Apple ha comprato Beats e Beats Music per 3 miliardi di dollari

 

Apple ha confermato Mercoledì l'acquisto di Beats per 3 miliardi di dollari, comprandosi così il business del produttore delle cuffie più popolari al mondo e il servizio di abbonamento di musica in streaming Beats Music

Scritto da Simone Ziggiotto il 29/05/14 | Pubblicata in Apple | Archivio 2014

 

Apple ha comprato Beats e Beats Music per 3 miliardi di dollari

Apple ha confermato Mercoledì l'acquisto di Beats per 3 miliardi di dollari, comprandosi così il business del produttore delle cuffie più popolari al mondo e il servizio di abbonamento di musica in streaming Beats Music.

L'acquisizione di Beats è la più importante mai conclusa da Apple e include 2,6 miliardi di dollari che la società di Cupertino deve pagare in anticipo mentre i restanti 400 milioni di dollari matureranno nel corso del tempo.

Le prime notizie circa le trattative in corso tra Apple e Beats, il popolare produttore di apparecchiature audio, sono arrivate tre settimane fa, ma l'affare è stato confermato solo ieri da parte del colosso di Cupertino. L'acquisizione, inizialmente, si prevedeva avrebbe avuto un valore di 3,2 miliardi di dollari, ma la società ha arrotondato l'importo fino ad arrivare a 3 miliardi di dollari.

La società ha detto che i co-fondatori di Beats - Jimmy Iovine e Dr. Dre, definiti i "pionieri del suono", si uniranno alla Apple, la quale continuerà ad utilizzare il marchio Beats.

"La musica è una parte così importante della vita di tutti noi e occupa un posto speciale nei nostri cuori in Apple", ha detto l'amministratore delegato di Apple Tim Cook in un comunicato. "Ecco perché abbiamo voluto investire nella musica e stiamo unendo queste squadre straordinarie in modo che possiamo continuare a creare i prodotti e servizi musicali più innovativi al mondo".

Cook ha anche detto al Wall Street Journal che Iovine e Dr. Drew "hanno un talento raro". In riferimeto al servizio di streaming musicale, Cook ha detto che "amiamo il servizio di abbonamento che hanno costruito. Pensiamo che sia il primo veramente riuscito".

Iovine, nel frattempo, ha detto che ha sempre creduto che Beats "era parte di Apple". "L'idea quando abbiamo aperto l'azienda è stata ispirato dalla capacità ineguagliata di Apple di sposare cultura e tecnologia", ha detto Iovine in un comunicato stampa. "Il profondo impegno di Apple per gli appassionati di musica, artisti, cantautori e l'industria della musica è qualcosa di speciale . "

Quando sono emerse le prime indiscrezioni circa l'acquisizione di Apple di Beats non era chiaro il perché Apple volesse fare questa sua più grande acquisizione dei suoi 38 anni di storia. Beats vende un sacco di cuffie, ma Apple già vende la propria marca di auricolari in-ear come parte di una linea di accessori per iPhone e iPad. Forse Apple era più interessata al servizio di streaming musicale come quello offerto da Beats, visto che il suo iTunes Radio offre possibilità molto limitate ai suoi utenti.

Eddy Cue, Apple senior vice president di software e servizi Internet, ha detto che Apple potrà migliorare il suo iTunes Radio in modo che gli utenti potranno ascoltare senza limiti qualsiasi canzone (previa abbonamento). Cook, nel frattempo, ha detto a Recode che Apple può costruire "tutto quello che si poteva sognare", ma Beats dà alla società "un grande vantaggio".

Cook ha detto che Apple era interessata a Beats non per "quello che Apple e Beats stanno facendo oggi" ma per "ciò che noi crediamo che insieme [Apple e Beats] possono produrre per il futuro".

La maggior parte delle precedenti acquisizioni portate a termine da Apple sono state così piccole che Apple non ha nemmeno voluto renderle note alla stampa. Prima di Beats, la più grande acquisizione pubblica di Apple, il record di soldi sborsati dalla società per acquisire una società è stato di 429 milioni di dollari pagati nel 1996 da Steve Jobs per il produttore di software Next. Cook e il suo team hanno poi acquistato 27 aziende tra il 2013 e quest'anno. Beats è il più grande affare finora.

Apple ha comprato Beats: le reazioni degli analisti

 
Anche dopo che Apple ha confermato le voci di lunga data che hanno visto il colosso di Cupertino acquisire il business di Beats, gli analisti del settore non sono tutti concordi nel dire che Apple ha fatto un'investimento giusto. Vediamo le varie opinioni.

Morgan Stanley è a favore dell'acquisizione che si è chiusa con 3 miliardi di dollari sul piatto, dicendo che una possibile acquisizione del business delle popolari cuffie e del servizio streaming musicale era giustificata a causa del suo basso rischio, ma il potenziale di rendimento elevato. Morgan Stanley ha detto che Apple ha fatto un buon affare, soprattutto in considerazione del potenziale di ulteriore crescita dei ricavi che Beats potrà avere grazie alla rete di distribuzione globale di Apple.
Il servizio di musica in abbonamento Beats Music "potrebbe essere un ottimo affare, perchè Apple crede che Beats offre la giusta strategia per lo streaming di musica in quanto sfrutta diversi algoritmi e 200 persone umane per creare playlist, cose che lo differenziano [il servizio] dai concorrenti .".
 
Anche RBC Capital Markets vede in maniera positiva l'affare, sottolineando che Apple acquisirà l'accesso ad un importante servizio di abbonamento musicale e business di hardware ad alto margine di profitto, che la società di analisi stima possa sostenere oltre il 70 per cento dei margini lordi. "A nostro avviso, la strategia musicale di iTunes, che è stata contestata di recente, potrebbe beneficiare della novità", ha scritto RBC Capital. "In particolare, Iovine è stato uno dei primi dirigenti del settore ad anticipare il declino del business del download di musica in favore della sottoscrizione di servizi di streaming che sarà il futuro della musica".
 
Mentre Wells Fargo Securities si dice disposta a dare a Apple "qualche beneficio del dubbio" sulla base del suo successo storico, la società di analisi non la vede come le precedenti due: gli analisti di Wells Fargo Securities vedono nell'acquisizione una difensiva per Apple, per tutelare il suo business musicale, e che dovrebbe invece "concentrarsi su attività più offensive per il mercato per meglio posizionare se stessa". Notando poi che le cuffie Beats costano un sacco di soldi, e che sono un prodotto che gode di margini di profitto elevati, Wells Fargo Securities ritiene che l'acquisizione è stato per Apple solo uno sforzo "miope per incrementare le entrate dagli accessori".
 
Ricordando che l'acquisto di Beats è di gran lunga la più importante acquisizione di Apple, International Strategy & Investment Group ha osservato che il prezzo di acquisto rappresentava poco più del 2 per cento della liquidità che Apple aveva a disposizione. Gli analisti ritengono poi che il servizio musicale di Beats, nato da poco, potrà dare una spinta in avanti all'offerta iTunes Radio di Apple (che offre solo radio in streaming, non la possibilità per gli utenti di scegliere cosa ascoltare). 
 
 

Apple e Beats: Tim Cook condivide la sua visione in una lettera ai dipendenti

 
Perché Apple sta pagando 3 miliardi di dollari per comprare una società di musica come Beats? La risposta arriva dalla lettera di Tim Cook ai dipendenti Apple.

L'acquisizione di Apple di Beats Music e Beats Electronics è ormai ufficiale e l'affare sta costando all'azienda di Cupertino 3 miliardi di dollari - il più importante investimento mai fatto da Apple. Ma perché Apple sta pagando tanto per comprare una società di musica come Beats? La risposta arriva dalla lettera di Tim Cook ai dipendenti Apple, in cui egli condivide la sua visione di come Beats potrà beneficiare ad Apple e spiega lo scopo della transazione (o quasi).
 
Secondo Cook, Beats offre il primo abbonamento musicale "fatto come si deve". Questo è discutibile, però, in quanto il servizio è giovane e conta appena sopra i 110mila abbonati. In confronto, Spotify ha 6 milioni di abbonati. In ogni caso, ecco la traduzione della lettera di Cook:
 
Team,
Questo pomeriggio abbiamo annunciato che Apple sta acquisendo Beats Music e Beats Electronics, due aziende in rapida crescita, che completano la nostra linea di prodotti e contribuiranno a prolungare l'ecosistema Apple in futuro. Portare le nostre aziende insieme spiana la strada a sviluppi incredibili che i nostri clienti ameranno.
La musica è una parte importante della nostra vita e della nostra cultura. La musica ha il potere di ispirare noi, per confortarci e per far impennare le nostre emozioni. Essa unisce le persone e trascende i limiti del linguaggio parlato.

La storia di Apple nella musica cominciò con la vendita di Mac ai musicisti, cosa che rimane importante per noi anche oggi, ma abbiamo portiamo la musica anche a centinaia di milioni di clienti con iTunes, che è all'avanguardia della rivoluzione della musica digitale. La musica occupa un posto speciale nei nostri cuori in Apple, e sappiamo che possiamo dare un contributo ancora più grande a qualcosa che è così importante per la nostra società. Ecco perché abbiamo voluto investire nella musica e perché stiamo riunendo queste squadre straordinarie - in modo che possiamo continuare a creare i prodotti e servizi musicali più innovativi al mondo.

I co-fondatori di Beats nonchè pionieri dell'industria musicale Jimmy Iovine e Dr. Dre si uniranno ad Apple, con il loro team di collaboratori. Jimmy è stato all'avanguardia dell'innovazione nel settore della musica per decenni, anche come un partner chiave per Apple nel lancio di iTunes Music Store più di dieci anni fa. Ha prodotto e collaborato con alcuni degli artisti più popolari nella storia, e ha dato un importante contributo al successo di iTunes Store.

Beats Music è stato costruito con profondo rispetto per entrambi, sia gli artisti che gli appassionati [di musica]. Pensiamo che sia il primo servizio di abbonamento fatto davvero bene. Sia Apple che Beats credono che un servizio di musica richieda un forte editore e una squadra che ne curi i contenuti, e continueremo ad espandere ciò che facciamo in questi ambiti. L'aggiunta di Beats renderà il nostro incredibile catalogo di iTunes meglio ancora, estendendo il legame emotivo che i nostri clienti hanno con la musica. Il team Beats Music farà capo a Eddy. Le squadre potranno conoscersi meglio nelle prossime settimane, e siamo molto entusiasti delle possibilità per il futuro.

Beats Electronics è diventato il marchio di scelta per cuffie e altoparlanti sia per la musica che il mondo dello sport, appena cinque anni dopo il suo lancio. Sono tra i prodotti di terze parti più popolari e più quotati venduti oggi nei negozi al dettaglio e online di Apple. Vediamo un'incredibile opportunità nel portare le leggendarie capacità di progettazione ed engineering in Apple di questi prodotti popolari sotto la guida di Phil.

Unitevi a me nel dare il benvenuto a Beats in Apple. Spero che siate entusiasti come lo sono io di questo nuovo capitolo della nostra storia.
Tim

Su un lato della nota, è stato rivelato che Beats e HP hanno un contratto, in cui si afferma che il produttore di PC ha il diritto di utilizzare il marchio Beats e dei prodotti della sua linea di computer fino alla fine del 2014 e vendere dispositivi Beats fino a fine del 2015.
 

Apple, acquisto di Beats in Forse
 

Dopo le indiscrezioni di settimane fa, Apple potrebbe non acquisire più Beats Electronics: ecco i motivi.

Più di tre settimane fa, indiscrezioni provenienti da più fonti hanno scosso il mondo tecnologico e hanno fatto credere che Apple avrebbe quasi certamente acquistato la società produttrice di cuffie Beats Electronics per circa 3,2 miliardi di dollari. Ma da allora, non c'è stata neppure una parola da parte di Apple. Naturalmente, l'accordo era solo nella sua "fase avanzata " secondo quei primi rapporti, e sappiamo ora le possibili cause che stanno facendo durare i negoziati più lungo del previsto.
 
Secondo Billboard, che ha detto di aver parlato con molteplici fonti vicine alle due società, semplicemente è complicato concludere l'affare con 3,2 miliardi di dollari sul piatto - per Apple sarebbe la più grande cifra pagata da quanto Tim Cook è il nuovo amministratore delegato della società e forse le notizie dell'acquisto sono trapelate molto prima del previsto.
Billboard rileva inoltre che il servizio di streaming di musica lanciato poche settimane da Beats è una business-unit separata di Beats Electronics, e se il servizio Music Unlimited è la parte che più interessa alla Apple ci potrebbe essere un disaccordo sul prezzo di acquisto (che dovrebbe essere quindi più alto di 3,2 miliardi di dollari).
 
Una fonte ha poi raccontato ad una rivista del settore musicale che vi sono anche preoccupazioni circa il far diventare Jimmy Iovine e Dr. Dre dei dirigenti Apple.
Dovremmo scoprire presto se Apple intende ancora acquistare l'impero di Beats Electronics o meno.
 

Apple punta su musica, vuole comprare Beats

 
Sempre più fonti confermano le trattative in corso tra Apple e Beats Electronics, con la società di Cupertino pronta ad investire 3,2 miliardi di dollari per comprare l'azienda che produce cuffie di alta classe firmate Dr. Dre e gestisce il servizio di streaming di musica Beats Music.

Apple si appresterebbe a lanciare un servizio di musica in streaming degno di concorrere contro rivali come Spotify, Deezer e Beats Music... o meglio, quest'ultimo potrebbe non essere una vero rivale, poichè, secondo indiscrezioni, l'azienda di Cupertino è prossima ad acquistare per oltre 3 miliardi di dollari Beats, la società che produce cuffie per la musica e che ha da poco lanciato negli Usa Beats Music, il servizio streaming in stile Spotify.
 
A dire la verità Apple ha già un servizio di streaming musicale, chiamato iTunes Radio, il quale però è più simile a Pandora, un servizio che genera in automatico delle stazioni radio musicali e non permette agli utenti di decidere quale brano ascoltare o di creare playlist personalizzate; queste cose sono possibili invece con Spotify, Rdio, Play Music di Google e Deezer, per citarne alcune.
 
Secondo indiscrezioni che giungono dai media stranieri, Apple sarebbe pronta a comprare Beats (la notizia potrebbe essere ufficializzata entro settimana prossima o alla conferenza Apple WWDC di giugno). Secondo il Wall Street Journal, Apple ha proposto 3,2 miliardi di dollari per comprare la Beats Electronics. Se le indiscreziooni saranno confermate, per l'azienda guidata da Tim Cook si tratterebbe di un colpo grosso nel campo musicale.
 
Beats, fondata nel 2008 da Dre e da Jimmy Iovine, è nota per le sue cuffie iper-pubblicizzate che i critici liquidano per essere un prodotto puramente commerciale e di poca sostanza - in molti lamentano che le cuffie Beats non valgono il loro prezzo. I prezzi dei prodotti Beats sono elevati, e partono da circa 99 euro per dei semplici auricolari per arrivare anche fino a 450 euro per le cuffie di fascia più alta (Beats by Dr. Dre Pro Cuffie Over-Ear).
 
Mentre piattaforme come Spotify ogni giorno contano sempre più utenti attivi nel mondo, i ricavi provenienti dai download di brani e album sono in declino. Perchè mai comprare un album al costo medio di 10 euro o una singola canzone su iTunes al costo medio di 1 euro quando con soli 10 euro al mese si può avere accesso ad un catalogo di 20 milioni di brani, avendo anche la possibilità di ascoltarli in modalità offline e su più dispositivi? Questo concetto è alla base del successo dei servizi di musica in streaming, e motivo per il quale Apple sta registrando sempre meno acquisti dal suo iTunes. Inglobando il servizio streaming Beats Music, Apple potrebbe rafforzare ulteriormente la sua posizione nel settore musicale
 
 
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?