L'Unione Europea blocca inchiesta antitrust su Apple

 

La commissione sulla competizione dell’Unione Europea sta per interrompere l’inchiesta su Apple

| Pubblicata in Apple | Archivio 2010

 

La commissione sulla competizione dell’Unione Europea sta per interrompere l’inchiesta su Apple. L’inchiesta riguarda la decisione che Apple aveva intrapreso sul blocco degli strumenti per lo sviluppo di applicazioni di terze parti.

Questa decisione è stata invertita da Apple. Questo fatto è stato accolto con entusiasmo da Joaquin Almunia, il capo della commissione.

Qualche tempo fa Apple decise di cambiare la licenza con gli sviluppatori. Tale licenza li obbligava a utilizzare Xcode e Objective C per lo sviluppo delle applicazioni. Questo era uno schiaffo ad Adobe, azienda che aveva appena rilasciato Flash CS5, il quale avrebbe permesso la scrittura in ActionScript di applicazioni e la successiva esportazione su iPhone.

Apple fece questo cambiamento un giorno prima del rilascio di CS5, ricevendo in questo modo un gran numero di critiche e inchieste da parte della Commissione Europea e quella degli Stati Uniti. Mentre l’Unione Europea sta per bloccare l’inchiesta, non si sa niente su quella intrapresa oltreoceano.

Apple: Pace fatta con la UE per le Applicazioni
 
AppleDopo Microsoft è toccato ad Apple fare i conti con la commissione UE per via di alcune rigidità ritenute potenzialmente a danno dei consumatori e limitative del mercato.

I due principali punto contestati riguardavano lo sviluppo delle applicazioni, con il limite di utilizzare esclusivamente prodotti e codice Apple, e la gestione delle riparazioni in garanzia dei prodotti Apple.

Sul lato applicazioni, Apple ha ceduto gran parte delle sue rigidità, accettando e aprendo le porte a tools di terze parti e addirittura a possibili ritorni come il caso di Adobe Flash. 
 
 L'apertura di Apple sul lato applicazioni ha consentito di recente a Google di poter ripubblicare l'applicazione Google Voice, precedentemente oscurata da Apple per motivi mai chiariti.

Resta per ora in contenzioso l'obbligo imposto da Apple di inviare il prodotto in riparazione nel paese nella quale è stato venduto, creando di fatto dei problemi aggiuntivi agli utenti che vogliono acquistare i prodotti all'estero.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?