prodotto di elettronica è bene raccogliere individualmente più informazioni possibili, in maniera, se si sta pensando di concludere un acquisto, da avere una panoramica più completa possibile sulle funzionalità e sui prezzi e per non essere in balia delle informazioni del negoziante di turno

Scritto da Maurizio Giaretta il 01/07/13 | Pubblicata in Android | Archivio 2013

 

Prima di acquistare un prodotto di elettronica è bene raccogliere individualmente più informazioni possibili, in maniera, se si sta pensando di concludere un acquisto, da avere una panoramica più completa possibile sulle funzionalità e sui prezzi e per non essere in balia delle informazioni del negoziante di turno.

RACCIMULARE PIU' INFORMAZIONI POSSIBILI

Non è facile comunque avere la completezza completa delle informazioni, nonostante si abbiano molte fonti dalle quali attingere (come amici, internet, negozi online, etc). In ogni caso, ci sono sempre dei dettagli che passano in secondo piano, magari per il semplice fatto che li si da per scontati.

Un esempio può essere quello dell'acquisto di un nuovo smartphone con Android 4.1.2 Jelly Bean che conduca alla scoperta (rigorosamente fatta in fase post acquisto) che la funzione della dettatura vocale offline non è disponibile. Può sembrare strano, dato che questa è una funzione software caratteristica delle versioni Android 4.1+ che apparentemente non dovrebbe dipendere dal telefono in uso; tuttavia è proprio così*.

In ogni caso questi sono casi particolari. Il sistema operativo comuque è una parte fondamentale dello smartphone, in quanto mette in connessione tutte le funzioni in maniera efficiente. Siccome ci sono numerose differenze tra una versione software e la successiva, sarebbe interessante conoscere con facilità qual è l'ultima versione Android disponibile per il telefono che abbiamo intenzione di andare a comprare.

Tanto per fare un esempio, scoprire che Lg Optimus L5 (un telefono Android 4.0 nativo con schermo a 4 pollici, fotocamera a 5 Megapixel e costo indicativo di 149 euro) ha ricevuto da poco l'aggiornamento ad Android 4.1.2 potrebbe fare la differenza tra il suo acquisto o no.

Lg Optimus L5

Attingere a questo genere di informazioni dovrebbe essere semplice e immediato. Invece non lo è. O, per lo meno, non lo è in certi casi.


PROMOSSI: LG E SONY

Nella sezione dedicata all'assistenza clienti dei siti di LG Mobile e di Sony Mobile è possibile, come abbiamo dimostrato in questi giorni (articolo 1, articolo 2), avere una lista completa dell'ultima versione software pubblicata per ogni modello di telefono. Ciò rende facile, pratico e veloce il processo che consente di informarsi al meglio prima di un eventuale acquisto.

Per essere puntigliosi, il sito LG tra i due è il più preciso, in quanto scrive la data di pubblicazione dell'ultimo software disponibile in funzione della versione del telefono che si ha (open, brandizzato Tim, Wind, Vodafone, etc).


BOCCIATI: SAMSUNG E HTC

La possibilità di conoscere l'ultima versione Android disponibile per gli smartphones HTC esiste, ma, come ha confermato un gentile rappresentate della società al telefono, può essere sfruttata direttamente dalla funzione "Aggiorna software" del telefono. Ciò significa che, per sapere qual è l'ultima versione software di Htc One SV (tanto per fare un esempio) devo prima averlo acquistato.

La stessa cosa accade con i telefoni di Samsung. Si potrebbe pensare che la società coreana, essendo la numero 1 di vendite di smartphones al mondo, abbia un servizio clienti tra i più completi in assoluto. Non è così, in quanto si ripresenta la stessa situazione di HTC. Una (un pò meno) cordiale portavoce della società ha fatto notare che è possibile inviare un'email le per richieste di informazioni sugli specifici modelli; tuttavia in questo caso la procedura si complica decisamente.


MOTOROLA NON PERVENUTA

Motorola fa storia a se, in quanto basta collegarsi a questa pagina per capire che non sarà molto semplice ricevere assistenza per i prodotti acquistati in Italia.


CONSIDERAZIONI

Sappiamo che c'è la certezza che il proprio telefono venga aggiornato per almeno due anni solo se tra le mani si ha un prodotto della famiglia Nexus. Non capiamo tuttavia come mai alcune società siano così reticenti sul divulgare informazioni sui piani futuri per i propri prodotti.

LG Mobile è stata una piacevole sorpresa, in quanto ha pubblicato un aggiornamento Android anche per i telefonini di medio-bassa fascia. Sarebbe bello se lo facessero anche le altre aziende, ma qua si viaggia sul campo dell'utopia.

In ogni caso sarebbe ancora meglio se ogni azienda rendesse note le proprie intenzioni per i futuri aggiornamenti direttamente al momento dell'acquisto del telefono. Così non ci si troverebbe nella situazione di aver speso soldi (anche 350-400 euro) per uno smartphone che non riesca a essere aggiornato anche a una sola versione software successiva.

Due casi che hanno fatto scuola: Samsung Galaxy S (nella foto sotto) e S Plus non sono nemmeno stati aggiornati ad Android 4.0 ICS. L'esperienza ha fatto maturare una fisiologica diffidenza nei confronti della politica di aggiornamento dei prodotti Samsung

Samsung Galaxy S

Un caso che ha fatto storia, che nemmeno farlo apposta riguarda Samsung, risale al Dicembre 2011 e riguarda l'esclusione del primo Samsung Galaxy S
(e del fratello Galaxy S Plus) dall'elenco dei terminali aggiornabili ad Android 4.0 Ice Cream Sandwich.

Voi che cosa ne pensate?


* di questo argomento ne parlaremo più nel dettaglio in un prossimo articolo

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?