BlackBerry in crisi: si cerca una soluzione

 

Nokia si è trovata in una situazione che richiama quella di BlackBerry, anche se la sua crisi (che persiste) è stata meno profonda

Scritto da Maurizio Giaretta il 12/11/11 | Pubblicata in BlackBerry | Archivio 2011

 

Nokia si è trovata in una situazione che richiama quella di BlackBerry, anche se la sua crisi (che persiste) è stata meno profonda. La società finlandese, in segno di rottura con il passato, ha cambiato CEO e strategia, andando a stringere l'alleanza con Microsoft per il sistema operativo Windows Phone.

Che BlackBerry debba optare per una soluizione del genere? Magari integrando i propri servizi in un sistema già avviato come Android, Windows Phone o Symbian (che è stato scartato da Nokia)? Ve lo immaginate un BlackBerry con sistema opertativo Android?

I dirigenti RIM però sembrano non vederla in questo modo catastrofico. Secondo loro BlackBerry continua ad avere una solida base di 70 milioni di clienti, costituita per la maggior parte da professionisti e da giovani tecnofili.

Ricordiamo che la società ad Agosto ha presentato il nuovo sistema operativo BlackBerry 7. I primi smartphones con BB OS 7 integrato hanno fatto registrare "forti vendite" ha sottolineato Jim Balsillie durante una conferenza tenutasi a Settembre.

Nei prossimi mesi si aspettano diverse novità che includono l'aggiornamento per il tablet PlayBook (in arrivo a Febbraio), che gli consentirà di far girare anche le applicazioni Android, e nuovi dispositivi. Nel 2012 si attende il debutto di BBX, il nuovo sistema operativo per smartphone e tablet che sarà anch'esso compatibile con le app Android.

BlackBerry perde il fascino anche tra i suoi utenti

Le cose per RIM negli ultimi anni sono cambiate. La leadership del mercato americano è ormai un ricordo e ora si deve combattere per tenere il passo con i sistemi operativi rivali, Android e Apple iOS in primis.
 
Basti pensare che nel 2006 Research In Motion nel mercato USA era in prima posizione con un solido 48%. La fetta però si è col tempo assottigliata, attestandosi lo scorso Giugno a un più blando 11,6% (dati IDC), dietro ad Android e iOS.
 
Anche gli stessi utenti sembra che si siano accorti della mancanza di quella componente che tempo fa rendeva i BlackBerry affascinanti.
 

 
I recenti avvenimenti poi, tra i quali ha primeggiato il black-out dei server che circa un mese fa ha lasciato milioni di utenti senza il servizio email per tre giorni, non hanno sicuramente aiutato a migliorare l'immagine della società canadese, la quale basa la propria immagine proprio sulla sicurezza e sull'affidabilità.
 
Secondo quanto riporta Reuters, alcuni gli utenti hanno segnalato nuovi ritardi nei servizi, sintomo che il black-out dello scorso mese potrebbe non essere stato superato completamente. Se non bastasse, ieri Google ha inoltre confermato che non sarà più sviluppata l'applicazione Gmail per i telefonini BlackBerry.
 
Ecco che cosa pensa Chris Jones della società di analisi Canalys: "Il mercato è cambiato. Sono stati fatti passi in avanti per quanto riguarda le applicazioni, il comparto multimediale, la qualità delle fotocamere, l'esperienza di navigazione". Il problema sta nella di "carenza di RIM carenza sotto questi aspetti e per altri ancora".
 

Ultime notizie

 
 

Notizie per Categoria

 
 

Seguici

 

Promozioni Consigliate

 
Vuoi restare aggiornato ?