Apple App Store, piu' assistenza da oggi agli sviluppatori

 

Apple ha lanciato un nuovi feeds RSS per tutti gli sviluppatori partecipati all'iPhone developer program

Scritto da Maurizio Giaretta il 10/12/09 | Pubblicata in Apple | Archivio 2009

 
Apple ha lanciato un nuovi feeds RSS per tutti gli sviluppatori partecipati all'iPhone developer program. I programmatori dovrebbero ricevere notizie più dettagliate nei prossimi giorni.

Apple dovrebbe fornire nuove forme di assistenza come consigli per una corretta compliazione del codice e altre tecniche efficienti di sviluppo. Altra notizia interessante dovrebbe riguardare tempi più celeri per l'approvazione delle applicazioni.

Infatti in passato i 'poveri' sviluppatori avevano additato Apple di una flebile assistenza per App Store, rendendo così difficile sapere se un'applicazione presentata era stata accettata o altrimenti rifiutata.

In alcuni casi, occorrevano mesi per vedere le applicazioni pubblicate e disponibili per il download su App Store. Lo stesso direttore marketing dell'azienda, Phil Schiller, ha annunciato che l'azienda sta lavorando per migliorare il servizio di assistenza agli sviluppatori.

Sviluppatori iPhone, arrivano i feed RSS da Apple

 
Da ora in poi tutte le notizie e gli annunci per gli sviluppatori di applicazioni di iPhone saranno disponibili tramite un feed RSS. Sicuramente gli sviluppatori apprezzeranno questa nuova iniziativa da parte di Apple.
Il feed RSS coprirà tutta una seria di argomenti, tra cui consigli per le presentazione delle applicazioni, informazioni sui tempi di applicazione per le revisione, gli aggiornamenti del programma e anche aiuto per le tecniche di collaudo.

E' incoraggiante vedere che Apple sta seriamente rendendo le cose più facili per gli sviluppatori iPhone.
 
FEP: Sotto osservazione Licenza Developer di Apple
 
La Electronic Frontier Foundation, fondazione che si batte per i diritti dell'era Internet, ha annunciato di aver messo sotto osservazione il contratto di Licenza attraverso il quale Apple consente agli sviluppatori di produrre e quindi vendere le loro applicazioni su App Store.

Secondo la FEP, il contratto di licenza includerebbe molte clausole considerate vessatorie per gli sviluppatori, obbligati a sottostare a quel contratto per poter disporre di applicazioni autorizzate per essere poi scaricate o acquistare su iPhone e iPod touch.

Tra le clausole considerate lesive della libertà e della neutralità, ci sono per esempio tutti i divieti di commentare pubblicamente il contratto di licenza, cosi come divieto di divulgazioni di informazioni relative alle certificazioni.

Apple inoltre si riserva il diritto di escludere o eliminare su proprio insindacabile giudizio, qualunque tipologia di applicazione che potrebbe cosi da un giorno all'altro scomparire per sempre, vanificando cosi lavoro e investimenti degli sviluppatori o delle società di software.

Altro punto messo in discussione, l'obbligo per gli sviluppatori di utilizzare in maniera esclusiva l'App Store per distribuire le proprie applicazioni, otteneno cosi di fatto un monopolio e controllo totale su cosa può essere installato o meno su iPhone e iPod Touch, salvo utilizzare sistemi paralleli come Cydia.

La questione si è concretizzata sotto gli occhi di tutti quando Apple, per motivi ancora ignoti, aveva rimosso Google Voice dal proprio catalogo di Applicazioni.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?