Apple annuncia nuovi, piu' veloci MacBook Pro con Retina display, chip Haswell, Thunderbolt 2

 

Da oggi chi comprerà un nuovo MacBook Pro riceverà a casa il modello più nuovo, quello con i nuovi chip Intel di quarta generazione e con il nuovo sistema operativo OS X 10

Scritto da Simone Ziggiotto il 22/10/13 | Pubblicata in Apple | Archivio 2013

 

Apple annuncia nuovi, piu' veloci MacBook Pro con Retina display, chip Haswell, Thunderbolt 2

Da oggi chi comprerà un nuovo MacBook Pro riceverà a casa il modello più nuovo, quello con i nuovi chip Intel di quarta generazione e con il nuovo sistema operativo OS X 10.9 Mavericks.

L'ultimo sistema operativo di Apple, OS X Mavericks, merita qualche nuovo hardware mobile, giusto? Come previsto, Apple ha aggiornato i suoi modelli di MacBook Pro, che sfruttano a pieno il nuovo sistema operativo OS 10,9 X Mavericks.

La società di Cupertino ha annunciato la nuova linea di MacBook Pro 2013 poco fa, in occasione della conferenza stampa che si è tenuta a San Francisco.

Come per le versioni 2013 sia del modello da 11 pollici che da 13 pollici di MacBook Air rilasciati nel mese di giugno, i nuovi modelli di MacBook Pro 2013 vengono integrati con i nuovi chip Intel di quarta generazione, ultra potenti e con un occhio di riguardo al risparmio energetico.

Apple MacBook Pro

Nei nuovi MacBook Pro, che mantengono lo stesso design di precedente modelli, ma sono più sottili, è presente anche Thunderbolt 2, che Apple promette di essere più veloce di almeno il doppio rispetto a Thunderbolt di prima generazione.

Nello specifico dell'hardware dei nuovi device, il nuovo MacBook Pro da 13 pollici avrà la quarta generazione di processori Intel Haswell, Iris Graphics, WiFi 802.11ac più veloce fino a 3 volte. Il prezzo parte da 1.299 dollari. Il nuovo MacBook Pro da 15 pollici, invece, monta un processore Intel Crystalwell quad core con Iris Pro Graphics e scheda video GeForce GT 750M con memoria da 2GB. Per quest'ultimo modello il prezzo parte da 1.999 dollari.

Entrambi i nuovi MacBook Pro 2013 sono in vendita da oggi, e in esecuzione hanno già l'ultima versione del sistema operativo di Apple, OS X 10.9 Mavericks.

Apple MacBook Pro 2013 provato, ecco le prime impressioni

Nel corso della conferenza stampa presso il centro congressi Yerba Buena Center di San Francisco, i dirigenti di Apple non solo hanno presentato ufficialmente ai giornalisti i nuovi iPad Air e iPad Mini 2, ma anche la gamma rinnovata dei computer portatili Macbook Pro.

Come da previsioni, i nuovi notebook della Mela morsicata si presentano con un design identico ai modelli usciti lo scorso anno, ma sotto la scocca in alluminio possiamo trovare dei componenti completamente inediti. Per l'occasione, i colleghi di Engadget hanno pubblicato una ricca galleria fotografica di scatti dal vivo.

L'architettura Intel Haswell di nuova generazione è in grado di garantire delle performance più elevate, senza trascurare i consumi ridotti di energia. Non solo le prestazioni sono aumentate, ma pure l'autonomia è cresciuta.

Il sistema operativo preinstallato è ovviamente l'ultimo OS X Mavericks: grazie all'hardware di alto livello e alle varie ottimizzazioni software, l'intero sistema è molto reattivo e non presenta alcun segno di rallentamento.

L'unità d'archiviazione dei dati SSD ora è connessa alla scheda madre tramite il bus PCI Express, beneficiando quindi di una maggiore velocità di lettura e modifica dei file.
Già disponibile per la vendita in Italia al prezzo di partenza di 1.329 euro, il nuovo notebook professionale dell'azienda statunitense ha uno schermo retroilluminato LED con diagonale di 13.3 pollici, risoluzione di 2560 x 1600 pixel e tecnologia IPS.

Il processore è l'Intel Core i5 dual-core a 2,4GHz (Turbo Boost fino a 2,9GHz) con 3MB di cache L3 condivisa, ma in fase d'acquisto online è possibile configurare il PC con il ben più potente Intel Core i7 quad core con frequenza operativa di 2.6 Ghz.

Completano la dotazione hardware la memoria RAM da 4 GB (espandibile fino ad un massimo di 16 GB), il chip grafico Intel Iris Graphics, l'uscita Mini DisplayPort nativa, la webcam FaceTime HD a 720p, l'uscita video HDMI, due porte Thunderbolt 2 e due porte USB 3.

Apple Macbook Pro 2013: problemi con la tastiera e Boot Camp

Brutte notizie per tutti i possessori dei nuovi computer portatili Macbook Pro Retina, lanciati durante l'evento stampa dello scorso 22 Ottobre (dedicato alla gamma rinnovata dei tablet iPad) e basati sull'architettura Intel Haswell.

Alcuni utenti si sono infatti lamentati che di tanto in tanto, molto probabilmente a causa di qualche bug del firmware oppure del sistema operativo OS X Mavericks, sia il trackpad che la tastiera smettono improvvisamente di funzionare.

Non si tratta di certo di una situazione piacevole, soprattutto se si è nel bel mezzo della scrittura di un'email o di un documento di testo. A detta degli utenti, l'unica soluzione temporanea consiste nel riavvio nel PC.

Ma non è finita qui: in un altro topic (sempre aperto all'interno del forum ufficiale di supporto Apple), viene segnalata l'impossibilità di installare i sistemi operativi Windows 8 e Windows 8.1 utilizzando l'utility Boot Camp.

Apple Macbook Pro 2013: ecco come e' fatto dentro

Curiosi di sapere com'è fatto dentro il nuovo computer portatile Macbook Pro con Retina Display?
La risposta a questa domanda ci arriva dagli esperti di iFixit, i quali lo hanno smontato pezzo per pezzo per vedere se ci sono delle differenze con il modello dello scorso anno.

Nella versione da 13 pollici, la batteria è stata incollata allo chassis e non è più possibile sostituirla in alcun modo. Il connettore d'alimentazione è il nuovo MagSafe2, e il connettore PCI-express proprietario per l'unità SSD rende la sostituzione di quest'ultima davvero un'impresa.

La situazione non migliora nel modello da 15 pollici: anche qui la batteria è incollata, e la memoria RAM è saldata alla scheda madre. Ciò significa che in caso di problemi hardware una volta scaduta la garanzia, ci dobbiamo preparare a dei conti di riparazione molto salati.

Come da tradizione, i ragazzi di iFixit hanno deciso di dare un punteggio di riparabilità al prodotto, e in questo caso è un non molto accattivante 1 su 10. Il notebook firmato Apple è senza dubbio bello e potente, ma possiamo scordarci la riparazione fai-da-te.
 
 
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?