Apple: accordo con Warner Music per la musica in streaming

 

Apple ha raggiunto un accordo di licenza con sia con la Warner Music Group che con la sua divisione editoriale, Warner Chappell, il che porta il lancio del servizio di musica via streaming di Apple sempre più vicino al lancio, secondo fonti vicine ai negoziati

Scritto da Simone Ziggiotto il 03/06/13 | Pubblicata in Apple | Archivio 2013

 

Apple ha raggiunto un accordo di licenza con sia con la Warner Music Group che con la sua divisione editoriale, Warner Chappell, il che porta il lancio del servizio di musica via streaming di Apple sempre più vicino al lancio, secondo fonti vicine ai negoziati. L'accordo suggerisce che Apple sta lavorando duramente per svelare ciò che è stato soprannominato iRadio al suo Worldwide Developers Conference (WWDC), che inizierà la prossima settimana, il 10 giugno.

Il portavoce di Apple Tom Neumayr ha per il momento rifiutato di commentare.

Warner è il primo dei grandi marchi del settore discografico ad aver raggiunto un accordo sia per la musica che per l'editoria musicale (che si occupa di stampare musica, di promuovere le musiche composte dai propri autori e di riscuotere parte dei diritti d'autore), dicono le fonti.

Apple solo un mese fa ha raggiunto un accordo per la musica su licenza con Universal Music, l'etichetta musicale più grande del mondo, e le trattative sono ancora in corso con la Sony, che ancora è in trattative per sistemare alcune specifiche funzioni incorporate nei prodotti Apple.

Apple

In precedenza, nel corso dei negoziati, le etichette discografiche avevano accettato di lasciare ad Apple pagare una tariffa che era la metà di quella che le etichette ricevono da Pandora, uno dei tanti altri servizi di streaming di musica negli Stati Uniti. Ciò che è cambiato, però, secondo le fonti, ora le etichette vogliono da Apple la stessa percentuale che chiedono a Pandora, o anche di più. Per il Financial Time, che cita fonti vicine alle aziende, Apple ha offerto inizialmente una royalty di circa il 6 per cento (6 centesimi) per ogni 100 canzoni riprodotte in streaming, poi alzato al 12,5 per cento (12,5 centesimi), che è quanto paga Pandora, altro servizio di Internet Radio. 

Le etichette pare abbiano cambiato idea per via della grandezza di Apple, che prevede di estendere il suo servizio di streaming di musica a livello globale, al contrario di Pandora, che offre l suo servizio principalmente negli USA. Ciò che si prospetta è dunque un futuro molto redditizio per le major dalla percentuale chiesta ad Apple. L'azienda di Cupertino ha detto anche che le etichette musicali potranno avere una percentuale di guadagno anche dagli annunci che Apple prevede di inserire ogni 4-5 brani, come quelli che si sentono sul servizio gratuito di Pandora.

IRadio, sempre che venga confermato il nome, potrebbe essere legato ad iTunes, e sarebbe pensato principalmente per i dispositivi mobili. Esso conterrebbe alcune funzioni non disponibili su Pandora - come la possibilità di riavvolgere un brano, dicono le fonti - e ci sarebbe anche un pulsante che permetterà agli utenti di acquistare facilmente una canzone dal catalogo di iTunes. Anche questo potrebbe essere un vantaggio per le etichette, che raccolgono circa il 70 per cento di ogni dollaro dagli acquisti fatti su iTunes. Attualmente, ci sono circa 500 milioni di account iTunes attivi, mentre Pandora ha circa 70 milioni di utenti attivi.

Per quanto riguarda gli editori, le fonti dicono che l'accordo sul tavolo - e presumibilmente quello firmato dalla Warner Chappell - agli editori verrà dato più del doppio della quota di entrate pubblicitarie che attualmente ricevono da Pandora.

Il settore della musica in streaming è sempre più super-competitivo. Google, in occasione della conferenza per sviluppatori del mese scorso, ha lanciato una risposta diretta a Spotify, servizio musicale su abbonamento chiamato Google All Access. Google sta anche lavorando ad un servizio di musica legato a YouTube, che è diventato il luogo dominante dove i giovani vanno a sentire (e guardare) la musica.
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?