Muore a 88 anni Douglas Engelbart, inventore del Mouse

 

E' morto a 88 anni Douglas Engelbart, visionario del mondo dell'informatica che inventò il mouse

Scritto da Maurizio Giaretta il 04/07/13 | Pubblicata in Apple | Archivio 2013

 

E' morto a 88 anni Douglas Engelbart, visionario del mondo dell'informatica che inventò il mouse. Nato a Portland il 30 Gennaio dl 1925, se n'è andato martedì sera mentre si trovava nella sua casa californiana di Atherton. La moglie ha spiegato che la causa è stata insufficienza renale.

La sua vita non è stata solo quella dello studioso, infatti ha avuto un ruolo anche nella marina militare statunitense durante la seconda guerra mondiale come tecnico elettronico dei radar.

Il suo contributo all'informatica arriva nella seconda metà degli anni '50, quando comincia a lavorare presso l'istituto di ricerca di Stanford. Ed è proprio li che inizia, a meno di trent'anni, a sviluppare le prime idee di interfaccia per computer e di mouse.

Il 21 Giugno del 1967 Engelbart porta a termine la sua invenzione e il brevetto del mouse diventa ufficiale nel 1970.

Il primo mouse era un componente realizzato in legno. Era piuttosto voluminoso e aveva due rotelle assieme a tre tasti.

L'invenzione non riscuote successo da subito. Ma a seguito delle prime sperimentazioni effettuate al centro di ricerca Xerox di Palo Alto, il primo assaggio di popolarità arriva grazie ad Apple nel 1983. Proprio in quel tempo, infatti, viene messo in commercio il primo terminale con mouse incorporato, l'Apple Lisa.

Nessuno si ricorda da dove sia spuntato il nome 'mouse'

Lisa tuttavia è vero che fosse un terminale innovativo per quell'epoca, tuttavia era anche molto costoso, così come molti dei prodotti che seguiranno. Il successo comunque era inevitabile e sarebbe stata una questione di pochi anni perchè il mouse di Engelbart fosse conosciuto sempre più su scala mondiale.

C'è comunque una curiosità legata al nome dell'invenzione. E' lo stesso Engelbart, in un'intervista risalente al Dicembre 1986, a svelare che "nessuno si ricorda" da dove sia sbucato l'appellativo di 'mouse' (che, in italiano, significa topo). "In laboratorio, il primissimo modello che costruimmo aveva un filo che usciva da dietro". Il progetto sarebbe poi stato modificato in maniera da far uscire il filo dalla parte frontale.

Il suo grande merito è stato quello di capire prima degli altri il potenziale dei computer e il ruolo che avrebbero potuto avere nella società.


[via]

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?