Apple iTunes Store: vendite delle canzoni in calo nel 2014

 

Dopo le ottime notizie sulle vendite di iPhone ne sono giunte altre meno entusiasmanti, aventi a che fare con una flessione del settore musicale di iTunes

Scritto da Maurizio Giaretta il 27/10/14 | Pubblicata in Apple | Archivio 2014

 

Apple iTunes Store: vendite delle canzoni in calo nel 2014

Dopo le ottime notizie sulle vendite di iPhone ne sono giunte altre meno entusiasmanti, aventi a che fare con una flessione del settore musicale di iTunes.

Se iTunes, che da sempre è uno dei negozi digitali più floridi per quanto riguarda l'acquisto della musica, ha subito una contrazione che supera abbondantemente il 10%, allora c'è qualcosa che non va. Il calo rispecchia infatti le difficoltà che attualmente sta attraversando l'intero settore discografico.

Negli Stati Uniti da Gennaio a Giugno il calo dei download digitali di canzoni e album è stato rispettivamente dell'11 e del 14 percento (dati della Recording Industry Association of America). E la Mela di sicuro non ha la strada in discesa, in quanto continua a proporre un modello di acquisto delle canzoni e degli album classico.

DA INIZIO ANNO IL CALO DELLE VENDITE MUSICALI SU ITUNES E' STATO DEL 13-14 PERCENTO

Contestualmente, nell'ultimo paio d'anni si sono affermate molte alternative che danno la possibilità di ascoltare la musica in steraming senza limiti al corrispettivo di una decina di euro mensili. Il prezzo è allettante: non a caso nei primi sei mesi dell'anno i ricavi di questo genere di servizi sono aumentati del 28%. Il settore della musica digitale è così riuscito a mantenere praticamente stabile il giro d'affari complessivo, che sempre da Gennaio a Giugno è stato pari a 2,2 miliardi di dollari.

In base a quanto affermano persone informate dei fatti, che hanno riportato le indiscrezioni al Wall Street Journal, il calo delle vendite a livello globale da inizio anno per iTunes Store è stato tra il 13 e il 14 percento. E al cospetto di un anno prima, durante il quale si era registrata la flessione del 2,1% (dati provenienti dall'International Federation of the Phonographic Industry), la differenza comincia a farsi sentire.

Per porre rimedio alla situazione la società di Cupertino ha già cominciato a muoversi. A inizio anno Tim Cook ha concluso la trattativa di acquisto per il servizio di streaming musicale Beats Music e del produttore Beats Electronics per un corrispettivo di 3 miliardi di dollari. Si è trattato dell'acquisto più oneroso che sia stato fatto da Apple in tutta la sua esistenza.

BEATS MUSIC E' IN FASE DI AGGIUSTAMENTO E SI INTEGRERA' IN ITUNES DAL 2015

Apple iPhone 6

Sempre in base alla fonte anonima del WSJ, Beats Music ora è in fase di rimodellamento e dovrebbe essere integrato in iTunes a partire dal 2015. Sembra che il prezzo mensile che si voglia offrire ai clienti possa essere decisamente vantaggioso (leggi: "Apple Beats a 5 dollari, Apple vuole dimezzare il costo di abbonamento").

Nelle ultime settimane la società di Cupertino ha presentato un'orgia di nuovi prodotti: si parte con Apple iPhone 6 (foto sopra) e iPhone 6 Plus, si fa tappa per l'orologio Apple Watch e, passando per i nuovi computer Mac, si arriva anche ai tablet iPad Air 2 e iPad Mini 3. Per tutte le informazioni consigliamo di dare uno sguardo alle rispettive schede tecniche su PianetaCellulare.it.

 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?