WhatsApp per iOS, arriva il canone annuo

 

Dopo Android, WhatsApp non è più gratuita anche per gli utenti di dispositivi iOS

Scritto da Maurizio Giaretta il 18/07/13 | Pubblicata in Apple | Archivio 2013

 

Dopo Android, WhatsApp non è più gratuita anche per gli utenti di dispositivi iOS. Anche costoro si troveranno a pagare un canone per il rinnovo annuale del servizio.

Il problema non è rappresentato dal prezzo, in quanto con meno di 1 euro (99 centesimi di dollaro negli USA) è possibile continuare a conversare illimitatamente con tutti gli amici e i contatti per altri 365 giorni. La spesa si ammortizza molto, molto facilmente.

Il nocciolo della questione è rappresentato dalla seccatura di dover abbinare uno strumento di pagamento dal quale farsi addebitare l'importo. Si tratta a ogni modo di una seccatura relativa, ovvero che è quantificabile dal singolo utente. Se si è soliti fare acquisti su internet, indicare il numero della carta prepagata potrebbe non rappresentare affatto un problema.

Questa è una novità che viene introdotta con l'aggiornamento dell'applicazione sull'App Store. La versione 2.10.1 di WhatsApp porta con se delle modifiche interessanti, tra le quali figurano l'interfaccia che consente di fare la selezione multipla delle foto da inviare, il backup e riprostino da programmi cloud e il supporto dello schema ULR per app di terze parti.

"A partire da ora, abbiamo semplificato il nostro modello di business"

Precedentemente a questa modifica, gli utenti di iPhone potevano acquistare l'applicazione a 99 centesimi per poi sfruttarla senza costi di rinnovo annui. Ora la situazione è diventata omogenea rispetto a quanto accade nel Google Play: tutti coloro che hanno un dispositivo Android possono installare e usare gratuitamente l'app per il primo anno, ma per usarla dal secondo anno in poi devono mettere mano al portafoglio.

I 250 milioni di utenti attivi iscritti al servizio potranno continuare a inviare messaggi gratis (a patto che abbiano a disposizione una connessione a internet) pagando meno di 1 centesimo ogni 3 giorni: un prezzo più che sostenibile.

"A partire da ora, abbiamo semplificato il nostro modello di business in maniera che tutti gli utenti possano usare WhatsApp gratuitamente per il primo anno per poi pagare 99 cent dall'anno successivo", si legge nel comunicato ufficiale.

Il cambio di direzione serve a evitare che in futuro possano comparire gli annunci pubblicitari nell'app. "Abbiamo la sensazione che questo modello ci consentirà di diventare il servizio di comunicazione del 21esimo secolo e che fornisca il modo migliore per continuare a rimanere in contatto con amici e famigliari senza vedere pubblicità all'orizzonte".

Ci sono buone notizie per chi aveva già speso i 99 cent per acquistare WhatsApp prima dell'aggiornamento: "La buona notizia è che coloro che erano già clienti di WhatsApp potranno continuare a usare gratuitamente il servizio per il resto della loro vita".

WhatsApp è un sistema multi-piattaforma, che può essere usato anche da Nokia S40, Symbian, BlackBerry, Windows Phone. Per il download è possibile consultare questa pagina.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?