Apple, iPhone si sblocchera' da solo se si trova in un posto sicuro

 

Un brevetto appena pubblicato da Apple immagina un iPhone che cambia in automatico il metodo di sblocco in base a dove gli utenti si trovano

Scritto da Simone Ziggiotto il 09/07/14 | Pubblicata in Apple | Archivio 2014

 

Apple, iPhone si sblocchera' da solo se si trova in un posto sicuro

Un brevetto appena pubblicato da Apple immagina un iPhone che cambia in automatico il metodo di sblocco in base a dove gli utenti si trovano.

Il blocco di sicurezza dello smartphone è spesso visto come uno strumento necessario, ma a volte fastidioso. Che sia un codice PIN o anche utilizzare gli scanner di impronte digitali di più recente intriduzione possono essere sistemi difficili da usare quando si armeggia a casa con qualcosa o si è seduti in macchina. Sembra che Apple stia cercando di risolvere questo tipo di problemi. Il Patent and Trademark Office degli Stati Uniti ha pubblicato una domanda di brevetto da parte di Apple che dettaglia una tecnologia in grado di rilevare la posizione degli utenti rispetto al dispositivo e quindi modificare il metodo di sblocco.

L'idea è quella di avere un iPhone in grado di riconoscere luoghi tipici dove stanno gli utenti, come la loro casa, il lavoro, e l'auto, basandosi sulla localizzazione del GPS o di una nota rete Wi-Fi. Quindi, il sistema regola il livello di sicurezza per sbloccare i loro telefoni. Ad esempio, a casa forse non è necessario avere un livello di sicurezza estremo perchè è un luogo frequentemente visitato dagli utenti, mentre in un negozio di alimentari potrebbe essere attivato lo sblocco con l'impronta digitale o un codice PIN particolare, mentre in luoghi lontani o affollati una soglia di sicurezza più elevata potrebbe essere utile per sbloccare il telefono.

"Poiché alcune località possono essere intrinsecamente più sicure, come la casa o l'ufficio di un utente, queste posizioni possono essere considerate 'sicure' e richiedere una sicurezza meno rigorosa", Apple ha scritto nella sua domanda di brevetto. "Può essere auspicabile diminuire i requisiti di sicurezza quando il dispositivo mobile è in un luogo sicuro. Viceversa, alcune località possono essere considerate un rischio più elevato o 'non protetto'. In queste posizioni, può essere desiderabile avere protezioni di sicurezza più severe."

Apple ha lavorato sul potenziamento della sicurezza di iPhone per anni. Lo scorso autunno, l'azienda ha integrato per la prima volta uno scanner di impronte digitali, chiamato TouchID, nel pulsante Home dell'iPhone 5S, che richiede agli utenti di scorrere il dito sul sensore per sbloccare il loro telefono cellulare, piuttosto che digitare un codice PIN. Nel mese di marzo, un'altra domanda di brevetto di Apple è stata pubblicata e in questa l'azienda ha trattato di un sistema con cui gli utenti possono sincronizzare tutti i loro dispositivi - come computer portatili, smartphone e tablet - con gli stessi dati biometrici.

Anche Google starebbe lavorando su sistemi di sicurezza intelligenti basati sulla posizione degli utenti. Nel corso della sua conferenza annuale Google I/O tenuta il mese scorso, la società ha parlato di una funzionalità simile per la prossima versione di Android. Google chiama la funzione "sblocco personale" e ha detto che darà agli utenti molti modi per sbloccare il proprio telefono in base alla posizione, secondo PC World.

Mentre è chiaro che Apple sta cercando nuove tecnologie per garantire sicurezza ai propri clienti, non si sa se ​​e quando sistemi come quello descritto nel brevetto di cui sopra saranno effettivamente introdotti nell'iPhone.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?