iPhone e iPad tracciano gli spostamenti degli utenti

 

Sembra che iPhone e iPad tengano traccia degli spostamenti dei propri utenti

Scritto da Maurizio Giaretta il 21/04/11 | Pubblicata in Apple | Archivio 2011

 

Sembra che iPhone e iPad tengano traccia degli spostamenti dei propri utenti.

Nei popolarissimi dispositivi Apple con sistema operativo iOS, secondo quanto riportato da Guardian, sarebbe presente un file che memorizza costantemente la posizione GPS (latitudine e longitudine) assieme all'ora.

In questo modo si potrebbe conoscere in tempo reale la posizione di ogni iPhone al mondo. Un file del genere comporterebbe a una grave violazione della privacy degli utenti.

E' una scoperta preoccupante” ha affermato Simon Davies, direttore dell'organizzazione Privacy International. “Gli spostamenti sono uno degli elementi più sensibili nella vita di ciascuno. Basta pensare a dove vanno le persone alla sera. L'esistenza di tali informazioni costituisce una minaccia reale alla privacy".

Questo file sospetto consentirebbe di conoscere la posizione esatta (con margine di errore di qualche metro) di una persona in un dato giorno a una data ora. Potebbe essere uno strumento perfetto per mogli gelose e avvocati divorzisti.

E' stata resa disponibile un'applicazione open source in grado di determinare se nel proprio iPhone/iPad ci siano files nascosti che tracciano la posizione GPS.

iOS: il salvataggio dei dati una svista o forse un bug

La memorizzazione dei dati raccolti tramite il Gps in un file di archivio sui dispositivi iOS dovrebbe trattarsi di un bug o di una svista in fase di sviluppo del software.

Il problema, arrivato con iOS e scoperto solo ieri durante una analisi sulla sicurezza del sistema operativo Apple, potrebbe essere eliminato al prossimo aggiornamento.

I dati vengono archiviati nel file dati consolidated.db, lo stesso che memorizza i backup e consente di poter esportare il tutto in un nuovo dispositivo iOS. Le informazioni, cosi come riferito da fonti ufficiali, non vengono in alcun modo elaborate o trasferite altrove e si tratta più semplicemente di una dimenticanza in fase di sviluppo nella creazione della procedura di eliminazione.
iPhone Localizzato

Secondo gli stessi ricercatori Peter Warden e Alasdair Allan che hanno individuato il problema, accedendo a questo file sarebbe possibile ricostruire la posizione di una persona per diverso tempo. Gli stessi hanno reso disponibile uno strumento gratuito che consente agli utenti di guardare i propri dati memorizzati.

Il salvataggio dei dati consente di poter memorizzare temporaneamente la posizione, probabilmente per ridurre il carico di lavoro del software che gestisce la posizione.

Anche Android traccia gli utenti

Non sono solo gli utenti iPhone a essere tracciati. In questa era di tecnologia anche gli smartphones con sistema operativo Android trasmettono regolarmente a Google le informazioni sulla posizione geografica degli utenti.
 
In base a quanto si può leggere su The Wall Street Journal, Apple e Google stanno raccogliendo informazioni per costruire un enorme database con lo scopo di conoscere la posizione degli utenti tramite i loro telefonini.
Questi database potrebbero aiutare entrambe le aziende a sviluppare il giro d'affari dei servizi geolocalizzati, che secondo Gartner entro il 2014 raggiungerà gli 8,3 miliardi di dollari (attualmente è di 2,9 miliardi).
 
Will Smith in una scena del film Nemico Pubblico (1988).
 
Secondo l'esperto di sicurezza Samy Kamkar, uno smartphone HTC con OS Android raccoglie la posizione ogni pochi secondi e la trasmette a Google diverse volte all'ora. Vengono trasmessi il nome, la posizione, l'ID del telefono e la potenza del segnale in prossimità delle reti Wi-Fi nelle vicinanze.
Per il momento Google non ha rilasciato dichiarazioni.
Viene da domandarsi quale sia il rispetto di queste aziende per la privacy dei propri utenti.
 

Tracciamento utenti: Windows Phone 7 e' piu' sicuro di iPhone

Dopo le numerose notizie degli ultimi giorni, se si è preoccupati che anche il proprio smartphone Windows Phone registri costantemente la posizione geografica, è bene sapere che non c'è molto di cui preoccuparsi.
 
Sembra infatti che i telefonini con sistema operativo Windows Phone 7 rispettino la privacy degli utenti. Come confermato da Microsoft, a differenza dei modelli Apple iOS, i WP7 non archiviano le informazioni relative a data e posizione in appositi file non ctiptati.
 
La scorsa settimana è stato scoperto che iPhone e iPad tengono segretamente traccia della posizione degli utenti, registrando le coordinate geografiche (anche con GPS spento). La notizia ha subito generato lo scompiglio.
 
Pochi giorni dopo è stato scoperto che anche Google fa la stessa cosa, ma la farebbe in modo diverso (cioè chiedendo preventivamente l'autorizzazione agli utenti).
Steve Jobs è intervenuto sulla vicenda affermando "Loro [Android] si che lo fanno. Noi [Apple] non tracciamo nessuno". Nel frattempo sulla questione era intervenuto anche il procuratore Generale dello stato dell'Illinois, domandando delucidazioni ad Apple e a Google.
 
Sulla questione, al momento, c'è un gran polverone.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?