Apple: Accordo con Cisco per marchio iOS, Apple acquista marchio iPad da Fujitsu

 

Ancora prima di svelare il nuovo Apple iPhone 4 e relativo iOS 4, Cisco e Apple si sono accordate per l'utilizzo in licenza del marchio iOS da parte di Apple

Scritto da Redazione il 11/06/10 | Pubblicata in Apple | Archivio 2010

 
AppleAncora prima di svelare il nuovo Apple iPhone 4 e relativo iOS 4, Cisco e Apple si sono accordate per l'utilizzo in licenza del marchio iOS da parte di Apple.

IOS era infatti un sistema operativo di base ideato da Cisco e utilizzato per circa 20 anni. Quel sistema operativo è ormai in pensione ma Cisco ha pensato bene di mantenere legalmente valido quel marchio che oggi vale praticamente una fortuna.

L'accordo stipulato con Cisco offrirà quindi in licenza l'uso del marchio iOS come già fatto in precedenza per iPhone e non include alcun accordo per tecnologie e brevetti software.

In precedenza invece, Apple si era messa d'accordo con Fujitsu per acquisire il marchio iPad, utilizzato già nel lontano 2002 dalla società nipponica.

La strada di acquisizione dei marchi da parte di Apple appare sempre più tortuosa e costosa, visto che ad ogni novità, si ritrova a dover navigare a vista per evitare problemi legali e richieste di risarcimenti milionari, operazioni piuttosto in voga negli Stati Uniti.

Apple acquista marchio iPad da Fujitsu
 
AppleCon una mossa già preannunciata e quasi ovvia, Apple acquisisce il marchio iPad da Fujitsu, mettendosi cosi al riparo da eventuali cause legali per la violazione del marchio stesso.

Non sono stati rilasciati dettagli sul costo della transazione, probabilmente milionaria.

Quello che pare più assurdo è il fatto che Apple stessa abbia lanciato un prodotto utilizzando un nome registrato, effetto che ha portato  ovviamente ad un costo di acquisizione decisamente superiore a quello che avrebbe dovuto fare prima di lanciare il prodotto stesso oppure, con una mossa forse più intelligente, cambiarne il nome.

Le battaglie legali nel settore tecnologico sono ormai una questione quotidiana: ad ogni lancio di un nuovo prodotto, partono infatti richieste di risarcimento danni per utilizzo di brevetti o marchi già registrati.

La possibilità di brevettare un software e, ancora peggio, una determinata azione, è una questione che sta lasciando polemiche e strascichi giudiziari ormai da diversi anni: basta infatti un errore di valutazione dell'ufficio brevetti americano, per consentire ad aziende sparse in tutto il mondo di poter richiedere cifre, spesso esagerate, per le presunte violazioni.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?